TrueLayer, il provider di API bancarie aperte, annuncia investimento e partnership con Visa

TrueLayer, uno dei principali fornitori europei di API per il settore finanziario, ha annunciato un accordo strategico e commerciale con Visa.
TrueLayer Visa

TrueLayer, startup fintech di base a Londra ma con cuore italiano, ha creato una piattaforma API per sviluppatori che lavorano in ambito fintech per permettere lo sviluppo dell'open banking, ha annunciato una partnership strategica e commerciale con Visa. La partnership prevede che Visa acquisisca una quota di minoranza in TrueLayer nell'ambito di un round di finanziamento serie C da 35 milioni di dollari annunciato a giugno.

Il round è stato guidato da Tencent e Temasek, con la partecipazione dei precedenti investitori Northzone e Anthemis, finora TrueLayer ha raccolto circa 42 milioni di Euro.

Francesco Simoneschi, CEO e co-fondatore di TrueLayer, ha raccontato a Techcrunch che la partnership con Visa consentirà alla fintech di lavorare con una "vasta rete" di aziende e banche per aiutarli a sviluppare servizi bancari aperti e applicazioni che "offriranno benefici tangibili" ai clienti .

"Vogliamo far crescere l'open banking e migliorarne la diffusione generando un impatto positivo per i consumatori quando usano i servizi finanziari", afferma Simoneschi. “Per raggiungere i nostri obiettivi abbiamo bisogno di realtà affermate e di grandi dimensioni che ci permettano di salire a bordo e siamo disposte a lavorare con startup come noi. Visa è stata una delle aziende "fintech" di maggior successo mai create, abbiamo molto da imparare da loro".

La fintech attualmente opera nel Regno Unito, in Germania, Francia, Italia e Spagna e recentemente anche in Australia. Tra i suoi clienti imprese fintech come Revolut, Zopa, ClearScore, Plum, CreditLadder Canopy.

"Il nostro punto di vista è che qualsiasi iniziativa che consenta a più aziende di abbracciare l'open banking fa bene a tutti i soggetti coinvolti, dalle fintech ai consumatori", afferma il CEO di TrueLayer.

Mark Nelsen, Senior Vice President Open Banking di Visa, afferma che lavorare con TrueLayer consentirà a Visa di esplorare nuove opportunità per i suoi clienti e per la rete Visa. "La nostra partnership con TrueLayer è un altro esempio di come stiamo investendo in aziende che offrono servizi ad alto valore aggiunto, consentendo innovazione e convenienza sia per i clienti che per i consumatori", afferma.

"Non vorrei parlare per Visa, ma credo che TrueLayer abbia una combinazione di fattori interessanti", afferma Simoneschi. “Siamo stati uno dei primi promotori nel Regno Unito dell'open banking che ci ha consentito di sviluppare la nostra soluzione in linea con le esigenze dei nostri clienti e successivamente di far crescere rapidamente la nostra base clienti. Attualmente siamo responsabili di circa il 65% di tutto il traffico open banking nel Regno Unito. Questo ci ha fornito il trampolino di lancio per scalare in tutta Europa - e recentemente abbiamo aperto anche in Austrlia. Durante tutto questo periodo, abbiamo collaborato con aziende di ogni dimensione, dalle banche alle startup in fase iniziale. Sono proprio queste collaborazioni, in linea con la nostra esperienza, che penso ci rendano diversi ”.

Detto questo, Simoneschi sottolinea che non vede l'industria come un "gioco a somma zero" e che esiste un'enorme opportunità per decine di aziende di fare bene. "Se siamo in grado di collaborare per convincere più persone ad abbracciare l'open banking, tutti vincono", aggiunge. "Probabilmente è questa mentalità che è stata reputata da Visa come un fattore importante"