Partnership tra Finom e Solarisbank: intervista ai protagonisti

Intervista a Antonio La Mura, Contry Manager Italia di FINOM e Federico Roesler Franz, General Manager Italia di Solarisbank, per comprendere meglio la loro partnership.

Intervista doppia Finom Solarisbank

Presentati

Antonio

Ho 33 anni, sono originario della provincia di Salerno, ma vivo a Milano da 9 anni. Sono il Country Manager di Finom in Italia e mi appassionano i nuovi modelli d’impresa, in particolare quelli che possono davvero portare un valore aggiunto al consumatore finale. Prima di Finom ho lavorato su altri progetti fintech, come il lancio del Fintech District a Milano, per conto di Banca Sella.

Federico

Sono il General Manager di Solarisbank per l’Italia, con l’obiettivo di affermare ulteriormente Solarisbank e la sua strategia commerciale nel mercato italiano. Sono entrato in azienda nell’estate 2021 come Commercial Country Head e qualche mese fa sono stato nominato nel ruolo attuale, seguendo una serie di progetti tra cui il lancio degli IBAN locali. Ho 15 anni di esperienza nel mondo delle startup con un forte focus nel fintech, settore in cui sono entrato nel 2017. In precedenza ho lavorato a Berlino in Raisin e prima ancora sono stato responsabile del lancio e dello sviluppo del mercato italiano di N26.

Cosa rappresenta per voi questa partnership?

Antonio

Il lancio del conto business per professionisti rappresenta il coronamento di un’ottima collaborazione tra Finom e SolarisBank, iniziato in Germania e ora arrivato anche in Italia. Siamo molto felici di questo risultato, arrivato con spirito e ambizione di squadra.

Questa collaborazione ci permette di offrire ai nostri clienti italiani un prodotto solido e sicuro, ricco di funzionalità, senza dover investire noi stessi nell’infrastruttura bancaria dedicata al mercato italiano. Credo sia la massima espressione di come il fintech e l’open banking portino valore aggiunto al cliente finale, potendo sviluppare soluzioni innovative, tramite la collaborazione fra player innovativi e con skillset diversi.

Federico

Questa partnership ha un enorme potenziale per la digitalizzazione del mercato finanziario italiano, soprattutto per le innovazioni basate su Open Banking e Banking-as-a-Service. Finom sfrutta la capacità della piattaforma BaaS di Solarisbank per fornire ai propri clienti un'offerta digitale all'avanguardia, personalizzata in base alle loro esigenze specifiche. Siamo estremamente orgogliosi che Finom ci abbia scelto per il suo programma di espansione internazionale, con l’obiettivo di offrire IBAN italiani.

Perché avete deciso di lanciare un conto per professionisti?

Antonio

Abbiamo deciso di partire in Italia dall’offerta di un conto per professionisti perché questa categoria di clienti in Italia è poco considerata, anzi direi trascurata, dagli operatori tradizionali. Questo nonostante l’Italia sia il paese europeo con il più alto numero di professionisti iscritti a ordini professionali (source).

Parliamo di clienti che spesso gestiscono la propria contabilità in modo artigianale, senza utilizzare strumenti dedicati per la gestione dei loro guadagni. Ad esempio, spesso utilizzano un unico conto per risparmi personali e proventi dell’attività professionale. O ancora utilizzano un mix di fatture digitali e cartacee, senza essere ancora passati alla fatturazione elettronica.

Una situazione gestionale che molti professionisti dovranno presto rivedere, soprattutto se consideriamo che dal primo luglio dovrebbe diventare obbligatoria l’estensione della fatturazione elettronica per tutti i forfettari con ricavi superiori ai 25.000 € annui.

Ed è qui che Finom porta il suo valore aggiunto, offrendo il conto business con la fatturazione elettronica integrata. Il nostro obiettivo è quello di rendere l’attività amministrativa per i professionisti più semplice ed efficace, portando trasparenza nella loro gestione finanziaria e fornendo uno strumento di fatturazione e di riconciliazione estremamente semplice.

Certo, siamo consapevoli di non essere gli unici player in campo, ma il mercato nazionale è ancora molto ampio e privo di nuovi operatori solidi, in grado di soddisfare appieno la domanda dei clienti italiani. Insomma, ci sono molte opportunità per chi sa coglierle. Credo inoltre che l’ingresso di nuove fintech, dedicate proprio ai lavoratori autonomi e anche agli imprenditori, possa portare nel medio periodo a maggiore consapevolezza e fiducia nei confronti dei nuovi player fintech.

Come nasce la collaborazione di Solarisbank con VISA?

Federico

In qualità di provider BaaS leader in Europa siamo in grado di emettere carte con circuiti diversi. Visa è uno dei nostri principali technical partner e, successivamente, si è unita a noi anche come shareholder durante il round di serie B del 2018. Questa partnership è molto importante sia per noi che per i nostri partner che possono beneficiare della collaborazione e di un team straordinario.

Insieme contribuiamo a guidare l'innovazione all’interno del mercato.

Come procede la vostra crescita sul mercato italiano?

Antonio

Il mercato italiano è e continua a essere di grande importanza per Finom. Attualmente abbiamo oltre 15 mila clienti in Italia, ma davvero ci sentiamo solo all’inizio.

Siamo partiti con la fattura elettronica nel 2019 e ora possiamo offrire anche il conto business ai professionisti italiani e presto anche alle PMI. La vera crescita di Finom in Italia la vedremo nei prossimi mesi.

Federico

Solarisbank è stata fondata in Germania nel 2016 e abbiamo vissuto una crescita enorme negli ultimi anni. Il capitolo attuale di sviluppo riguarda proprio l’espansione e consolidamento internazionale, con filiali in Francia, Spagna e Italia. Ora, proprio attraverso la creazione di entità dedicate e l'offerta di IBAN locali in questi tre nuovi mercati, ci ancoriamo saldamente ai rispettivi ecosistemi finanziari nazionali.

L'Italia è uno dei mercati chiave per Solarisbank; ci presentiamo sul mercato con l'obiettivo di guidare la crescita del Banking-as-a-Service nel Paese e di aiutare le aziende italiane ad offrire le migliori soluzioni finanziarie ai loro clienti e, in definitiva, a sostenere e accelerare la delicata fase di ripresa post-pandemia. Grazie a diversi strumenti fra cui gli IBAN locali, Solarisbank non solo sta permettendo ai nostri partner di localizzare la loro offerta e di adattarla alle esigenze dei rispettivi clienti finali, ma anche di superare gli ostacoli dettati dalla discriminazione dell’IBAN.

Quali sono i 3 motivi principali per cui un cliente dovrebbe scegliervi?

Antonio

Finom è una piattaforma e offre molte funzionalità attraverso un unico login, funzionalità adatte alle esigenze di molti clienti differenti. Sintetizzando in tre punti, ritengo:

  • conto business disegnato ad hoc per professionisti con fatturazione elettronica integrata e inclusa nel prezzo, che permette non solo di adeguarsi al nuovo obbligo di legge, ma anche di gestire i propri guadagni in modo ordinato, esattamente come una piccola azienda, grazie alle numerose funzionalità integrate: riconciliazione bancaria, gestione dei pagamenti da parte dei clienti (link di pagamento e integrazione con PayPal), categorizzazione di spesa, wallet dedicato per piani di accumulo o budget di spesa. Ad esempio, creare un wallet in cui mettere da parte i soldi per il pagamento delle tasse è in genere un’ottima idea;
  • prodotto estremamente intuitivo e facile da utilizzare, con conto attivabile in meno di 10 minuti, ideale per chi magari inizia ora la sua avventura professionale e vuole evitare inutili complicazioni, sia da desktop, sia da app;
  • supporto rapido e qualificato dal nostro team di customer care: persone reali, che riescono a guidare il cliente in tutte le fasi di utilizzo della piattaforma e a risolvere in pochi minuti ogni eventuale problema, che sia per errore dell’utente o per problemi tecnici. Il customer care per noi è un’eccellenza che differenzia da altri competitor, tanto da farci guadagnare un rating su Trustpilot di 4.8 su 281 recensioni.

Prodotto, user experience e supporto: sono questi i tre elementi chiave di Finom e che ci differenziano dagli altri.

Federico

Sicuramente, la nostra value proposition. Solarisbank è una tech company con una licenza bancaria completa. In questo modo, l’essenza bancaria passa in secondo piano e Solarisbank diventa un facilitatore tecnologico e normativo, lasciando la relazione con il cliente e la creazione di prestazioni complementari al partner selezionato. Sfruttando la licenza bancaria completa tedesca, i partner di Solarisbank possono integrare un'ampia gamma di prodotti modulari, tra cui conti bancari digitali, soluzioni di identificazione e prestito, così come servizi di asset digitali.

Grazie alla nostra partnership con Contis, offriamo una copertura europea con filiali e IBAN locali in Francia, Italia e Spagna e diritti di passaporto nel resto dell'UE e del SEE.

Inoltre, il business model di Solarisbank, basato su API, consente facilmente alle aziende di qualsiasi settore di accedere alla sua piattaforma in modo rapido. Il nostro approccio B2B2X, neutrale nei confronti del cliente finale, ci permette di offrire una consulenza anche sulla base dell’esperienza internazionale. Infine, Solarisbank non si sovrappone con i settori dei propri clienti e non si verifica alcuna “cannibalizzazione” del business.

Quali nuovi progetti avete in cantiere per questo 2022?

Antonio

Per il 2022 abbiamo in cantiere molte novità. A livello internazionale proseguiremo l’espansione su nuovi mercati europei, grazie alla licenza di moneta elettronica (IMEL) ottenuta a novembre 2021 nei Paesi Bassi.

In Italia, invece, continueremo da un lato a migliorare gli strumenti disponibili sulla nostra piattaforma e dall’altro ad ampliare la nostra offerta di banking, rendendola disponibile anche per le PMI. Ci interessano in particolare le imprese fino a 10 dipendenti. Infine, sempre per quanto riguarda la road map italiana, presto sarà possibile pagare gli F24 dai conti Finom, una funzione utile per tutti i nostri clienti.

Federico

In Italia, abbiamo già nuovi partner e nuovi prodotti, che verranno ufficializzati tra la fine del 2022 e l’inizio del 2023, oltre a soddisfare le esigenze dei partner esistenti come Finom.

A livello globale, Solarisbank ha in serbo partnership innovative e in ambito tech. Queste permetteranno all’azienda di confermarsi ancora di più come abilitatore tecnologico con una licenza bancaria completa, che consente a svariate aziende di ottenere servizi finanziari, in modo molto semplice.