Quali app o servizi finanziari digitali aiutano professionisti e artigiani

Le migliori app e strumenti digitali che aiutano professionisti e artigiani come idraulici, elettricisti o decoratori a risparmiare tempo e denaro.
Maria Comotti avatar
Maria Comotti
Giornalista e mamma, trasformo le mie passioni in scrittura e uso la curiosità come lente di ingrandimento
professionisti e artigiani fintech

Neanche il lockdown dovuto al Coronavirus è riuscito a fermare queste categorie, sempre tanto ricercate e altrettanto difficili da intercettare: stiamo parlando degli idraulici, elettricisti, installatori, decoratori e di tutti quegli artigiani che in Italia rappresentano una fetta importante e capillare del tessuto produttivo, alle prese però anche con molteplici aspetti burocratici e fiscali che le soluzioni digitali possono aiutare a gestire con semplicità ed efficacia.

Oltre alle attività legate alla specificità del proprio lavoro, queste categorie di lavoratori infatti, qualora siano proprietari di una ditta o semplicemente liberi professionisti autonomi, devono gestire anche tutti gli aspetti burocratici e amministrativi del mestiere. E visto che il tempo è prezioso (non solo per chi li aspetta impaziente a casa con l’impossibilità di farsi una doccia calda o di accendere la luce), perché non considerare l’aiuto che può arrivare dalla tecnologia, in termini di risparmio di energie, minuti e risorse?

Pianificare il lavoro con facilità

pianificazione

Prendiamo ad esempio i gestionali, software che permettono a questi liberi professionisti di ottimizzare il proprio lavoro con strumenti pensati ad hoc per le loro specifiche esigenze, per gestire in tutta semplicità, ad esempio, gli acquisti diretti da Fornitori a Commessa, per poter tracciare le forniture con codice articolo, aggiornare in automatico listini, gestire impianti antincendio e ancora avere una rapida interfaccia con il CIT per il caricamento degli allegati tecnici compilati in campo. Questo è ad esempio quello che propone Idraulico Top, la soluzione proposta da Top System, software house torinese fondatrice del Sistema Gestionale Top. Anche la gestione dei servizi sul campo può essere molto agevolata, grazie a software che permettono di creare ordini di lavoro, inviarli a operatori in loco, tracciando contemporaneamente i progressi dei lavori dell'impianto idraulico dal back office. Questo quello che si può fare con EyeOnTask, che permette di pianificare, organizzare e semplificare, anche grazie alla app.

Pagamenti facili e senza sorprese

lettore di carte magnetiche

E quando si arriva al momento cruciale dei pagamenti, come agevolare i clienti rispettando le normative (una, per tutte, quella dell’obbligatorietà POS)? A chi ancora nicchia da questo punto di vista, ricordiamo che ogni utente di internet in Italia possiede mediamente oltre 2 carte di pagamento (2,3) e il 94% possiede uno Smartphone, che nel 74% dei casi utilizza anche per fare pagamenti e che per il 40% è abilitato ai pagamenti contactless NFC (dati Osservatorio Digital Innovation del Politecnico di Milano). Sarà per questo che nel 2019 sono cresciuti i terminali POS (arrivati a 2,17 milioni) e i Mobile POS (terminali collegati via bluetooth o ingresso audio allo smartphone dell'esercente, a quota 280.000, +50% rispetto al 2018). Se a spaventare i piccoli imprenditori sono i costi dei POS bancari, è possibile orientarsi anche su offerte alternative, con la possibilità di acquistare a basso costo e soprattutto con una spesa una tantum, quindi senza canoni, POS mobile che comportano anche il pagamento di commissioni ragionevoli per ogni transazione. Si tratta perlopiù di lettori di carte facili da usare attraverso smartphone o tablet, con alte prestazioni degli strumenti legati all'elaborazione dei pagamenti e una totale trasparenza rispetto a costi e tariffe. Sono di questo tenore le proposte ad esempio di iZettle e SumUp, entrambe adatte alle piccole attività ma con un diverso tipo di tariffazione: la prima flessibile, favorevole a chi supera una determinata soglia di entrate mensili con carta, l’altra più conveniente nel caso di attività con un minore volume di introiti elettronici. Da notare come queste opportunità sono state colte durante il lockdown e le successive fasi, come rilevato dall'Osservatorio di SumUp: già a partire dal 20 aprile nel settore degli artigiani l'azienda ha registrato un trend inedito in costante crescita e consolidamento, raggiungendo picchi del 57% per le transazioni digitali settimana su settimana, andamento in stabile aumento dall’11 maggio in poi.

Anche con Satispay Business esiste la possibilità di ricevere i pagamenti dai propri clienti, con un semplice tap dal loro smartphone. Nessun costo di iscrizione o registrazione, 0,20 € di commissione solo per le transazioni superiori a 10€. Uno strumento così utile a semplificare la gestione dei pagamenti per i professionisti che è stata integrata dalla banca digitale Qonto tra i metodi di pagamento compresi nella propria offerta.

Online banking anche per l'attività

Per amministrare al meglio e con facilità il proprio business, con costi bassi, le carte conto aziendali possono essere un'ottima soluzione: alla fine, infatti, conta essere in possesso di un codice IBAN per l’invio e la ricezione di bonifici, con la gestione che può essere effettuata dai proprietari dell’esercizio commerciale, dall'amministratore o persino da un dipendente in caso di affido. Tra le numerose proposte offerte dal mercato, ne esistono di calibrate ad hoc per le categorie di artigiani di cui stiamo parlando. N26 Business, ad esempio, è pensata per partite IVA e freelance (mentre non è una soluzione adatta a persone giuridiche o società). Offre dei notevoli vantaggi in termini di costi e gestione delle spese (canone, emissione e prelievi dall’Italia e dall’estero totalmente gratuiti), ha aggiunto un IBAN italiano e nel conto Business You (questo con canone, 9,90 al mese) offre anche coperture assicurative. Un particolare interessante: il conto corrente business online di N26 offre lo 0,1% di cashback su tutti gli acquisti effettuati con la Mastercard Business, che sale addirittura allo 0,5% nel conto Business Metal (a 16.90 euro al mese, con coperture assicurative estese e molti altri vantaggi aggiuntivi rispetto alla versione base). Un'altra proposta da considerare è quella offerta da Qonto, ideale per professionisti ma anche startup e PMI. Con una piattaforma intuitiva e un'esperienza utente ottima, rappresenta una soluzione completa per la gestione finanziaria della propria attività, con un IBAN italiano, carte di pagamento Mastercard, tool e servizi che semplificano la contabilità. E' possibile anche fornire un accesso dedicato al proprio commercialista che può quindi consultare in autonomia l'estratto conto e scaricare le ricevute allegate. Esistono tre piani (Solo, a 9 euro al mese, Standard, a 29 e Premium a 99) e tre carte (Inlcuse, gratuita, oppure Plus a 6 euro al mese e X a 20 euro al mese ma con zero commissioni e limiti più alti).

Fatture no problem

Un'altro compito non indifferente da gestire per i professionisti è quello della fatturazione elettronica, esteso a partire dal 1° gennaio 2019 dalle operazioni per la pubblica Amministrazione anche a quelle B2B e B2C. Cosa serve a questo punto? Sono fondamentali soluzioni semplici da utilizzare, economiche, ma soprattutto in grado di “parlare” con l’ecosistema applicativo di terze parti, a partire per esempio dai software scelti dal commercialista. Una proposta valida è quella offerta da Finom, piattaforma con cui aziende e freelancer possono gestire al meglio la fatturazione elettronica, tenendo sotto controllo scadenze e pagamenti. E' facilissimo, si utilizza online senza installazioni ed è l'ideale se si cerca una soluzione pratica e veloce per la fatturazione elettronica, con costi nulli o limitati. Per il regime forfettario è previsto infatti un piano gratuito, mentre professionisti e aziende possono sottoscrivere opzioni a basso costo, molto convenienti rispetto alla concorrenza. Finom sta anche per lanciare un conto business pensato per PMI e liberi professionisti. Semplice ed efficace anche Fatture in Cloud, software di fatturazione online pensato per piccole imprese, startup, professionisti e freelance che permette di connettersi ovunque da computer, smartphone e tablet, per fare un preventivo, una fattura o semplicemente per controllare l'andamento della propria attività. Si tratta in realtà di uno strumento utile anche per aiutare i professionisti nella gestione della partita Iva, perché permette di assolvere a vari adempimenti amministrativi e controllare l’andamento degli affari, tramite report intuitivi e facile da capire. Tre piani possibili, da 8 euro al mese (Standard), fino a 14 (Premium) e 19 (Premium Plus).

Dichiarazioni 2.0

dichiarazione

E per dormire sonni tranquilli anche i periodo di dichiarazione dei redditi, i professionisti possono scegliere di affidarsi a piattaforme di servizi per la micro e piccola impresa che includano anche consulenza fiscale e professionale. Un esempio? FlexTax, soluzione che permette di beneficiare, a costi sostenibili, di tecnologia e professionisti per la gestione fiscale, economica e finanziaria della propria azienda. Il piano gratuito comprende 10 Ticket all'anno di assistenza fiscale, fatture cartacee illimitate con scarico di xml per la fatturazione elettronica, accesso illimitato a report e analisi economiche finanziarie, accesso illimitato all'utilizzo di simulatori per imposte e calcolatori a contabilità online. Il piano a partire da 329 euro anno (account Plus) prevede l'assegnazione a un consulente fiscale dedicato per la gestione della contabilità con la dichiarazione dei redditi inclusa e assistenza personalizzata via telefono e ticket. Un'altra app che permette di semplificare la gestione e, perché no, magari anche di ridurre le tasse, è EasyTax Assistant: aiuta a capire quali e quante tasse si pagano, a controllare le scadenze e a risparmiare attraverso le agevolazioni previste per il proprio profilo fiscale. Non sostituisce il commercialista, ma è un valido strumento per ricordare scadenze, essere consapevoli e inviare documentazione completa e organizzata ai propri consulenti.

Lavorare tranquilli e assicurati in modo personalizzato

lavorare tranquilli

Se parliamo di tranquillità al lavoro, non basta aver lavorato in modo organizzato, aver fatturato e infine dichiarato. Per un artigiano significa anche tutelarsi da rischi legati a incidenti sul lavoro, per se stessi o per i propri dipendenti, eventualità che oltre al danno personale implicano ritardi nella consegna dei lavori e l’inizio di guai che possono anche terminare con il pagamento di una penale, la perdita di nuovi lavori e la diminuzione della capacità di produrre reddito. E cosa dire del furto di materiale? Per questi rischi molto legati alle singole professionalità oggi esistono delle assicurazioni pensate ad hoc sulle esigenze di ciascun professionista: è il caso di Lokky, un prodotto chiaro e trasparente, tagliato su misura e completamente digitale. Il punto di forza di questa proposta è basato sugli strumenti messi a disposizione (la tecnologia, l'analisi dei dati e l'esperienza) e sul fatto di poter davvero personalizzare le polizze in base alle più specifiche esigenze di ognuno, in modo da arrivare alla “polizza perfetta”, quella che non fa pagare garanzie superflue e non costringe nemmeno ad accontentarsi di prodotti assicurativi standardizzati e che non soddisfano pienamente.

Il passaparola non è più sufficiente

passaparola

Quando si rompe la caldaia o salta l'impianto elettrico, a meno che non si abbia un referente di fiducia, difficilmente ci si mette a telefonare a destra e a manca per farsi consigliare l'idraulico o l'elettricista più adatto. I millennials (ma ormai non solo loro) prendono il cellulare o il computer e si mettono a cercare il professionista da chiamare. Ecco perché è sempre più importante essere presenti online con un proprio sito o sui social, in modo efficace. Quindi è bene chiarire subito “chi sei”, “cosa fai”, l’esperienza, eventuali riconoscimenti ottenuti. I contatti, email e numero di telefono devono essere subito raggiungibili nella navigazione, ben venga poi la presenza di un portfolio con alcuni dei propri lavori e le recensioni dei clienti. Altro aspetto da curare è l’indicizzazione sui motori di ricerca e, perché no, la presenza su piattaforme digitali come ProntoPro, dove è possibile creare una propria vetrina online: basta registrarsi (è gratis), impostare i servizi offerti e il raggio di azione entro cui li si vuole offrire. ProntoPro ti invierà le richieste dei clienti tramite email, SMS o sull'applicazione e potrai valutare le richieste scegliendo quelle cui rispondere.

Maria Comotti avatar
Maria Comotti

Giornalista e mamma, trasformo le mie passioni in scrittura e utilizzo la curiosità come lente di ingrandimento del reale. Cresciuta professionalmente nel quotidiano .Com dove mi occupavo di raccontare il mondo della pubblicità, del marketing e degli eventi, ho poi collaborato con Il Sole 24 Ore, Il Mondo e altre testate economiche. Ora scrivo anche di design, architettura, running e fintech.