PAC su Bitcoin: cosa sono e come funzionano

Una delle strategie più utilizzate nel mondo degli investimenti è il PAC, Piano di accumulo del Capitale ma come funziona con Bitcoin? Scopriamolo insieme.

bitcoin pac

La maggior parte delle persone che si avvicina a bitcoin inizia investendo nella modalità più pericolosa possibile: si inizia decidendo la cifra destinata all’investimento e successivamente si passa alla scelta dell’exchange, il broker per eseguire l’operazione di conversione da moneta fiat come Euro o Dollari in Bitcoin.

Perché la maggior parte delle persone investe in modo pericoloso

Investire seguendo questa strategia è pericoloso per qualsiasi asset, che sia un’azione o bitcoin. Questo perché stiamo essenzialmente scommettendo, stiamo provando a indovinare il punto d’entrata migliore, un’operazione estremamente difficile anche per i trader più esperti.

Prendiamo per esempio il grafico BTC/USD (bitcoin vs dollaro americano) degli ultimi 3 anni: con molto probabilità avresti rischiato di investire con un prezzo d’acquisto molto alto portando un importante drawdown del tuo portafoglio, cioè una perdita massima subita dal tuo portafoglio, perché?

grafico di un piano di accumulo bitcoin

Perché bitcoin è un asset ancora giovane con i suoi 13 anni di vita, capitalizza circa 400 miliardi di dollari ed è famoso per la sua volatilità e i suoi cicli di crescita, osservati dal 2009 ad oggi.

Periodicamente si torna a parlare di bitcoin sui media, dai siti web ai telegiornali, questo succede tipicamente quando si raggiungono nuovi massimi (chiamati anche ATH, All Time High) e questo espone i nuovi arrivati ad investire esponendosi con il 100% della disponibilità al prossimo crash di mercato.

Come possiamo diminuire il rischio?

Ora che abbiamo spiegato i rischi di investire con la modalità più comune tra i piccoli investitori, passiamo alla soluzione più famosa: il PAC, Piano di Accumulo del Capitale.

La modalità di investimento PAC consiste nell’investire periodicamente e regolarmente una piccola cifra.

Immagina di decidere di allocare 5.000€ per un investimento in bitcoin. Se il tuo orizzonte temporale è sufficientemente lungo potresti comprare mensilmente circa 200€ per una durata di 2 anni!

Quali sono i vantaggi di utilizzare una strategia PAC?

Oltre a evitare di bruciare tutto il capitale a disposizione nel momento peggiore, questa strategia offre tanti altri vantaggi, andiamo a studiarne alcuni:

  1. puoi iniziare ad investire senza aspettare di avere grandi capitali a disposizione. Se hai un capitale che sei disposto a investire più aggressivamente puoi sempre effettuare un mix di strategie, investire una parte subito e il resto da usare per il PAC;
  2. capire a fondo bitcoin richiede mesi di studio se non anni, iniziare con un PAC ti permetterà di investire gradualmente mentre scenderai sempre più nella tana del bianconiglio, come diciamo nel mondo Bitcoin. Nel caso le tue nuove valutazioni sull’asset, provenienti dai tuoi nuovi studi dovessero cambiare nel tempo, potrai uscire dal tuo investimento con un capitale investito inferiore al capitale investito con la prima strategia;
  3. suddividere il tuo investimento temporalmente ti permetterà di accumulare satoshi durante i crash del mercato perché a parità di euro potrai comprare una quantità maggiore dell’asset scelto, in questo caso bitcoin;
  4. investire su bitcoin tramite PAC sarà molto meno stressante che scommettere sul suo prezzo, fidati!

Nel mondo americano questa modalità viene chiamata DCA, Dollar Cost Averaging, grazie alla capacità di mediare il prezzo d’acquisto dell’asset in questione, che sia Bitcoin, un titolo azionario o un ETF.

Come impostare un PAC su Bitcoin?

In Europa ad oggi esistono due piattaforme che permettono PAC su Bitcoin molto interessanti e di qualità: Relai e Bitkipi.

Entrambe le piattaforme ti permetteranno di comprare bitcoin senza la necessità di inviare documenti fino ad un limite di 900 € ogni 24 ore per un massimo di 90.000€ nell’arco dell’anno. Per sbloccare questo limite basterà seguire le procedure di KYC/AML richieste dai due servizi.

Entrambe le piattaforme permettono di impostare pagamenti ricorrenti e automatici, recurring payments tramite la propria banca, ricordati però di controllare i costi applicati dalla tua banca per i bonifici esteri (entrambi i servizi usano IBAN svizzero).

acquisto bitcoin con smartphone

Per capire i vantaggi di un PAC su bitcoin puoi utilizzare questo comodo sito web nato proprio per mostrare alle persone quanto convenga adottare questa strategia di pianificazione all’investimento.

Proviamo a fare un piccolo test: investendo 10$ ogni mese durante l’ultimo anno (capitale investito quindi pari a 120$) al momento avremmo in portafoglio circa 0.014 bitcoin per un controvalore di 168$. Se avessimo iniziato invece 2 anni fa comprando sempre 10$ al mese il nostro portafoglio segnerebbe un +273%.

Grazie al grafico dinamico offerto da dcaBTC è possibile notare inoltre l’andamento del nostro portafoglio, in costante crescita grazie agli acquisti periodici.

grafico per investire in bitcoin piano di accumulo

Conclusioni

Questa guida per l’inizio del tuo primo PAC su bitcoin è terminata.

Ricorda, questo articolo non vuole essere un invito all’investimento su bitcoin o criptovalute e che prima di procedere in un qualsiasi investimento bisogna effettuare studi e ricerche non solo sull’oggetto dell’investimento ma anche sulla propria condizione finanziaria ed esposizione al rischio.

Se dovessi decidere di iniziare un PAC su Bitcoin ricordati di leggere prima il nostro articolo su come configurare un tuo Wallet Bitcoin personale!

Simone Da Re avatar
Simone Da Re

Bitcoin Consultant & Software Developer