Scalapay: che cos’è, come funziona e recensioni

Scalapay è una app italiana di BNPL (buy now, pay later in inglese), ossia “compra ora e paga dopo”, scopriamo nello specifico cos’è, come funziona e i vantaggi per negozi e clienti

Scalapay recensione

Many of the financial services featured on Fintastico have been referred to us by our compensating partners. This may affect the services we write about and how they appear and are placed on our pages. However, this does not affect our ratings. The opinions expressed on Fintastico are the personal opinions of the author and should not be construed as professional advice. Fintastico is not responsible for any loss or damage resulting from viewing or using this information.

Scalapay è il leader italiano del BNPL (Buy Now Pay Later), ovvero una forma di finanziamento a breve termine e senza interessi per acquistare prodotti su eCommerce.

Fondata nel 2019 da Simone Mancini e Johnny Mitrevski, a settembre 2021 ottiene un finanziamento da 155 milioni di dollari nel round di serie A guidato dalla statunitense Tiger Global (con la partecipazione di Baleen Capital, Woodson Capital, Fasanara Capital e Ithaca Investments), e a febbraio 2022 un ulteriore finanziamento record di 497 milioni di dollari, nel round di serie B guidato dal colosso tecnologico cinese Tencent e dalla newyorkese Willoughby Capital (con la partecipazione di Tiger Global, Gangwal, Moore Capital, Deimos e Fasanara Capital).

Scalapay ha così raggiunto il miliardo di dollari di valutazione, diventando il primo unicorno “italiano”. Si è trattato infatti del più grande investimento di sempre in una startup innovativa che è stata costituita a Milano e ha sede operativa e dipendenti nel capoluogo lombardo, pur avendo trasferito la sede legale a Dublino.

Oggi Scalapay ha circa 200 dipendenti, di cui la metà a Milano, e punta ad arrivare a 400 dipendenti nella città meneghina entro fine anno, oltre che ad avviare acquisizioni, per acquisire know how tecnico o per espandersi in Europa.

Che cos’è Scalapay

Scalapay è una soluzione di pagamento innovativa che permette ai clienti di fare acquisti nei negozi online e anche In Store, di ricevere immediatamente i beni o servizi acquistati, pagandoli in 3 rate uguali con scadenza mensile, senza costi aggiuntivi.

Scalapay corrisponde immediatamente al venditore tutto l'importo dell'ordine, assumendosi i rischi di frodi e mancato pagamento. In cambio il merchant paga una commissione.

A chi si rivolge Scalapay

Scalapay è una soluzione di pagamento che si rivela vantaggiosa sia per i clienti maggiorenni che per i venditori. I primi, infatti, dovendo versare al momento dell’acquisto solo un terzo dell’importo dovuto, saranno più invogliati a portare a termine l’acquisto, concedendosi magari qualche “sfizio” in più vista la possibilità di dilazionare nel tempo il pagamento.

I merchant, d’altro canto, attraverso questo metodo di pagamento, offrono ai clienti un’opportunità in più e rendono l’atto d’acquisto più semplice e comodo, aumentando le possibilità di concludere la vendita. La stima è infatti una crescita del 48% del carrello medio, con un +11% di aumento del tasso di conversione.

Scalapay_generico

Come iscriversi a Scalapay

La procedura è talmente semplice e veloce, che può essere effettuata dal sito, cliccando su “Registrati” posto in alto a destra in ogni pagina, ma anche direttamente sul sito dell’eCommerce prescelto, nel momento del primo acquisto che si vuole effettuare utilizzando Scalapay, in fase di checkout. Basta infatti inserire il proprio numero di cellulare, quindi il codice ricevuto, per poi compilare il form dei dati personali: nome, cognome, e-mail di riferimento, data di nascita e codice fiscale, necessari nel caso in cui dovesse essere richiesta la verifica dell'identità.

A questo punto, per completare l’account, occorre inserire anche l’indirizzo e il numero della carta di credito (Visa, Mastercard o American Express) e le principali carte prepagate (incluse Postepay e Postepay Evolution) che si desidera utilizzare per effettuare gli acquisti. A ogni accesso, basta inserire il proprio numero di cellulare e quindi digitare il codice usa e getta che a viene inviato a quel numero.

Come funziona Scalapay per i venditori

Un merchant che voglia offrire Scalapay tra i propri metodi di pagamento, deve semplicemente presentare una domanda di integrazione del servizio al proprio sito, effettuata tramite il modulo di “Richiesta integrazione” presente sul sito, tramite cui Scalapay raccoglie informazioni sull’azienda (tipologia di prodotto venduto, entità dei ricavi delle vendite annuali online) e sulle caratteristiche del sito (quale piattaforma utilizza).

Una volta realizzata l’integrazione (tramite gli specialisti di Scalapay o tramite i propri), il venditore potrà anche valutare se porre dei limiti di spesa agli utenti che per la prima volta utilizzano Scalapay: si tratta, in genere, di importi piuttosto alti che non penalizzano eccessivamente gli acquisti. Dopo aver effettuato la vendita, entro 24 ore dall’ordine il venditore riceve da Scalapay l’intera somma dovuta.

Come funziona Scalapay per i clienti

Il cliente può utilizzare il metodo di dilazione di pagamento Scalapay sia negli shop online che in store: in entrambi i casi riceverà immediatamente i prodotti e potrà pagarli in 3 rate uguali con questo tipo di scadenza.

  • Prima rata: al momento dell'acquisto
  • Seconda rata: 1 mese dal giorno dell'acquisto
  • Terza e ultima rata: 2 mesi dal giorno dell'acquisto

Online

scalapay pagamenti online

Il cliente sceglie Scalapay al momento del check out e paga attraverso la carta di credito associata in fase di creazione dell’account (può anche farlo direttamente al momento del pagamento).

In-store

Scalapay_comprare_instore

Il cliente deve scaricare l’app di Scalapay (disponibile per IoS e Android), verificare se il negozio in cui sta acquistando permette il pagamento tramite Scalapay e procedere quindi a generare un codice a barre dal proprio account Scalapay, dalla sezione “In store” del menu. Sarà necessario inserire un metodo di pagamento, il negozio dove si sta effettuando l’acquisto, l’importo che si vuole rateizzare. Confermando il piano di pagamento si aprirà una schermata con il codice a barre da presentare in cassa e ha una durata di 60 minuti.

Quando si genera il barcode l’autorizzazione di spesa viene data alla carta, anche se l’addebito effettivo della prima rata avviene solo quando il barcode viene scannerizzato alla cassa. Nel caso in cui non si voglia procedere con l’acquisto, si potrà cancellare il barcode, anche senza aspettare i 60 minuti, e l’autorizzazione di spesa sulla carta verrà immediatamente annullata e l’importo sarà di nuovo disponibile sul conto.

Negozi convenzionati Scalapay

Sul sito di Scalapay è presente una sezione in cui sono indicati tutti i negozi (sia online che fisici) che accettano il metodo di pagamento: a oggi si tratta di oltre 3.000 aziende partner. Si può cercarli per categoria, cliccando sulle macroaree in cui sono suddivisi (Luxury, Abbigliamento, Accessori, Beauty, Viaggi, Mamma e Bambini, Casa, Sport, Elettronica e Salute), oppure li si può cercare per ordine alfabetico o evidenziando i più popolari. Cliccando sul box del negozio si verrà reindirizzati al sito, dove si potrà effettuare l’acquisto.

Quanto costa Scalapay

Per i venditori

I venditori pagano una commissione per ogni ordine effettuato tramite Scalapay che si assume però tutti i rischi di frode e mancato pagamento da parte dei clienti.

Per i clienti

Scalapay è completamente gratuito per chi acquista: le rate devono però essere pagate entro la scadenza prestabilita. Scalapay informa qualche giorno prima della scadenza di ogni rata via SMS e email.

Se non si effettua il pagamento prima della data di scadenza prevista e il pagamento automatico non va a buon fine ci sono 24 ore di tempo per completare il pagamento. Se questo non avviene, Scalapay applica delle commissioni per ritardato pagamento. Il costo totale delle commissioni non potrà comunque superare il 15% del valore del prestito (seconda e terza rata).

  • Pagamento effettuato con oltre 24 ore di ritardo: fino a 6 euro di costi aggiuntivi;
  • Pagamento effettuato con oltre 9 giorni di ritardo: ulteriori 6 euro di costi aggiuntivi (in aggiunta alla prima commissione, fino a un massimo di 12 euro per ogni pagamento).

Limiti di spesa con Scalapay

Ogni cliente è caratterizzato per Scalapay da un “potere d’acquisto”, ovvero la cifra che è possibile dilazionare. Il limite di spesa può dipendere da diversi fattori: può avere stabilito un tetto il negozio presso cui si sta acquistando, può dipendere dal tipo di carta utilizzato, o ancora dal fatto di avere o meno già acquistato con Scalapay, dimostrando di aver pagato le rate dei precedenti acquisti senza ritardi.

Ecco perché i nuovi clienti, ovvero coloro che non hanno mai acquistato prima con Scalapay, potrebbero avere un potere di acquisto ridotto che aumenterà con il tempo, ovviamente se non avranno ritardi nei pagamenti delle rate. Scalapay non usa comunque sistemi di informazione creditizia per valutare il merito creditizio. Se si è in ritardo con uno o più pagamenti non si potranno fare altri acquisti con Scalapay fino a che si saranno ripagate tutte le rate.

Pro e contro di Scalapay

Cosa ci piace

  • Zero rischi per il venditore

  • Disponibilità immediata di quanto acquistato (cliente)

  • Nessun tasso d'interesse per la rateizzazione (cliente)

  • Versamento dell’intera somma entro 24 ore al venditore

  • Aumento carrello medio e tasso conversione per il venditore

Cosa non ci convince

  • Numero massimo delle rate è tre

  • Commissioni per mancato pagamento rate piuttosto alte

  • Limiti di pagamento a discrezione dei merchant e di Scalapay

Scalapay è sicuro?

Scalapay utilizza una piattaforma di pagamento gestita da Stripe, istituto di pagamento autorizzato che controlla e processa milioni di pagamenti al giorno su piattaforme importanti come Amazon, Booking e Shopify.

Supporto e assistenza clienti Scalapay

Sul sito Scalapay è presente una pagina di “Aiuto”, con la possibilità, per i clienti come per i venditori, di contattare l’azienda scrivendo direttamente una mail dal sito, con garanzia di risposta entro 24 ore. È attiva anche una live chat, sempre dal sito.

Nella medesima sezione, sotto la dicitura “Scopri Scalapay è presente una serie di domande frequenti FAQ molto sintetica.

Recensioni su Scalapay

Scalapay ha ottenuto una valutazione “eccezionale” su TrustPilot, con un TrustScore pari a 4,9/5, sulla base di 12.665 recensioni. Su AppStore, la app Scalapay è valutata 4,8/5, sulla base di 223 valutazioni, mentre su Google Play il giudizio è di 4,9/5, sulla base di 1.027 recensioni.

Domande frequenti su Scalapay

Quando viene pagato il venditore?

Scalapay invia ogni giorno, con un bonifico bancario, il pagamento degli ordini delle 24 ore precedenti, al netto di eventuali rimborsi effettuati durante lo stesso periodo di riferimento. La somma è disponibile sul conto del merchant entro 5 giorni lavorativi.

Come può effettuare un reso il venditore?

Il venditore può rimborsare l’importo dovuto al cliente che abbia effettuato un reso dal portale Scalapay o anche dal suo eCommerce, se la piattaforma è dotata di funzionalità resi. I sistemi di Scalapay cancelleranno le rate non pagate e rimborseranno al cliente quelle eventualmente già pagate, sulla carta utilizzata per i pagamenti delle rate stesse.

I clienti possono pagare le rate in autonomia?

Scalapay addebita automaticamente le rate alla data di scadenza, sulla carta scelta come predefinita all’atto di creazione dell’account, Qualora il cliente volesse saldare prima della scadenza una rata, può farlo entrando nel proprio profilo Scalapay, Basta andare nella sezione Pagamenti, selezionare la rata che si vuole saldare e cliccare “Paga ora”.

Come mai la mia richiesta di pagamento è stata rifiutata?

Scalapay, attraverso i suoi sistemi, al momento dell’acquisto valuta ogni ordine in modo individuale e specifico. Può succedere che qualche ordine non venga approvato e questo non dipende dalla disponibilità della carta associata ai pagamenti. Scalapay se possibile comunica il motivo del rifiuto.

Maria Comotti avatar
Maria Comotti

Giornalista professionista si occupa del mondo fintech raccontando le principali tendenze e analizzandone i differenti servizi per proporre una chiave di lettura accessibile a tutti.