Bonifici internazionali, come funzionano e quanto costano

Facciamo chiarezza sui bonifici internazionali, differenza tra bonifici nell’area SEPA e SWIFT

bonifico

Cos’è e come funziona il bonifico internazionale

Ormai si sa, il mondo dei pagamenti non conosce più limiti e confini.

Grazie alla globalizzazione, infatti, le piccole e medie imprese possono aspirare a diventare grandi e il consumatore può acquistare tutto ciò che vuole anche dall’altra parte del globo.

Ma com'è possibile tutto ciò? Per merito della solida connessione che si è creata negli anni tra le banche di tutto il mondo.

illustrazione bonifico internazionale

Difatti è da qualche tempo che si possono effettuare bonifici internazionali, ovvero trasferire il denaro da un Paese all’altro, in maniera semplice e veloce.

Il sistema che regola l’operazione è il Sistema Bancario Internazionale ed Europeo, il quale offre agli aderenti la condizione di poter scambiare denaro in tutto il mondo grazie a uno specifico codice.

Ci sono due diversi sistemi che permettono il trasferimento di fondi all’estero ed entrambi garantiscono pagamenti efficienti e senza interruzioni:

  • SEPA, acronimo di Single Europe Payments Area, ovvero un sistema che permette di effettuare bonifici a livello Europeo in modo economico e rapido. I bonifici SEPA, infatti, si effettuano con la stessa convenienza e semplicità di quelli nazionali.
  • SWIFT (o Extra SEPA), acronimo di Society for Worldwide InterBank Financial Telecommunication, ovvero un sistema di telecomunicazioni tra banche che permette di effettuare bonifici a livello extra-continentale in modo sicuro e semplice.

Ora vediamo nel dettaglio come funzionano e quali sono le differenze.

Il bonifico SEPA: come funziona, le tempistiche e i costi

illustrazione edificio banca

Il bonifico SEPA viene effettuato all’interno dell’area Single Europe Payments Area e può essere eseguito sia online, sia presso un apposito sportello bancario.

Se l’ordinante decide di attuare il secondo metodo dovrà presentarsi munito della personale documentazione d’identità; se, invece, sceglie di erogare il bonifico online basterà che si registri al servizio di home banking della propria banca.

Attualmente hanno aderito 34 Paesi al regolamento SEPA:

  • 19 Paesi europei che utilizzano l’Euro come valuta nazionale;
  • 9 Paesi europei che non utilizzano l’Euro come moneta nazionale, ma effettuano pagamenti in Euro;
  • 8 Paesi esterni all’UE, ma aderenti all’European Economic Area (Islanda, Norvegia, Principato di Monaco, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, San Marino e Città del Vaticano).

I trasferimenti SEPA non presentano particolari differenze con i bonifici nazionali e sono pensati per adattare tutti i pagamenti digitali in Euro, fornendo a mittente e destinatario del bonifico un servizio comodo con condizioni economiche vantaggiose.

Come già accennato, il bonifico SEPA può essere effettuato online o presso uno sportello bancario ma vediamo quali sono i dati da inserire per eseguire la transazione.

Per il mittente è necessario:

  • nome e cognome;
  • codice fiscale;
  • ragione sociale o P.IVA (se presenti);
  • importo;
  • causale, ovvero la motivazione per la quale si esegue il bonifico;
  • codice IBAN, ovvero un codice composto da 27 caratteri alfanumerici. Include la sigla del Paese nel quale il conto è stato creato e il numero identificativo del conto corrente;
  • codice SWIFT o BIC (se richiesto), ovvero il Bank Identifier Code. È composto da 8-11 caratteri: i primi 4 caratteri si riferiscono all’Istituto bancario all’interno del quale è stato aperto il conto, i restanti a nazione e città di riferimento.

Poi, i dati del destinatario:

  • nome e cognome;
  • ragione sociale o P.IVA (se presenti);
  • codice IBAN;
  • codice BIC (se richiesto).

Alla fine, è opportuno inserire la data di esecuzione dell’operazione.

Per quanto concerne la tempistica, i trasferimenti SEPA sono molto veloci. Grazie al collegamento diretto tra le banche facenti parti dell’area economica europea, solitamente il beneficiario riceve l’importo in 1-2 giorni lavorativi.

Dal punto di vista economico, invece, nella maggior parte dei casi effettuare e ricevere un bonifico SEPA è gratuito. Sono poche le banche che richiedono una commissione, anche se piccola.

Il bonifico SWIFT: come funziona, le tempistiche e i costi

Il bonifico extra SEPA, si basa sul sistema di telecomunicazione SWIFT, il quale connette più di 10.000 istituti bancari siti in oltre 200 Paesi in tutto il mondo e perciò garantisce una copertura importante.

Come si può intuire, i bonifici SWIFT possono effettuare transazioni con valute differenti rispetto all’Euro essendo rivolti a Paesi internazionali e pertanto i livelli di sicurezza e di affidabilità sono molto più alti e tutelano sia il mittente, sia il beneficiario.

illustrazione carta di credito

Anche le transazioni SWIFT possono essere eseguite sia online, sia ad uno sportello bancario (sempre muniti di carta di identità). I dati da inserire per effettuare l’operazione sono i medesimi del bonifico SEPA per il mittente; mentre, per quanto riguarda il destinatario, è importante inserire, oltre ai dati già sopra elencati, anche l’indicazione della valuta.

Successivamente è necessario includere nello spazio apposito una delle seguenti diciture che corrisponde a tre diversi metodi di trasferimento del denaro:

  • OUR, se il mittente desidera pagare le spese di commissione sia della banca nazionale che della banca estera. In questo caso tutte le spese di commissione saranno attribuite al mittente in un addebito successivo all’emissione del bonifico;
  • BEN, se il mittente desidera far pagare le spese di commissione unicamente al beneficiario (sia quelle richieste dalla banca dell’ordinante sia quelle richieste dalla banca del ricevente). In questo caso l’importo del bonifico arriverà al destinatario già privato di tutte le spese di commissione;
  • SHA, se mittente e destinatario desiderano dividere il pagamento delle spese di commissione. Il beneficiario sostiene le spese di commissione previste dalla banca estera, mentre il mittente paga le commissioni della propria banca nazionale (solitamente di circa 10-20 Euro).

Per quanto riguarda i tempi, questi dipendono dalla relazione che le due banche hanno:

  • se tra le due banche c’è un rapporto commerciale, allora si tratta di una relazione diretta e in questo caso le tempistiche sono di 3-4 giorni lavorativi in quanto la comunicazione tra esse è più facile e veloce;
  • se tra le due banche, invece, non esiste un rapporto commerciale, si parla di relazione non diretta. In tal caso c’è bisogno di una terza banca, chiamata banca intermediaria, che abbia rapporti commerciali con entrambe. Questo processo rallenta sicuramente i tempi portando a una stima di 5-7 giorni lavorativi per la ricezione del bonifico estero.

In termini di spese, esistono tre diverse tipologie di commissione per effettuare un bonifico SWIFT:

  • commissione fissa, ovvero un importo determinato dalla banca del mittente che oscilla tra i 10 e i 15 Euro;
  • commissione variabile, una cifra espressa in percentuale che varia in base all’importo da trasferire;
  • maggiorazione sul tasso di cambio valuta, ovvero una percentuale che la banca aggiunge al normale tasso di cambio presente sul mercato.

Infine, entrambi i metodi SEPA e SWIFT comportano dei vantaggi: il primo è gratuito e veloce per tutte le transazioni in Euro; il secondo non ha limiti geografici e di valute. In base alle tue esigenze, potrai scegliere quale dei due utilizzare per effettuare bonifici all’estero.

Intergic  avatar
Intergic

Intergic takes ownership for all the aspects a growing business should look to when developing a new market. We provide the full range of services from strategic consultancy, digital marketing, account management pre-sales and sales. This allows them rapid access to the Italian market with immediately measurable costs and the reassurance of being connected to an already successful sales engine.