Prestiamoci: che cos'è e come funziona

La piattaforma di prestito tra privati al 100% digitale, sicura e affidabile. Rate mensili tutte uguali e rendimenti attesi fino all'8,87%.
Maria Comotti avatar
Maria Comotti
Giornalista e mamma, trasformo le mie passioni in scrittura e uso la curiosità come lente di ingrandimento
prestiamoci

L'azienda

Prestiamoci è una piattaforma di peer-to-peer lending attiva già da 10 anni nel panorama nazionale, autorizzata e vigilata da parte di Banca d’Italia. L’obiettivo è quello di promuovere il prestito tra persone all'interno di una community in cui si incontrano soggetti che presentano progetti da finanziare (Richiedenti) e soggetti che intendono investire parte delle proprie disponibilità in progetti che condividono (Prestatori).

Prestiamoci opera una selezione dei richiedenti portando sul marketplace solamente coloro che sono meritevoli di credito, assegnando nel modo più trasparente possibile, e sulla base delle informazioni a disposizione, il più corretto livello di rischio. La banca d'appoggio è Banca Sella che offre servizi per l’operatività bancaria. 

Cosa fa

Marketplace:

  • Prestiamoci gestisce la piattaforma in cui si incontrano i Richiedenti e i Prestatori e permette l'incontro di privati che vogliano ottenere prestiti (Richiedenti) da altri privati con costi più bassi rispetto ai prestiti tradizionali.
  • Permette ai privati che vogliano prestare e guadagnare (Prestatori) di ottenere degli interessi. In entrambi i casi, si deve essere maggiorenni, titolari di un conto corrente bancario o postale, residenti in Italia e richiedere o prestare da un minimo di 1.500 a un massimo di 30.000 euro.

Analisi creditizia

  • Prestiamoci per garantire il massimo della sicurezza inserisce ogni Richiedente in una classe di merito, un po’ come accade con l’assicurazione per l’autovettura, in base a una serie di parametri (in primis stabilità del reddito e storico creditizio) elaborati da un algoritmo al momento della richiesta.
  • La classe A, “eccellente”, ha un TAN al 3,90%. La classe B “molto alto” ha un TAN al 4,81%, la C “alto” ha un TAN al 5,85%, la classe D “buono” al 6,57%, la E “medio” al 7,45%, la F “adeguato” all’8,75% e la G “sufficiente” al 10,35%. Su questo si calcolano gli interessi e le rate mensili da corrispondere.

Investimento

  • I prestatori investono singole quote del loro capitale nei Prestiti presenti nel marketplace e compongono quindi il loro portafoglio con i diversi tassi di interesse che rappresentano le classi di rischio dei Richiedenti.Il rendimento atteso per ogni singolo prestito è dato dal TAN della classe di appartenenza, meno il tasso di perdita attesa. L'attuale composizione del Portafoglio di Prestiamoci prevede rendimenti attesi dal 3,62% al 6,60%.
  • L'investimento può essere manuale (chi presta decide come investire i propri soldi (scegliendo tra le richieste che trova sul marketplace) o automatico (basta inserire il rendimento atteso e la piattaforma distribuisce da sé le quote tra i prestiti disponibili) secondo tre profili: base, medio, alto.

Mercato secondario

  • E' un servizio evoluto fruibile da tutti Prestatori operativi sulla piattaforma di Prestiamoci, che consente di cedere ad altri Prestatori quote di propri prestiti ovvero acquistare quote di prestiti da altri Prestatori.

Recupero crediti:

  • Nel caso in cui un richiedente finanziato si trovi in difficoltà Prestiamoci interviene subito per la gestione delle attività necessarie a rientrare dell'investimento.

Quanto costa

Richiedenti:
  • Il costo totale del prestito è rappresentato dal TAEG (Tasso Annuo Effettivo Globale) che include il TAN (Tasso Annuo Nominale) e tutte le spese che incidono sul costo di finanziamento.
  • Nel TAEG di Prestiamoci sono già inclusi la commissione (va dallo 0,5% al 6,5% dell'importo finanziato), le spese bancarie di incasso rata SEPA (1,20 euro per ogni rata) e l’imposta di bollo pari a 16 euro.
Prestatori:
  • Nessuna spesa di apertura, gestione o chiusura per il conto deposito aperto presso la Banca partner di Prestiamoci.
  • Ogni invio di documentazione cartacea (in media non più di 2 all'anno) costa 0,83 euro.
  • Il conto è soggetto a un’imposta di bollo percentuale dello 0,20% sull'importo certificato dal rendiconto durante l'anno.
  • Prestiamoci richiede una commissione annuale pari all’1% del capitale investito.

Come richiedere un prestito / iniziare a prestare

Richiedenti:
  • Il primo passo è registrarsi sul sito e caricare i documenti direttamente nella propria area personale: in 24 ore arriva la risposta alla richiesta di finanziamento. Provare per credere!
  • Gli analisti creditizi di Prestiamoci valutano la richiesta e se saranno soddisfatti i requisiti, il prestito verrà inserito nel Marketplace.
  • Al raggiungimento del 100% di copertura, si riceve il contratto da firmare e il denaro.
  • Le rate sono mensili e tutte uguali: si paga tramite addebito diretto SEPA.
Prestatori:
  • Ci si deve iscrivere sul sito compilando il form online, caricando i documenti e procedendo con la firma digitale del contratto.
  • Si effettua il bonifico (il minimo è di 1.500 euro)
  • Si scelgono i prestiti su cui si vuole investire creando un portafoglio diversificato e personalizzato.
  • Gli interessi vengono pagati mensilmente a partire dal mese successivo all'erogazione del prestito dei progetti finanziati. Una garanzia che può invogliare a provare.

Il servizio è adatto a te?

Convenienza: Prestiamoci promuove lo scambio di denaro tra privati, senza l’intermediazione di banche o altri istituti di credito. In questo modo viene distribuito a Prestatori ed ai Richiedenti il guadagno che spetterebbe alla Banca. Ecco perché i Prestatori possono ottenere un guadagno maggiore con tassi di interesse più elevati, mentre i Richiedenti possono accedere a un finanziamento con costi inferiori.

Velocità: Il denaro è erogato in pochi giorni, perché i prestiti sono il più possibile su misura e avvengono online.

Trasparenza: per chi teme di trovarsi in situazioni poco chiare, con Prestiamoci le condizioni contrattuali sono trasparenti, senza costi nascosti o aumenti improvvisi delle aliquote, tanto che tutte le rate sono dello stesso importo.

Versatilità: si può investire in modalità automatica combinandola con la modalità manuale, gli investimenti sono diversificati per ridurre i rischi e migliorare le prestazioni di investimento a lungo termine; è disponibile anche un mercato secondario per rivendere l’investimento o acquistarne di nuovi.

Dove ottenere info e supporto

Per avere informazioni generali su Prestiamoci, scrivere a info@prestiamoci.it. Per chi vuole chiedere un prestito, la mail è contatti@prestiamoci.it e il telefono 342/9992168 dalle 9 alle 16. Se invece si vuole prestare denaro, la mail è prestatori@prestiamoci.it e il telefono è 02/35948784 dalle 9.30 alle 18. Sul sito per dubbi e curiosità, provate a consultare la sezione FAQ o scrivere direttamente alla chat online.
Maria Comotti avatar
Maria Comotti

Giornalista e mamma, trasformo le mie passioni in scrittura e utilizzo la curiosità come lente di ingrandimento del reale. Cresciuta professionalmente nel quotidiano .Com dove mi occupavo di raccontare il mondo della pubblicità, del marketing e degli eventi, ho poi collaborato con Il Sole 24 Ore, Il Mondo e altre testate economiche. Ora scrivo anche di design, architettura, running e fintech.