Quali sono le piattaforme di crowdfunding più affidabili?

Scopri quali sono le piattaforme di crowdfunding più affidabili, le loro caratteristiche e le tipologie di remunerazione.

crowdfunding

Many of the financial services featured on Fintastico have been referred to us by our compensating partners. This may affect the services we write about and how they appear and are placed on our pages. However, this does not affect our ratings. The opinions expressed on Fintastico are the personal opinions of the author and should not be construed as professional advice. Fintastico is not responsible for any loss or damage resulting from viewing or using this information.

La scelta delle piattaforme di crowdfunding più affidabili è fondamentale per sfruttare le potenzialità di questa pratica sempre più diffusa e appealing.

Il crowdfunding offre, infatti, interessanti opportunità di guadagno a fronte anche della possibilità prevista dal Decreto Rilancio del 2020 di detrarre dal proprio imponibile fiscale fino al 50% dell’investimento in start up innovative.

Scopri tutto sul crowdfunding, da come funziona alle sue varie tipologie incluse le piattaforme più affidabili per trovare possibilità di investimento che nel lungo periodo possono rivelarsi decisamente redditizie.

Cos'è il crowdfunding

Il termine crowdfunding costituito dalle parole crowd ovvero folla e funding ovvero finanziamento indica, a seconda della prospettiva in cui ci si pone, una modalità di finanziamento dal basso o uno strumento di investimento.

Il crowdfunding costituisce, infatti, un’innovativa forma di finanziamento collettivo che consente a molteplici persone di investire cifre, anche irrisorie, in un progetto per trarne, in caso di suo successo, un beneficio economico.

Questo tipo di finanziamento/investimento favorito dal diffondersi del web, si pone come un’alternativa ai tradizionali canali di credito finanziario offrendo vantaggi sia alle imprese, che riescono a ottenere capitali più facilmente, sia agli investitori che ottengono una ricompensa che può rivelarsi molto allettante.

Come funziona il crowdfunding

La logica su cui si basa il crowdfunding è piuttosto semplice e le piattaforme che lo propongono hanno un meccanismo di funzionamento molto simile che si può sintetizzare in pochi passaggi:

  • il richiedente effettua la propria domanda di finanziamento sul sito di crowdfunding fornendo tutte le varie informazioni richieste che possono avere un livello di approfondimento diverso in base alla piattaforma scelta
  • la piattaforma di crowdfunding valuta il progetto e la sua fattibilità e in base al risultato decide se renderlo pubblico o meno
  • i privati navigando sulla piattaforma possono scegliere il progetto e la quantità di denaro da investire, alcuni siti chiedono un investimento minimo su altri invece è libero o viene indicato dai richiedenti.

I soggetti, quindi, coinvolti in questa operazione sono:

  • una persona giuridica o fisica che necessita di una determinata somma per realizzare un progetto
  • un investitore interessato a supportare uno o più progetti investendo una cifra anche irrisoria
  • una piattaforma di crowdfunding che funge da intermediario in quanto fa incontrare la domanda e l’offerta in cambio di una commissione.

Tipologie di Crowdfunding

Esistono diverse tipologie di crowdfunding che si differenziano in base al modello di investimento e alla tipologia di remunerazione.

Equity crowdfunding

L’equity crowdfunding è una vera e propria operazione finanziaria che avviene secondo un modello per cui gli investitori ricevono quote della società finanziata in base all'ammontare della somma investita nel progetto diventando a tutti gli effetti soci.

In Italia questo tipo di crowdfunding è regolamentato dalla Consob che ha imposto regole precise alle piattaforme che offrono questo servizio al fine di renderle il più possibile sicure per gli investitori.

Le piattaforme italiane di equity crowdfunding devono, infatti, iscriversi nel registro delle imprese autorizzate a effettuare questo tipo di operazione e pertanto devono essere società di capitali, presentare una relazione sulle loro attività e organizzazione e soddisfare requisiti di onorabilità e di professionalità.

Reward crowdfunding

Questo tipo di crowdfunding prevede che l’investitore ottenga una gratificazione proporzionale alla cifra investita che molto spesso si traduce nel ricevere un bene o servizio prima che diventi disponibile sul mercato.

Questo modello di crowdfunding funziona, quindi, come una sorta di pre-vendita che può rivelarsi molto utile per il richiedente per testare la risposta del mercato circa il suo progetto.

Il reward crowdfunding prevede due modalità di raccolta:

  • keep-it-all, il promotore della campagna incassa quanto ottenuto a prescindere che abbia raggiunto la somma richiesta, soluzione scelta in genere per progetti che hanno bassi costi iniziali e rischi contenuti
  • all or nothing, il promotore incassa il denaro solo se ha raggiunto la cifra stabilita nella raccolta

Lending crowdfunding

Il lending crowdfunding conosciuto anche come P2P lending o social lending consiste nell’investimento di denaro in uno o più progetti a fronte di un interesse che viene pagato, in genere, mensilmente.

Il rendimento offerto da questo tipo di crowdfunding non è vincolato al successo del progetto come invece avviene nell’equity crowdfunding.

Donation crowdfunding

Il donation crowdfunding è in pratica una donazione per cui non ci si aspetta nessuna ricompensa in quanto la motivazione che la spinge è credere in un determinato progetto o causa.

Come investire nel crowdfunding

Investire nel crowdfunding cogliendo le occasioni di guadagno che offre è semplice anche per chi non è esperto del settore o di fintech in generale.

Basta seguire pochi e semplici step:

  • scegliere la piattaforma di crowdfunding su cui investire, valutando le caratteristiche e il posizionamento di ognuna
  • effettuare la registrazione sulla piattaforma, in genere gratuita, inserendo i documenti necessari e compilando se richiesto il proprio profilo di rischio
  • scegliere il progetto su cui si desidera investire valutando la documentazione disponibile
  • investire e tenere monitorata la situazione, in genere il ritorno dell’investimento non è immediato ma sono necessari mesi o anni affinché un progetto abbia successo

Principali metodi di investimento nel crowdfunding

È possibile investire nel crowdfunding in diversi modi in base all’accordo stipulato con il richiedente al momento della sottoscrizione.

Nell’ambito dell’equity crowdfunding è possibile diventare soci dell’impresa che si finanzia, di conseguenza se il progetto ha successo si potranno rivendere le quote acquistate ottenendo un profitto oppure partecipare alla distribuzione degli utili qualora questa sia prevista.

Nel caso del lending crowdfunding si otterrà un rimborso in genere mensile del prestito effettuato maggiorato degli interessi ma non si potranno vantare altri diritti sulla start up o azienda finanziata.

Potenzialmente si può ottenere un maggiore guadagno investendo nell’equity crowdfunding ma allo stesso tempo questa pratica è molto più rischiosa del lending crowdfunding in quanto è vincolata all’esito del progetto che a sua volta dipende da molteplici variabili.

Le piattaforme di crowdfunding più affidabili

Scopri quali sono le piattaforme di crowdfunding più affidabili per effettuare un investimento che offra un ritorno economico o anche solo la soddisfazione di ricevere un prodotto o un servizio innovativo in cui si crede.

CrowdFundMe

CrowdFundMe è una piattaforma italiana di equity crowdfunding creata nel 2013 con sede a Milano, vigilata da Consob e ammessa alle quotazioni sull'AIM di Borsa Italiana.

Questa piattaforma offre l’investimento in startup operanti in vari settori, in progetti di crowdfunding immobiliare e propone anche mini-bond che consentono di diventare creditori di realtà italiane consolidate beneficiando di un rendimento interessante con cedola mensile.

CrowdFundMe è piuttosto semplice da usare e presenta l’utile funzione "Follow" che consente di seguire in maniera automatica ogni aggiornamento sulle campagne di proprio interesse.

Per investire su Crowdfundme non è prevista una cifra minima ma sono i vari richiedenti a stabilire un ammontare minimo per entrare nel progetto. Nella maggior parte tale cifra è di 250€

MamaCrowd

MamaCrowd è una piattaforma di equity crowdfunding creata e gestita da SiamoSoci, una realtà italiana costituita da professionisti del mondo dell’imprenditoria e degli investimenti. Questa piattaforma è partecipata indirettamente da Azimut Holding, storico gruppo attivo nell’ambito del risparmio gestito, ed è vigilata da Consob.

I soggetti che desiderano richiedere un finanziamento devono compilare un modulo online e presentare un'approfondita documentazione del progetto che è oggetto di validazione prima della sua messa online.

Questo rappresenta una forma di tutela in più per gli investitori, in quanto solo i progetti considerati realizzabili vengono pubblicati.

A loro volta i potenziali investitori prima di operare devono compilare dei documenti tra cui il Mifid per definire il proprio profilo di rischio.

L’investimento minimo su Mamacrowd è pari a 250€.

Kickstarter

Kickstarter è una piattaforma di crowdfunding americana nata nel 2019

per offrire finanziamenti collettivi a progetti creativi nell'ambito musicale, teatrale, dei videogiochi, del giornalismo o dei fumetti.

Il Times ha indicato Kickstarter come una delle Migliori Invenzioni del 2010 e nel 2015 questa realtà è diventata una società di pubblica utilità ovvero una società a scopo di lucro che deve avere tra i propri obiettivi l’impatto positivo sulla società.

L'investimento su questa piattaforma non viene effettuato per ottenere rendimenti o benefici finanziari ma i sostenitori ottengono eventualmente come ricompensa una copia di un qualcosa che viene realizzato o un'esperienza personalizzata legata al progetto.

Indiegogo

Indiegogo è un sito di americano di reward crowdfunding fondato nel 2008 e specializzato nell'ambito di progetti altamente tecnologici.

Questa piattaforma consente ai sostenitori, ovvero ai backers, di contribuire con un’offerta economica a piacere ai vari progetti in cambio di una ricompensa che può variare in base al contributo.

Ad esempio, se il contributo è minimo si può ricevere un ringraziamento mentre se è più sostanzioso si possono ricevere in anteprima prodotti o servizi oggetto dell'attività che si va a finanziare. Bisogna comunque considerare che non vi è garanzia dell'ottenimento di questi benefit in quanto il progetto potrebbe avere un esito negativo.

Indiegogo offre, inoltre, un marketplace dove è possibile acquistare i prodotti realizzati grazie agli investimenti.

CrowdCube

CrowdCube è una piattaforma di equity crowdfunding inglese fondata nel 2011 e autorizzata e regolamentata dalla Financial Conduct Authority (FCA) e dalla Comisión Nacional del Mercado de Valores (CNMV).

Tutti i progetti inseriti sul sito sono valutati attraverso un’accurata due diligence, fattore che garantisce che vengano ammessi solo progetti che hanno buone possibilità di essere realizzati.

Questa piattaforma offre agli investitori il servizio Cubex attraverso cui si può esprimere il proprio interesse ad acquistare o vendere quote di compagnie europee. Una volta dimostrato l'interesse Cubex cerca di fare un match tra domanda e offerta facilitando l'operazione.

L’investimento minimo su questa piattaforma è di 10 sterline e in genere viene suggerito di investire somme in un multiplo esatto del prezzo dell’azione. Se si cambia idea è possibile ridurre o cancellare l’investimento entro 7 giorni dalla sottoscrizione.