Monzo, 3 mesi di ferie pagate per i dipendenti

Monzo, neobank inglese offre 3 mesi di ferie pagate a tutti i suoi dipendenti che lavorano per la società fintech da almeno 4 anni.
monzo ferie

Tre mesi “sabbatici” è quanto ha promesso ai suoi dipendenti Monzo, la fintech dei servizi bancari inglese.

I dipendenti che lavorano con la società da almeno quattro anni, potranno chiedere il lungo periodo di ferie per dedicarsi alla famiglia, per fare un lungo viaggio o dedicarsi ad altro.

La decisione arriva dopo anni intensi di lavoro, in particolare il 2020 e 2021, che hanno visto esplodere i servizi bancari e finanziari basati su offerte digitali e mobile banking in particolare.

La notizia è stata rilanciata dal Financial Times e confermata da Monzo con un tweet.

La nuova politica di gestione del tempo del personale dipendente di Monzo è stata presa per migliorare la qualità della vita e del lavoro, dopo che l’ex CEO e fondatore Tom Blomfield aveva lasciato la sua azienda a causa dello stress accumulato.

La sua azienda è cresciuta molto durante la pandemia, ma con essa è cresciuta la pressione lavorativa su tutto il personale e questo stava causando problemi di salute mentale.

Ora i dipendenti potranno chiedere fino a un mese di ferie all’anno, oppure chiedere tre mesi consecutivi di assenza dal lavoro ogni quattro anni di lavoro.

Per il direttore del benessere e delle attività del personale di Monzo, Tara Ryan, il nuovo approccio del welfare aziendale apporterà un cambiamento “trasformativo” sul lungo termine.

Monzo app beta negli Stati Uniti

Intanto, sotto il profilo della crescita del business, Monzo ha annunciato il lancio della versione beta della loro applicazione mobile dedicata agli utenti degli Stati Uniti.

Gli statunitensi possono ora installare la app di Monzo scaricandola dagli store del proprio dispositivo mobile ed attivare il conto in 10 minuti.

Monzo US ha attivato la funzione di gestione del denaro e rilascia ai clienti statunitensi una carta di debito contactless per tutti i tipi di pagamento.

Che cos’è Monzo

Il servizio di banking in app fornito da Monzo si presenta come privo di commissioni (fee-free), flessibile e disponibile sullo smartphone.

Un servizio bancario digitale per gestire tutta la vita finanziaria del cliente, dalla gestione delle spese, alla possibilità di conservare fondi come in un salvadanaio digitale.

Lo strumento salvadanaio è molto interessante, poiché consente al cliente di creare diversi “cassetti” virtuali nei quali conservare fondi per obiettivi differenti:

  • l’acquisto di casa;
  • della moto o dell’auto;
  • una vacanza.

La Monzo banking app incorpora anche uno strumento di controllo delle entrate e delle uscite economiche, per consentire all’utente di conoscere in tempo reale la situazione del bilancio economico del conto.

Lo strumento di budgeting, infatti, fornisce un resoconto giornaliero delle spese e suddivide in varie categorie le spese effettuate: spesa alimentare, ricariche telefoniche, carburante, ecc.

Completa l’offerta una carta di debito Monzo, attivabile/disattivabile all’occorrenza, con cui effettuare acquisti in ogni contesto. Una carta di debito contactless, che al termine di ogni transazione invia una notifica push sul telefono per notificare la transazione appena effettuata con l’importo speso.

Ed al termine di ogni operazione d’acquisto è possibile mettere da parte i centesimi attivando la funzione “arrotondamenti”. In questo modo il salvadanaio si riempie un po’ alla volta quasi senza accorgersene.

Non passa inosservato, infine, il fatto che i depositi effettuati sul conto Monzo sono assicurati fino a 250 mila dollari di valore grazie all’intermediazione di Sutton Bank membro del Fdic (Federal Deposit Insurance Corporation).

Monzo app in Italia

Monzo ancora non ha ufficialmente aperto in Italia, tuttavia la app è già disponibile su App Store e Google Play store. Tuttavia, se sei già un possessore di un conto corrente Monzo sottoscritto nel Regno Unito, puoi utilizzarlo anche in Italia per effettuare qualsiasi tipo di pagamento.

Fabio Carbone avatar
Fabio Carbone

Scrittore web tecnico ma versatile dal 2013, ha studiato informatica e filosofia ed anche un pizzico di sociologia. Dal 2016 si occupa di temi legati all'Industria 4.0 e al mondo del digitale. Scrive di finanza, criptovalute e blockchain per quotidiani online, siti di settore e aziende.