Qonto, la challenger bank per PMI chiude round da 104 milioni di euro

La challenger bank Qonto che offre servizi bancari per le imprese ha chiuso un round di serie C con il colosso cinese Tencent e il fondo DST Global.
Qonto business banking

"Siamo abituati a annunciare un nuovo round di finanziamento ogni anno", scherza Alexandre Prot, cofondatore e CEO di Qonto. Ma non è troppo lontano dalla realtà. Infatti, dopo un seed round da 1,6 milioni di euro nel 2016, la startup aveva completato un round serie A da 10 milioni di euro nel 2017, e uno serie B da 20 milioni a settembre 2018. È stato necessario attendere un po' di più quest'anno per il round serie C, ma è stato completato in tempi record secondo il suo fondatore. "Abbiamo iniziato a ottobre e completato il round in tre mesi".

Un round rapido, realizzato con gli investitori già esistenti: i fondi Valar Ventures e Alven e due nuovi investitori di peso: Tencent con sede in Cina e DST Global, fondo di venture capital nato a Hong Kong nel 2009 con all'attivo 34 exits. Al round si aggiungono anche due business angels con una grande esperienza nel settore fintech: Taavet Hinrikus, cofondatore di TransferWise e Ingo Uytdehaage, CFO di Adyen. Questo è il più grande round di finanziamento mai realizzato per una fintech francese e porta la somma totale dei fondi raccolti dalla nascita della società nell'aprile 2016 a 136 milioni di euro.

Siamo onorati di essere supportati da importanti investitori globali che hanno sostenuto le aziende di maggior successo e che hanno rivoluzionato i loro settori. Inoltre, avere due grandi imprenditori che hanno scalato con successo imprese europee trasformandole in campioni globali è un valido supporto alla nostra ambizione di accelerare la nostra crescita e diventare il miglior servizio bancario quotidiano per le piccole e medie imprese in Europa", affermano Alexandre Prot e Steve Anavi, cofondatori di Qonto.

Qonto è una challenger bank, o una neobank, una banca digitale che offre servizi bancari per le imprese, qui puoi leggere la nostra recensione di Qonto. Invece di attrarre milioni di clienti come N26 o Monzo, Qonto è al servizio di piccole e medie imprese e liberi professionisti in Europa.

Qonto offre una migliore esperienza utente con un prodotto online e mobile-first, a trarne beneficio sono già state 65.000 aziende negli ultimi due anni e mezzo. Il prodotto è attualmente attivo in Francia, Italia, Spagna e Germania. Solo nel 2019, Qonto ha gestito un volume di transazioni di 10 miliardi di euro.

Con il round di finanziamento di oggi, la società prevede di raddoppiare i mercati esistenti, sviluppare nuove funzionalità che consentano alla piattaforma di funzionare meglio in ogni paese in base alle esigenze locali e assumere più persone. Il team dovrebbe crescere da 200 a 300 dipendenti entro un anno.

Qonto ha ottenuto la licenza di un istituto di pagamento a giugno 2018 e ha sviluppato la propria infrastruttura bancaria principale. Circa il 50% della base utenti dell'azienda sta attualmente utilizzando il sistema bancario di Qonto. Altri si affidano ancora a un partner di terze parti.

Il passaggio da un back-end all'altro richiede alcuni input da parte dei clienti, il che spiega perché ci sono ancora alcuni clienti che utilizzano l'infrastruttura legacy. Nei prossimi mesi, Qonto prevede di lanciare nuove funzionalità di pagamento che dovrebbero convincere un maggior numero di utenti a passare al back-end di Qonto.

Ancora più importante, Qonto prevede di ottenere una licenza come istituto di credito, che potrebbe aprire molte possibilità in termini di sviluppo del prodotto e flussi di entrate. La compagnia afferma che dovrebbe avere la sua nuova licenza entro la fine dell'anno.

Rispetto alle banche tradizionali, Qonto consente di aprire un conto bancario più facilmente. Dopo la registrazione, Qonto offre un'interfaccia moderna dove puoi esportare le tue transazioni in pochissimo tempo, gestire le tue spese e ricevere notifiche in tempo reale. Qonto si integra anche con i più diffusi strumenti di contabilità.