Non è tutto oro quello che luccica: il pericolo di lasciare le criptovalute non regolamentate

La Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo, ha pubblicato tre note sui pericoli delle criptovalute nei paesi in via di sviluppo.

nazioni unite criptovaluta

L'UNCTAD afferma che c'è stata una rapida diffusione delle criptovalute nelle principali economie nel 2021, con Ucraina, Russia e Venezuela che detengono la percentuale più alta delle loro popolazioni che possiedono valuta digitale, rispettivamente al 12,7%, 11,9% e 10,3%.

percentuale della popolazione che possiede criptovaluta

Insieme alle tre note che descrivono in dettaglio l'instabilità delle criptovalute sia per le economie in via di sviluppo che per quelle avanzate, l'UNCTAD ha anche delineato azioni per controllare direttamente lo sviluppo delle criptovalute.

Il primo breve, abilmente intitolato "Non è tutto oro quel che luccica: l'alto costo di lasciare le criptovalute non regolamentate" discute le ragioni della rapida crescita delle criptovalute nei paesi in via di sviluppo, ovvero che gli asset digitali consentono agli utenti di sfruttare le rimesse e proteggere le proprie risorse dall'inflazione valutaria. Di conseguenza, le criptovalute iniziano a rappresentare una minaccia per la sovranità monetaria di queste nazioni.

Nei paesi in via di sviluppo con una domanda insoddisfatta di valute di riserva, le stablecoin presentano rischi particolari. Per alcuni di questi motivi, il Fondo monetario internazionale ha espresso l'opinione che le criptovalute rappresentino dei rischi in quanto moneta a corso legale", ha affermato l'UNCTAD.

Il rischio personale coinvolto nelle criptovalute potrebbe diventare un rischio pubblico se il suo utilizzo supera quello della valuta locale, il che richiederà alle banche di intervenire per proteggere la stabilità finanziaria.

Il secondo documento esamina la stabilità finanziaria e i rischi per la sicurezza della diffusione degli asset digitali in un'economia digitale in crescita. Sebbene gli asset digitali regolamentati possono migliorare i sistemi di pagamento e consentire una maggiore stabilità, l'UNCTAD incoraggia le autorità a mantenere l'emissione di contanti a causa del divario nelle capacità digitali in vari Paesi.

La nota finale descrive in dettaglio come le criptovalute potrebbero "minare le risorse interne nei paesi in via di sviluppo". Le criptovalute possono consentire la frode e l'evasione fiscale attraverso rimesse illegali, che potrebbero avere un impatto sui controlli dei capitali che preservano la stabilità per le economie in via di sviluppo.

Per limitare l'espansione delle criptovalute, l'UNCTAD ha elencato nuove azioni politiche che includono la limitazione della detenzione o dell'offerta di criptovalute agli istituti finanziari, l'introduzione di normative per gli asset digitali, gli scambi di criptovalute, i portafogli digitali e il divieto della pubblicità di criptovalute e asset digitali altamente speculativi e che comportano un alto rischio di perdita del capitale per i consumatori .

L'UNCTAD esorta le autorità a offrire sistemi di pagamento pubblici convenienti ed efficienti adatti all'era digitale, attuare il coordinamento fiscale globale in materia di criptovalute e ristrutturare i controlli sui capitali per monitorare tutti gli aspetti delle valute digitali.

Queste proposte di stretta e controllo delle criptovalute segue l'indagine parlamentare che è stata avviata nel Regno Unito sull'introduzione di ulteriori normative sul settore delle criptovalute.