Presente e futuro delle criptovalute

Settore pubblico e privato manifestano la necessità di andare avanti nella progettazione di un sistema monetario che renda le criptovalute e le innovazioni tecnologiche in ambito finanziario disponibili per tutti.
bitcoin futuro

L'evoluzione del denaro nel corso della storia è legata all'evoluzione dell'umanità. Il denaro nasce come risposta alla scarsa efficienza del baratto. Così le prime monete coniate con carattere ufficiale sono nate in Turchia nel VI secolo a.C. Ci sono voluti 1.400 anni perché emergesse una nuova forma di denaro: la carta moneta. Il denaro, sia sotto forma di monete che di banconote, assolve a tre funzioni fondamentali che lo rendono attraente e che hanno facilitato la sua sopravvivenza nel corso del tempo: mezzo di pagamento, unità di conto e riserva di valore.

La massiccia adozione delle tecnologie digitali negli ultimi decenni, grazie a Internet e agli smartphone, insieme alla straordinaria crescita delle capacità di calcolo e archiviazione a costi ridotti, stanno radicalmente trasformando gli schemi delle relazioni personali, sociali ed economiche. In particolare, sta cambiando il modo in cui il valore economico viene creato e trasmesso. Il denaro, il sostegno effettivo all'attività economica e l'elemento centrale della nostra vita quotidiana, è oggi sottoposto a un intenso processo di trasformazione.

Il whitepaper pubblicato solo dieci anni fa da Satoshi Nakamoto, ha permesso la nascita di Bitcoin. Le conseguenze di questa innovazione hanno portato all'attuale dibattito sulle cosiddette valute digitali. Tuttavia, bitcoin, la più famosa delle valute digitali, non è stata la prima e non è neanche l'unica. Attualmente ci sono più di 2.000 monete digitali in circolazione, con una capitalizzazione di mercato di circa 137.000 milioni di euro. Per alcuni scettici, è una moda passeggera. Per gli altri, al contrario, l'aspetto delle valute digitali, insieme allo sviluppo dei metodi di pagamento online o al pagamento mobile e al declino nell'uso del contante, possono persino mettere in dubbio le fondamenta del denaro così come lo conosciamo oggi.  

La mancanza di fiducia nelle criptovalute rende difficile usarle come mezzo di pagamento, unità di conto o riserva di valore

Lo sviluppo di bitcoin e delle altre valute digitali si basa su una nuova tecnologia chiamata blockchain o, in termini generali, tecnologia di registrazione distribuita (Distributed Ledger Technology o DLT, in inglese). I progressi tecnologici in termini di connettività, capacità di calcolo, costi e, soprattutto, dal punto di vista crittografico hanno permesso il suo sviluppo. La sua natura dirompente si basa principalmente sulla capacità di decentralizzare i processi di certificazione nel mondo digitale. In questo modo, un'autorità centrale per convalidare le transazioni registrate diventa inutile. Questo lavoro viene svolto dalla rete di nodi attraverso l'applicazione di algoritmi precedentemente concordati. In questo modo, proprio come lo sviluppo di Internet ha decentralizzato l'accesso alle informazioni, lo sviluppo di questa tecnologia digitale consente la decentralizzazione della fiducia.

I primi dieci anni di criptovalute, e in particolare di bitcoin, hanno presentato luci e ombre. Negli ultimi tre anni siamo passati dall'euforia irrazionale della fine del 2017 all'attuale disincanto, dopo che bitcoin ha perso quasi l'80% del valore dal suo livello massimo. Questa elevata volatilità, insieme al suo uso per scopi illeciti, alla mancanza di robustezza (furti) e ai problemi di efficienza incidono sul pilastro fondamentale su cui si basa ogni valuta: la fiducia. La generale mancanza di fiducia in bitcoin, così come nel resto delle criptovalute, ne ostacola l'uso come mezzo di pagamento, unità di conto o riserva di valore e, quindi, non può essere considerato come denaro.  

Negli ultimi anni, diverse alternative al bitcoin sono state sviluppate su iniziativa privata, come nel caso delle stablecoins progettate secondo il principio del denaro fiduciario allo scopo di ridurre la loro volatilità. In questo tipo di valuta digitale, il valore è riferito a una garanzia che solitamente è una valuta tradizionale come l'euro o il dollaro. I primi prototipi sviluppati sono orientati al sistema di pagamento con l'obiettivo di aumentarne l'efficienza.

Anche dalla sfera pubblica, anche se ancora in campo concettuale, c'è un dibattito molto intenso sulle opportunità e le sfide poste dall'emissione di una moneta digitale da parte di una banca centrale. Sono state studiate tre alternative basate sul loro uso: uso esclusivo nei pagamenti all'ingrosso, alternativa al deposito in contanti o ai depositi presso la banca centrale. Le principali questioni da risolvere sono:

  1. Bisogna preservare o meno l'anonimato inerente all'uso del contante?
  2. Deve svilupparsi una valuta universale o il suo uso deve limitarsi solo a determinati attori?  
  3. Quali sono le implicazioni per l'attuale intermediazione finanziaria?
La digitalizzazione del denaro e la diminuzione dell'uso del contante sono dovute a fenomeni inarrestabili. Questo processo continuo di innovazione cerca di concretizzare i vantaggi della digitalizzazione: rapidità, globalizzazione, decentralizzazione, riduzione dei costi, sicurezza, mitigazione delle frodi, ecc., attenuando i suoi principali svantaggi. 


Gli sviluppi degli ultimi anni nella digitalizzazione del denaro sono stati un chiaro  esempio di un processo di innovazione dinamica, in cui troviamo errori e fallimenti dai quali dobbiamo trarre degli insegnamenti. Tra il settore pubblico e quello privato c'è il bisogno di continuare a far progredire la progettazione di un sistema monetario che sia il più inclusivo possibile e permetta a tutti di avvantaggiarsi delle opportunità offerte dall'era digitale.

Questo post è la traduzione dell'articolo presente y futuro de las monedas digitales.