PayFit annuncia nuovo round di investimento da 90 milioni di euro

PayFit ha annunciato un nuovo finanziamento di €90m per continuare la digitalizzazione dei processi HR delle PMI in Italia e Europa.
PayFit  avatar
PayFit
None
payfit round di finanziamento da 90 milioni di euro

Il quarto round di finanziamento per PayFit

PayFit, azienda HRtech con sede a Parigi, ha visto una crescita del 40% nel corso del 2020 e ha chiuso un round di finanziamento Serie D da 90 milioni di euro, che si vanno aggiungere agli altri 90 milioni di euro precedentemente raccolti.

Il round è stato guidato da Eurazeo Growth, Large Venture e BPI France e ha visto la partecipazione degli investitori esistenti Accel, Frst e di Xavier Niel.

L’obiettivo è la rivoluzione digitale dell’amministrazione HR

PayFit è conosciuta per il suo modello innovativo di gestione amministrativa delle risorse umane, e il nuovo round di finanziamento dovrebbe alimentare la crescita continua e lo sviluppo della soluzione HR per le PMI, così come espandere l'organico del 50%, per un totale di 800 dipendenti, entro la fine dell'anno.

Con oltre 24 milioni di PMI in tutta Europa, molte delle quali sono state colpite duramente dalla pandemia globale, PayFit automatizza processi manuali di raccolta presenze e note spese dei dipendenti e restituisce all’azienda il controllo sui propri dati.

L’obiettivo è la rimozione di noiosi compiti amministrativi per HR Manager, in modo da permettergli di concentrare il tempo in attività a più alto valore aggiunto tra cui la formazione dei dipendenti, la progressione di carriera e le iniziative di apprendimento e sviluppo.

L’importanza di focalizzare il tempo degli HR Manager sulle questioni ad alto valore aggiunto

"Come risultato della pandemia, i professionisti delle risorse umane hanno affrontato un carico di lavoro molto più elevato e sfide precedentemente sconosciute", commenta Firmin Zocchetto, CEO e co-fondatore di PayFit.

"Hanno dovuto affrontare diverse questioni: dal supportare il management dell'azienda con l'implementazione di politiche di lavoro a distanza al garantire il benessere dei dipendenti attraverso nuove iniziative."

La crisi sanitaria ha reso la digitalizzazione un vero vantaggio competitivo per le nostre PMI europee e ha convinto più manager. Ma se ha accelerato, è ancora timido in molte aziende.

"Ci sono ancora decine di milioni di PMI che vogliono passare al digitale. Il mercato è enorme, e la nostra ambizione rimane la stessa: diventare il riferimento nella gestione delle paghe e delle risorse umane per queste PMI. Questo è tanto più importante perché la digitalizzazione sarà una leva essenziale nella ripresa dell'economia dopo la crisi".

Lo sviluppo del prodotto per diventare una piattaforma HR completa

Per raggiungere questo obiettivo, PayFit sviluppa costantemente nuove funzionalità e oggi centralizza la busta paga, le dichiarazioni sociali, le assenze e le ferie, le note spese, l'integrazione di nuovi dipendenti, l'elenco dei dipendenti, ecc.

Oltre a rafforzare le funzionalità esistenti, PayFit prevede di svilupparne di nuove per la parte HRIS. Per esempio, saranno aggiunti alla soluzione dei moduli per le riunioni settimanali e i sondaggi tra i dipendenti.

L’espansione in Europa e la presenza in Italia

Presente in 5 paesi europei (Germania, Spagna, Italia, Francia, Regno Unito), l'azienda vuole consolidare la sua posizione in questi mercati. La busta paga è un processo estremamente complesso, ma non è mai abbastanza automatizzato. La soluzione vuole ridurre il più possibile l'attrito, per far risparmiare ancora più tempo ai suoi clienti, alle risorse umane e ai manager.

In Italia PayFit è presente da oltre un anno, e sta permettendo alle PMI di eliminare il tabù sulla gestione della busta paga e i relativi dati. Grazie al supporto dedicato, ora è possibile controllare tutto il processo in modo facile e guidato, senza necessità di essere esperti paghe.

PayFit prevede di reclutare 250 talenti nel 2021, che rafforzeranno il suo team di prodotto. Già forte di 550 dipendenti, PayFit ha come obiettivo quello di incrementare i dipendenti fino a raggiungere le 800 unità entro la fine del 2021 e 1.000 entro la fine del 2022. In Italia PayFit punta a raddoppiare la sua presenza entro fine anno.

Il settore HR in Italia ed in Europa sta vedendo una spinta nata dalla necessità di digitalizzazione creata dal Covid. Il settore HRTech è in fermento, e PayFit sta lavorando per posizionarsi come la piattaforma leader per la gestione amministrativa dei dipendenti in tutta Europa. Questo ultimo finanziamento aiuterà siamo sicuri a permetterci di raggiungere i nostri obiettivi.