Bitcoin diventerà irrilevante, secondo i funzionari della BCE

Dal blog della Banca Centrale Europea avvertono del rischio di legittimare la criptovaluta più famosa e dei rischi per il settore finanziario.

bitcoin blog BCE

Molti dei servizi finanziari presenti su Fintastico ci sono stati segnalati dai nostri partner che ci compensano. Ciò può influenzare i servizi di cui scriviamo e come appaiono e vengono posizionati sulle nostre pagine. Tuttavia, questo non influenza le nostre valutazioni. Le opinioni espresse su Fintastico sono opinioni personali dell’autore e non devono essere intese come una consulenza professionale. Fintastico non è responsabile di alcuna perdita o danno derivato dalla visione o uso di queste informazioni.

Carenze tecnologiche e di design che mettono in discussione l'uso del bitcoin come mezzo di pagamento e anche come investimento al di là della speculazione sembrano portare la criptovaluta all'irrilevanza, secondo due funzionari della Banca centrale europea (BCE) in un articolo di opinione pubblicato sul blog della banca centrale dei 19 Stati membri dell'Unione europea che hanno adottato l'euro.

Ulrich Bindseil, direttore generale del dipartimento Payments and Market Infrastructures della BCE, insieme a Jürgen Schaaf, senior management adviser nello stesso dipartimento, sostengono che mentre per i sostenitori del bitcoin, l'apparente stabilizzazione mostra un respiro verso nuove vette, questo non è altro che "un ultimo sussulto indotto artificialmente prima della strada verso l'irrilevanza".

Questo era già prevedibile prima che FTX fallisse e mandasse il prezzo del bitcoin ben al di sotto dei 16.000 dollari”, avvertono, ricordando che bitcoin veniva scambiato a circa 65.000 dollari un anno fa.

A loro avviso, nonostante sia stato creato per superare il sistema monetario e finanziario esistente, proponendosi come una valuta digitale decentralizzata globale, "il design concettuale e le carenze tecnologiche di bitcoin lo rendono discutibile come mezzo di pagamento", dal momento che le transazioni nel mondo reale sono "ingombranti, lente e costose", quindi non è mai stato utilizzato in modo significativo per transazioni legali nel mondo reale.

Il bitcoin non è adatto come investimento

I due funzionari avvertono inoltre che il bitcoin non è adatto nemmeno come investimento, poiché non genera flusso di cassa o dividendi e non può essere utilizzato in modo produttivo o fornire benefici sociali, quindi la sua valutazione di mercato si basa esclusivamente sulla speculazione.

In questo senso, ricordano che le bolle speculative si basano sul flusso di nuovo denaro, sottolineando che i grandi investitori in bitcoin "hanno gli incentivi più forti per mantenere l'euforia".

Nonostante l'attuale "inverno delle criptovalute", gli investimenti in capitale di rischio nel settore delle criptovalute e della blockchain ammontavano a 17,9 miliardi di dollari (17,284 milioni di euro) a metà luglio.

Ricordano inoltre che questi grandi investitori finanziano anche lobbisti che difendono la loro causa davanti a legislatori e regolatori, osservando che, solo negli Stati Uniti, il numero di "lobbisti" di criptovalute è quasi triplicato, passando da 115 nel 2018 a 320 nel 2021.

In effetti, sottolineano l'effetto cassa di risonanza per cui i legislatori hanno talvolta facilitato l'afflusso di fondi nelle criptovalute sostenendo i presunti meriti di Bitcoin e offrendo una regolamentazione che dà l'impressione che le criptovalute siano solo un'altra asset class, nonostante il fatto che i rischi di questa asset class "sono indiscutibili" anche per i regolatori.

"L'attuale regolamentazione delle criptovalute è in parte modellata da idee sbagliate", affermano, pur rilevando che persiste la convinzione che all'innovazione debba essere dato spazio a tutti i costi, nonostante il fatto che, fino ad ora, la tecnologia DLT/Blockchain su cui si basa il bitcoin "ha creato limitato valore per la società, non importa quanto grandi siano le aspettative per il futuro".

A questo proposito, avvertono anche che la normativa adottata per regolare il mondo delle criptovalute ha indotto l'industria finanziaria tradizionale a facilitare l'accesso al bitcoin per i clienti, osservando che "l'ingresso di istituzioni finanziarie suggerisce ai piccoli investitori che gli investimenti in bitcoin sono solidi".

Il contagio tra i diversi exchange è un rischio per la stabilità del mercato finanziario

D'altra parte, gli autori sottolineano che il bitcoin inquina a causa del suo elevato consumo di energia, dal momento che si stima che il mining di bitcoin consumi tanta elettricità all'anno quanto l'Austria, producendo anche montagne di rifiuti hardware. Anche se i pareri su questo tema sono discordanti come abbiamo già scrittoin questo articolo a firma di Simone Da Re, sviluppatore Bitcoin.

"L'intero sistema Bitcoin genera tanti rifiuti elettronici quanto i Paesi Bassi", criticano, ricordando che tale inefficienza del sistema non è un difetto, ma una caratteristica.

Pertanto, i funzionari della BCE ritengono che poiché bitcoin non sembra essere adatto come sistema di pagamento o come forma di investimento, non dovrebbe essere trattato come tale in termini normativi e, quindi, non dovrebbe essere legittimato.

Allo stesso modo, avvertono che il settore finanziario dovrebbe diffidare dalla promozione degli investimenti in bitcoin, nonostante i guadagni a breve termine che potrebbero ottenere, poiché l'impatto negativo sulle relazioni con i clienti e il danno reputazionale per l'intero settore potrebbero essere enormi se gli invesitori in bitcoin dovessero subire ulteriori perdite.