Il prezzo psicologico dell'imprenditorialità

In questo articolo vediamo quale è il prezzo psicologico di avviare una impresa e diventare un imprenditore. Questo articolo offre uno scorcio sull'imprenditorialità da un'ottica squisitamente psicologica. Si parla delle caratteristiche di personalità e le preferenze che contraddistinguono gli imprenditori e ciò che determina la soddisfazione o meno dell'imprenditore e il successo di un'azienda o il suo fallimento.
Psicologia imprenditori

Sotto tutti i punti di vista, Bradley Smith rappresenta un'inequivocabile esempio di successo aziendale. È CEO di Rescue One Financial, una società di servizi finanziari con sede a Irvine, in California. La società di Smith è cresciuta del 91% negli ultimi tre anni, entrando nella top 5000 su Inc. 500 e fatturando 40 milioni di dollari nel 2017. Difficilmente si potrebbe supporre che solo qualche anno fa Smith fosse sull'orlo della rovina finanziaria - e del collasso mentale.

Nel 2008, Smith lavorava per lunghe ore consigliando a clienti nervosi su come uscire dai debiti. Ma il suo atteggiamento calmo nascondeva un segreto: condivideva le loro paure. Come loro, Smith stava sprofondando sempre più nei debiti. "Sentivo quanto fossero depressi e sconvolti i miei clienti, ma dentro di me pensavo a me stesso, con il doppio dei loro debiti ", ricorda Smith.

Aveva incassato il suo 401 (k) (investimento pensionistico complementare paragonabile al nostro tfr, ndr), aperto un fido di 60.000 dollari. Aveva venduto il Rolex che aveva comprato con il suo primo stipendio in assoluto nella sua precedente carriera come agente di cambio. E si era umiliato davanti a suo padre - l'uomo che lo aveva cresciuto con massime come "il denaro non cresce sugli alberi" e "non fare mai affari con la famiglia" - chiedendo 10.000 dollari, che aveva ricevuto con il 5% di interessi dopo aver firmato una cambiale.

Smith sapeva infondere ottimismo nei confronti dei suoi co-fondatori e di 10 dipendenti, ma i suoi nervi erano allo stremo. "Mia moglie e io condividevamo una bottiglia di vino da 5 dollari per cena guardandoci l'un l'altro", dice Smith. "Sapevamo di essere vicini al limite”. Poi la pressione è addirittura aumentata: la coppia ha saputo che stavano aspettando il loro primo figlio. "Ci sono state notti insonni, fissando il soffitto", ricorda Smith. "Mi svegliavo alle 4 del mattino con la mente che correva, pensando a questo e quello, non potendo spegnerla, chiedendomi: quando finirà questa cosa?" Dopo otto mesi di costante ansia, la compagnia di Smith ha finalmente iniziato a fare soldi.

Gli imprenditori di successo ottengono lo status di eroe nella nostra cultura. Facciamo dei Mark Zuckerbergs e degli Elon Musks degli idoli. E celebriamo la crescita incredibilmente rapida delle aziende nell'elenco delle Inc. 500. Ma molti di quegli imprenditori, come Smith, ospitano demoni segreti: prima di diventare grandi, hanno lottato con momenti di angoscia e disperazione quasi debilitanti - momenti in cui sembrava che tutto potesse crollare.

Fino a poco tempo fa, ammettere tali sentimenti era un tabù. Piuttosto che mostrare vulnerabilità, i leader aziendali hanno praticato quello che gli psichiatri sociali chiamano gestione delle impressioni - noto anche come "finto finché non lo fai". Toby Thomas, CEO di EnSite Solutions, spiega il fenomeno con la sua analogia preferita: un uomo che cavalca un leone. "La gente lo guarda e pensa, questo ragazzo ha davvero capito tutto! Lui è coraggioso!" dice Thomas. "E l'uomo che cavalca il leone sta pensando, come diavolo sono salito su un leone, e come faccio a non essere mangiato?"

Non tutti quelli che camminano nell'oscurità ce la fanno. Il 27 gennaio del 2013, Jody Sherman di 47 anni, un imprenditore diventato famoso con l'e-commerce Ecomom, si è tolto la vita. La sua morte ha scosso la comunità delle start-up. Ha anche riacceso una discussione sull'imprenditorialità e sulla salute mentale iniziata due anni prima, dopo il suicidio di Ilya Zhitomirskiy, 22 anni, co-fondatore di Diaspora, un sito di social networking.

Ultimamente, un numero sempre maggiore di imprenditori hanno iniziato a parlare delle loro lotte interne nel tentativo di combattere lo stigma sulla depressione e l'ansia che rende difficile per i malati cercare aiuto. In un post profondamente personale intitolato "Quando la morte sembra una buona opzione", Ben Huh, l'amministratore delegato dei siti web satirici di Cheezburger Network, ha scritto dei suoi pensieri suicidi in seguito a una sua iniziativa startup fallita nel 2001. Sean Percival, ex vice presidente di MySpace e cofondatore della startup di abbigliamento per bambini Wittlebee, ha scritto un pezzo intitolato "Quando non stai bene, chiedi aiuto" sul suo sito web. "Sono morto e risorto un paio di volte l'anno scorso con la mia attività e la mia depressione", ha scritto. "Se stai per perderti, per favore contattami”. 

Brad Feld, amministratore delegato di Foundry Group, ha iniziato a bloggare in ottobre sul suo ultimo episodio di depressione. Il problema non era nuovo: l'eminente venture capitalist aveva lottato con i disturbi dell'umore per tutta la sua vita adulta - e non si aspettava di ricevere una risposta. Ma poi sono arrivate le e-mail. Centinaia. Molte da imprenditori contro cui aveva anche lottato con ansia e disperazione. "Se vedeste l'elenco dei nomi, vi sorprendereste molto", dice Feld. "Sono persone di grande successo, molto visibili, molto carismatiche, eppure hanno lottato con questo in silenzio. C'è l'idea che non possano parlarne, che sia una debolezza o una vergogna o qualcosa del genere. Si sentono di nasconderlo, il che peggiora il tutto".

Se gestisci un'impresa, probabilmente questo suona familiare. È' un lavoro stressante che può creare turbolenze emotive. Per i principianti, c'è l'alto rischio di fallimento. Tre su quattro startup falliscono, secondo la ricerca di Shikhar Ghosh, docente alla Harvard Business School. Ghosh ha anche scoperto che oltre il 95% delle startup non è all'altezza delle proiezioni iniziali.

Gli imprenditori si destreggiano spesso in molti ruoli e affrontano innumerevoli battute d'arresto: clienti persi, controversie con i partner, aumento della concorrenza, problemi di personale. "Ci sono eventi traumatici lungo il cammino", afferma lo psichiatra e l'ex imprenditore Michael A. Freeman, che sta conducendo ricerche sulla salute mentale e l'imprenditorialità.

Complicando le cose, i nuovi imprenditori spesso si rendono meno resistenti trascurando la loro salute. Mangiano troppo o troppo poco. Non dormono abbastanza. Non riescono a esercitarsi. "Corri il rischio di entrare nella modalità startup, dove ti spingi al limite e abusi del tuo corpo", dice Freeman. "Questo può scatenare la vulnerabilità dell'umore".

Quindi non dovrebbe sorprendere che gli imprenditori sperimentino più ansia dei dipendenti. Nell'ultimo indice Gallup-Healthways Well-Being, il 34% degli imprenditori - 4 punti percentuali in più rispetto agli altri lavoratori - ha riferito di essere preoccupato. E il 45% degli imprenditori ha dichiarato di essere stressato, 3 punti percentuali in più rispetto agli altri lavoratori.

Ma potrebbe essere più di un lavoro stressante che spinge alcuni imprenditori oltre il limite. Secondo i ricercatori, molti imprenditori condividono tratti caratteriali innati che li rendono più vulnerabili agli sbalzi d'umore. "Le persone che spingono sul loro lato energetico, motivazionale e creativo hanno maggiori probabilità di essere imprenditori e anche più probabilità di essere preda di forti stati emotivi", dice Freeman. Questi stati possono includere depressione, disperazione, disperazione, inutilità, perdita di motivazione e pensiero suicida.

Chiamatelo il rovescio della medaglia. Le stesse disposizioni appassionate che guidano  i fondatori verso il successo a volte possono consumarli. Gli imprenditori sono "vulnerabili al lato oscuro dell'ossessione", suggeriscono i ricercatori della Swinburne University of Technology di Melbourne, in Australia. Hanno condotto interviste con i fondatori per uno studio sulla passione imprenditoriale. I ricercatori hanno scoperto che molti soggetti mostravano segni di ossessione clinica, tra cui forti sentimenti di angoscia e ansia, che hanno "il potenziale di portare a un funzionamento compromesso", hanno scritto in un documento pubblicato nell'Entrepreneurship Research Journal.

A rafforzare questo messaggio anche John Gartner, uno psicologo praticante che insegna alla Johns Hopkins University Medical School. Nel suo libro The Hypomanic Edge: The Link Between (a Little) Craziness and (a lot of) success in America, Gartner sostiene che un temperamento spesso sottovalutato - l'ipomania - potrebbe essere responsabile dei punti di forza di alcuni imprenditori e dei loro difetti.

Una versione più lieve della mania, l'ipomania si verifica spesso nei parenti dei maniaco-depressivi e colpisce circa il 5-10% degli americani. "Se sei maniaco, pensi di essere Gesù", dice Gartner. "Se sei ipomaniaco, pensi di essere il regalo di Dio nel mondo degli investimenti tecnologici, stiamo parlando di diversi livelli di grandiosità ma degli stessi sintomi".

Gartner teorizza che ci sono così tanti ipomaniaci - e così tanti imprenditori - negli Stati Uniti perché il carattere nazionale del paese è cresciuto su ondate di immigrazione. "Siamo una popolazione autoselezionata", dice. "Gli immigrati hanno un'ambizione, un'energia e una tolleranza al rischio inusuali, che li portano a cogliere l'opportunità di muoversi per un'opportunità migliore: sono tratti caratteriali basati sul temperamento biologico: se si semina un intero continente con loro, si otterrà un nazione di imprenditori".

Anche se motivati e innovativi, gli ipomaniaci presentano un rischio molto più elevato di depressione rispetto alla popolazione generale, osserva Gartner. Il fallimento può innescare questi episodi depressivi, ovviamente, ma lo è anche tutto ciò che rallenta lo slancio di un ipomanaico. "Sono come border collie - devono correre", dice Gartner. "Se li tieni dentro, masticano i mobili, impazziscono, si limitano a camminare, ecco cosa fa l'ipomania, hanno bisogno di essere impegnati, attivi, oberati di lavoro".

Non importa quale sia la maschera che utilizzi, una battuta d'arresto durante la propria attività imprenditoriale può dare un duro colpo e far entrare in crisi. E' successo persino a imprenditori molto esperti. Mark Woeppel ha lanciato Pinnacle Strategies, una società di consulenza manageriale, nel 1992. Nel 2009, il suo telefono ha smesso di squillare.

Coinvolto nella crisi finanziaria globale, i suoi clienti erano improvvisamente più preoccupati della sopravvivenza più che di aumentare la loro produzione. Le vendite sono crollate del 75%. Woeppel ha licenziato la sua mezza dozzina di impiegati. In poco tempo, aveva esaurito i suoi beni: automobili, gioielli, tutto ciò che poteva essere venduto. Anche la sua riserva di fiducia stava diminuendo. "Come amministratore delegato, hai questa immagine di te stesso - tu sei il padrone dell'universo", dice. "E poi all'improvviso, non lo sei più”.

Woeppel, ansioso e con un basso livello di autostima, iniziò a mangiare troppo - mettendo su 20 kg. A volte cercava un sollievo temporaneo in una vecchia dipendenza: suonare la chitarra. Chiuso in una stanza, ha suonato gli assoli di Stevie Ray Vaughan e Chet Atkins. "Era qualcosa che potevo fare solo per l'amore di farlo", ricorda. "In quel momento non c'era nient'altro che me, la chitarra e la pace".

Nel mentre, ha continuato a lavorare per sviluppare nuovi servizi. Sperava solo che la sua impresa sarebbe vissuta abbastanza a lungo per venderli. Nel 2010, i clienti hanno iniziato a tornare. Pinnacle ha ottenuto il suo contratto più grande in assoluto, con un produttore aerospaziale, sulla base di un white paper scritto da Woeppel durante la fase discendente. 

Woeppel dice che ora è più resiliente, temperato dai tempi difficili. "Ero del tipo, Il mio lavoro sono io" dice. "Poi fallisci e scopri che i tuoi figli ti amano ancora, tua moglie ti ama ancora, il tuo cane ti ama ancora".

Ma per molti imprenditori, le ferite di battaglia non guariscono mai completamente. Questo è stato il caso di John Pope, CEO di WellDog, una società di servizi energetici con sede a Laramie, nel Wyoming. L'11 dicembre 2002, Pope aveva esattamente 8,42 dollari in banca. Era in ritardo di 90 giorni sul pagamento della sua auto. Era 75 giorni indietro sul mutuo. L'IRS (l'agenzia governativa deputata alla riscossione dei tributi all'interno del sistema tributario degli Stati Uniti, ndr) aveva presentato un pegno contro di lui. Il suo telefono di casa, il cellulare e la TV via cavo erano stati tutti disattivati. In meno di una settimana, la compagnia del gas avrebbe sospeso il servizio alla casa che divideva con sua moglie e le sue figlie. Quindi non ci sarebbe stato riscaldamento. La sua compagnia si aspettava un bonifico dalla compagnia petrolifera Shell, un investitore strategico, dopo che mesi di negoziati erano terminati con un contratto firmato di 380 pagine. Quindi, Pope ha aspettato.

Il telegramma è arrivato il giorno successivo. Pope - insieme alla sua compagnia - è stato salvato. Da allora, WellDog è continuata a crescere. Ma rimangono ancora residui emotivi degli anni di tumulto. "C'è sempre quella sensazione di essere sovraesposti, di non riuscire mai a rilassarsi", dice Pope. "Finisci per avere un serio problema di fiducia: ti sembra che ogni volta che crei sicurezza, qualcosa accada per portarlo via".

Pope a volte si sorprende reagendo in modo emotivamente esagerato a piccole cose. È un modello di comportamento che gli ricorda il disturbo da stress post-traumatico. "Succede qualcosa e te ne vai fuori di testa", dice. "Ma la scala del problema è molto inferiore alla scala della tua reazione emotiva".

Anche se il lancio di una startup sarà sempre una corsa sfrenata, piena di alti e bassi, ci sono cose che gli imprenditori possono fare per contribuire a impedire che le loro vite vadano fuori controllo, dicono gli esperti. La più importante, prendi tempo per i tuoi cari, suggerisce Freeman. "Non lasciare che il tuo business schiacci le tue connessioni con gli esseri umani", dice. Quando si tratta di combattere la depressione, le relazioni con amici e familiari possono essere armi potenti. E non bisogna aver paura di chiedere aiuto a un professionista della salute mentale se si stanno sperimentando sintomi di ansia significativa, disturbi da stress post-traumatico o depressione.

Freeman consiglia inoltre che gli imprenditori limitino la loro esposizione finanziaria. Le conseguenze di esposizioni eccessive possono provocare sconvolgimenti non solo al conto in banca ma anche ai livelli di stress. Quindi è bene impostare un limite di quanto del proprio denaro si sia disposti a investire. E non lasciare che amici e parenti si impegnino più di quanto possano permettersi di perdere.

Anche l'esercizio cardiovascolare, un'alimentazione salutare e un sonno adeguato sono di aiuto. Così si coltiva un'identità oltre alla propria azienda. "Costruisci una vita centrata sulla convinzione che l'autostima non è la stessa cosa che un valore netto", dice Freeman. "Altre dimensioni della tua vita dovrebbero far parte della tua identità". Che tu stia crescendo una famiglia, facendo parte del board di un ente di beneficenza locale, costruendo modelli di trenini nel cortile di casa, o ballando swing durante i fine settimana, è importante sentirsi a proprio agio in aree estranee al lavoro.

La capacità di riformulare i fallimenti e le perdite può anche aiutare i leader a mantenere una buona salute mentale. "Invece di dire a te stesso, ho fallito, gli affari non mi sono andati bene, sono un perdente'", dice Freeman, "guarda i dati da una prospettiva diversa: nessun azzardo, nessun guadagno. La vita è un processo costante di tentativi ed errori. Non esagerare l'esperienza".

Infine, è importante essere aperti sui propri sentimenti - non mascherare le emozioni, anche in ufficio, suggerisce Brad Feld. Quando si è disposti a essere emotivamente onesti, dice, ci si può connettere più profondamente con le persone intorno a sé. "Quando si nega se stessi e ci si tira indietro, le persone possono capirlo", dice Feld. "La disponibilità a essere vulnerabili è un'arma molto potente per un leader".

Questo post è la traduzione dell'articolo The Psychological Price of Entrepreneurship.