Notizie fintech della settimana

Questa settimana nel fintech italiano arrivano le micropolizze assicurative digitali istantanee, nascono gli NFT culinari Giallozafferano, Binance crede nel Web3.

Fintech News settimana

Banca Sella e Yolo per le micropolizze assicurative digitali

polizze assicurative digitali

Il digitale espande i confini anche nel settore assicurativo rendendo possibili le micropolizze istantanee attivabili via smartphone, quando servono.

Il gruppo bancario Banca Sella e la piattaforma specializzata di insurtech italiana Yolo, hanno siglato un accordo commerciale per emettere soluzioni innovative di instant insurance per offrire ai clienti coperture temporanee da 1 a 30 giorni in diversi settori di protezione.

Le micropolizze assicurative digitali potranno essere attivate via smartphone per coprire un viaggio, un periodo di vacanze, ed anche una giornata di sport o un’altra attività del tempo libero.

Le micropolizze istantanee sono un prodotto realizzato in collaborazione con Genertel e potranno essere sottoscritte in brevissimo tempo e in autonomia senza elaborate procedure burocratiche, garantendo un’ampia flessibilità all’utente finale che sarà libero di attivare e disattivare il servizio assicurativo quando vuole.

October rinforza il social lending con l’open banking di Yolt

La piattaforma di social lending rivolta alle piccole e medie imprese October, ha stretto una partnership con il servizio di dati per l’open banking Yolt per rafforzare il suo sistema di valutazione delle PMI che accedono ai prestiti attraverso la sua piattaforma.

October con Yolt migliora la sua efficienza sostituendo l’attuale meccanismo di valutazione basato sui dati statici forniti dalle banche, con un sistema aggiornato in tempo reale basato sui dati dell’open banking, riporta Finextra.

La società October è attiva dal 2016 e offre un servizio di facilitazione dell’accesso al credito attraverso un processo veloce e attivo in: Germania; Italia; Spagna; Paesi Bassi.

Di recente October ha acquisito il concorrente Credit.fr attivo in Francia. Quest’ultima è la seconda più grande piattaforma di prestiti per le piccole e medie imprese francesi, si legge nel comunicato.

Ora l’obiettivo di October è di fornire alle PMI europee una maggiore inclusione finanziaria grazie a informazioni creditizie sempre aggiornate. Con la procedura precedente, invece, ci si basava su dati forniti dalle agenzie di credito che sono aggiornati solo annualmente. Tale procedimento estrometteva dall’accesso al credito anche imprese idonee, ma prive di un credit score aggiornato.

Yolt, invece, fornirà a October una piattaforma di analisi basata su più dati per dare risposte puntali e aggiungendo ai classici dati un bacino di informazioni ampliato.

Binance costituisce fondo da $500 milioni per investire nel Web3

web3

Mentre il settore delle criptovalute ancora si lecca le ferite dopo il terremoto causato dall’ecosistema Terra e il suo stablecoin algoritmico, Binance guarda al futuro e attraverso Binance Labs ha dichiarato di aver raccolto 500 milioni di dollari per costituire un fondo da destinare alle start-up del Web3.

Il ramo di venture di Binance ha ottenuto il sostegno finanziario delle società di venture capital DST Global e Breyer Capital, ed anche di alcuni family office rimasti nell’anonimato, riporta Cnbc.

Il fondatore dell’exchange di criptovalute Binance, Changpeng Zhao (CZ), da tempo ha pubblicamente affermato di credere nel Web3 ovvero quella che viene considerata la terza evoluzione di Internet, più aperto e meno centralizzato.

Binance Labs non è l’unica realtà del settore crypto ad annunciare un forte investimento in nuovi progetti imprenditoriali legati al comparto. La scorsa settimana anche il noto imprenditore statunitense Andreessen Horowitz aveva annunciato un fondo “monstre” da 4,5 miliardi di dollari destinato alle crypto start-up.

Sebbene le valutazioni delle start-up da un miliardo di dollari o più stiano “rallentando un po', attualmente non c'è alcun impatto nei mercati privati early-stage”, ha dichiarato a Cnbc Ken Li, il direttore esecutivo degli investimenti di Binance Labs.

Ex top manager di OpenSea arrestato per Insider trading sugli NFT

L’ex top manager del marketplace OpenSea, Nathaniel Chastain, è stato arrestato nello Stato di New York per frode e riciclaggio di denaro in connessione con uno schema di insider trading.

OpenSea è la principale piattaforma decentralizzata per la pubblicazione, la commercializzazione e lo scambio di token non fungibili (NFT) artistici.

L’insider trading è un reato commesso da chi acquista determinati titoli perché, grazie alla sua posizione privilegiata, è a conoscenza di informazioni riservate a cui solo lui o in pochi hanno accesso e quindi non sono di pubblico dominio.

Nel mese di settembre del 2021 Chastain fu licenziato da OpenSea dopo che l’indagine di un utente portò alla scoperta del comportamento fraudolento del manager, fa notare TechCrunch.

Alcuni acquirenti di NFT, seguendo le transazioni di Chastain che come tutte sono pubbliche e consultabili attraverso i cosiddetti block explorer, avevano scoperto che l’ex manager di OpenSea aveva acquistato collezioni di NFT in anticipo. Chastain, ha poi scoperto una indagine interna dell’azienda, aveva così agito sapendo che quelle collezioni di NFT sarebbero state messe in evidenza sulla pagina principale del marketplace per cui lavorava. Informazioni privilegiate che per lui si sono trasformate in un vantaggio competitivo rispetto ad altri acquirenti.

Giallozafferano ha i suoi NFT esclusivi

Giallozafferano si lascia tentare dagli NFT e si dota di una sua originale collezione di token non fungibili, ciascuno dei quali contiene una ricetta originale dei piatti italiani classici interpretati da alcuni dei migliori chef del Bel Paese e internazionali.

Troviamo così l’NFT Giallozafferano dedicato alla Pizza Margherita con la ricetta di Davide Civitello, l’NFT Giallozafferano dedicato al Risotto alla Milanese secondo la ricetta di Alessandro Negrini e ancora l’NFT Giallozafferano con la ricetta della Carbonara secondo Luciano Monosilio.

Non manca il dolce, un ottimo Tiramisù tradizionale secondo la ricetta di Frau Knam e la versione di Ernest Knam, rigorosamente Giallozafferano NFT.

Il brand culinario italiano ha deciso di tokenizzare le ricette su due reti diverse, quella di Ethereum e di Polygon. I possessori potranno leggere la ricetta e riscattare una sola volta il benefit ad esso collegato, spiega Giallozafferano in una nota.

Daniele Marino avatar
Daniele Marino

25, Business Analyst @Fintastico