Revolut e il mito di Icaro

Il fondatore e amministratore delegato della challenger bank Revolut, Nik Storonsky, con sede nel Regno Unito, ha negato pubblicamente le accuse di una violazione alle norme antiriciclaggio e la negligenza da parte dell'azienda nel rispetto della normativa. Questo è solo uno di una serie di disastri pubblici che riguarda Revolut, la scorsa settimana un articolo su Wired aveva parlato della scarsa cultura aziendale di Revolut nei confronti dei propri dipendenti. Mentre Telegraph ha rivelato che la società ha attirato l'attenzione del regolatore finanziario del Regno Unito, la Financial Conduct Authority (FCA).
Revolut Icaro

Revolut, nata nel 2015 a Londra è una delle più popolari challenger bank e startup fintech del mondo. Più che una startup, si è sempre presentata come una vera e propria alternativa alle banche tradizionali grazie all'offerta di commissioni minori, facile trasferimento di denaro e la possibilità di associare al proprio conto una carta di debito, tutto online. 

In pratica, rivoluzionare il modo di fare banca, strizzando un occhio agli utenti che viaggiano molto o che non vivono più in un singolo paese, come per esempio i digital nomads,  individui che hanno scelto di non avere una dimora fissa e di spostarsi di paese in paese generalmente usano il proprio computer portatile e il collegamento a Internet per sostenere economicamente i propri viaggi, essendo generalmente soggetti che guadagnano il necessario per vivere e muoversi tramite un'attività che può essere gestita online o comunque a distanza.  

Grazie a questo approccio molto attraente sulla carta, Revolut è riuscita a superare i  4 milioni di clienti in Europa pochi mesi fa. L'impresa ha dichiarato poco tempo fa di registrare oltre 10.000 nuovi clienti ogni giorno, incrementando anche il numero dei suoi Weekly Active Users (WAU) da 500.000 a luglio 2018 a oltre 1,2 milioni nel febbraio 2019. Gli utenti attivi mensili (MAU) sono aumentati da 900.000 a 1.9 milioni nello stesso intervallo di tempo. Anche il volume delle transazioni mensili di Revolut è aumentato da $ 2,4 miliardi nel luglio 2018 a oltre $ 4,6 miliardi al mese. 

Nonostante questi grandi numeri, negli ultimi giorni Revolut è stata protagonista di ben due scandali che la riguardano. 

Un articolo di Wired ha messo in luce il fatto di come Revolut abbia metodi di gestione del lavoro piuttosto discutibili. 

Disponibilità permanente dei dipendenti

Nell'articolo si spiega che i dipendenti di Revolut debbano essere disponibili 7 giorni su 7, 24 ore al giorno, tutti con obiettivi che sono semplicemente impossibili da raggiungere e licenziamenti molto arbitrari. Anche tra i dipendenti che sono rimasti, non c'è ottimismo perché ci sarà presto un grande turnover. In effetti, la maggior parte del personale non riesce a soffiare le candeline sulla torta del primo anno lavorativo nell'impresa. Per essere reclutati, alcuni dipendenti hanno dovuto convincere 200 persone a iscriversi a Revolut. Senza avere accesso in seguito al lavoro promesso. 

Wired non è l'unico media ad attaccare Revolut. In effetti, The Telegraph spiega che la startup sarebbe stata bloccata per diversi mesi nel risolvere un problema interno contro il riciclaggio di denaro sporco. Una situazione che può aver causato la rassegnazione delle dimissioni da parte del direttore amministrativo e finanziario di Revolut negli scorsi giorni. 

Indagini da parte della polizia

Se tutto ciò, già non fosse sufficiente, per mettere a tappeto la maggior parte delle iniziative imprenditoriali, il Metropolitan Police Service, una forza di polizia del Regno Unito, ha confermato che è in corso un'indagine sulla impresa dopo aver ricevuto una denuncia all'inizio di febbraio. Anche la National Fraud Intelligence Bureau, una filiale della polizia della Città di Londra, sta valutando la questione.

Oggi attraverso il proprio blog aziendale, il CEO della compagnia, Nik Storonsky, ha cercato di difendere la cultura aziendale di Revolut. Uno dei suoi punti è stato che Revolut è cresciuta molto nel corso degli ultimi 12-18 mesi e che sono passati da 100 a oltre 800 dipendenti e che il loro turnover per quanto riguarda i dipendenti è ora inferiore al 3%, oltre ad aver ricordato la nomina come una delle tre migliori società tecnologiche dove lavorare da parte di LinkedIn. 

Sempre qualche giorno fa, il CEO di Revolut aveva parlato della partenza del CFO, Peter O'Higgins, come una decisione personale del manager motivata dal fatto che l'impresa avrà bisogno di qualcuno con una maggiore esperienza in ambito bancario e su scala globale visto che Revolut si sta preparando a presentare una richiesta per diventare una banca autorizzata in più giurisdizioni e che Revolut non abbia avuto problemi seri per quanto riguarda l'antiriciclaggio. 

Nel mito di Icaro, Dedalo padre di Icaro, per scappare da Creta costruì delle ali con delle penne e le attaccò al corpo di suo figlio e al suo. Malgrado gli avvertimenti del padre di non volare troppo alto, Icaro si fece prendere dall'ebbrezza del volo e si avvicinò troppo al sole; il calore fuse la cera, facendolo cadere nel mare dove morì. Secondo la maggior parte delle versioni di questo mito, il corpo di Icaro non poté essere recuperato, con conseguente impossibilità per la sua anima di accedere al regno di Ade: che nella mitologia greca e romana identificava il regno delle anime.

I punti di contatto tra Icaro e la storia, fino a pochi giorni fa, di successo di Revolut sono molti.