I turisti tornano a viaggiare di nuovo: viaggi a rate e zero interessi

Amadeus, multinazionale che opera nel settore turistico ha pubblicato "Consumer Travel Spend Priorities", uno studio che analizza le abitudini di spesa.

Consumer Travel Spend Priorities

Secondo lo studio "Consumer Travel Spend Priorities", realizzato da Amadeus incentrato su 4.500 consumatori in Europa, Stati Uniti e Singapore, nel giugno 2022, per quanto riguarda le loro abitudini di spesa in viaggio, i consumatori hanno affermato di voler viaggiare di più nonostante le incertezze economiche e geopolitiche, con la classifica dei viaggi internazionali come priorità più alta tra sei categorie di spesa.

Il 42% degli intervistati ha valutato i viaggi internazionali al di sopra dei viaggi nazionali, mangiare fuori, fare shopping, acquistare una nuova auto o rinnovare la casa, il che dimostra quanto il COVID-19 abbia influenzato il desiderio collettivo di vedere nuovi posti e sperimentare nuove culture.

In media, i consumatori stimano che nei prossimi 12 mesi spenderanno poco più di 2.600 euro in viaggi internazionali, allineandosi ai budget pre-pandemia che erano di circa 2.700 euro.

vacanze 2022

La principale differenza tra le stime 2022 e i budget 2019 per viaggiare è che i clienti spenderanno la stessa somma di denaro ma riusciranno a risparmiare molti meno soldi, dato che, in tutto il mondo, i costi per viaggi, spese, carburante, generi alimentari e spettacoli sono in forte aumento.

Di fronte all'incertezza economica, sempre più turisti adottano soluzioni fintech per finanziare i loro viaggi e sono desiderosi di trovare soluzioni alternative, compresi i pagamenti rateali, per alimentare i loro sogni di viaggiare all'estero. In effetti, lo studio di Amadeus mostra che uno sbalorditivo 75% degli intervistati ha maggiori probabilità di optare per i piani Buy Now, Pay Later (BNPL) per finanziare i viaggi, rispetto a solo il 44% che è più propenso a usare le proprie carte di credito e il 26% che pensa di optare per prestiti con anticipo sullo stipendio.

Inoltre, quasi la metà degli intervistati (47%) afferma che utilizzerà punti fedeltà, mance, sconti e offerte speciali per finanziare i propri viaggi, invece di continuare a raccoglierli.

Oltre ai pagamenti BNPL, il 48% dei partecipanti al sondaggio ha affermato di essere più propenso a provare carte di debito prepagate con spazio per varie valute per evitare enormi commissioni sul cambio valuta quando si è costretti a pagare all'estero in una valuta diversa dall'Euro, mentre il 49% degli intervistati ha affermato di essere interessato a carte co-brandizzate che forniscono punti fedeltà.

Dato l'attuale contesto economico, il 73% dei viaggiatori sarà particolarmente attento ai costi che dovrà pagare in valuta estera, sia per quanto riguarda la compravendita che le commissioni e costi aggiuntivi associati ai viaggi e prelievi internazionali, mentre oltre la metà degli intervistati preferirebbe un fornitore di viaggi che consenta loro di pagare nella propria valuta, con trasparenza sulle commissioni applicate sulle operazioni in valuta. Alternative valide in questo senso potrebbero essere Wise o Revolut.