Moneyfarm acquisisce la tecnologia chatbot di Ernest

Moneyfarm Screenshot

In questo post parliamo di:

  • Robo-advisor e chatbot si integrano per migliorare il servizio di consulenza
  • Il fintech italiano cresce, all'estero
  • Fase di consolidamento all'interno del settore fintech

Il "robo-advisor" dal volto umano Moneyfarm con sede nel Regno Unito ma cuore e gran parte del team italiano ha acquisito la tecnologia dietro il chatbot di finanza personale Ernest. I termini dell'accordo non sono stati divulgati, come spesso accade in questi casi.

Ernest è stata fondata nel 2015 da Niall Bellabarba, Cristoforo Mione e Lorenzo Sicilia. Rispetto ai concorrenti Cleo, Chip e Plum sul mercato Ernest non era riuscita di recente a completare con successo una campagna di finanziamento su Crowdcube all'inizio di quest'anno. A convincere Moneyfarm però la tecnologia messa in campo da Ernest che stava sviluppando un gestore di finanza personale alimentato da intelligenza artificiale e progettato per funzionare con Facebook messenger. Collegando il servizio di Ernest con i propri conti bancari, il chatbot attraverso l'elaborazione del linguaggio naturale è in grado di rispondere a domande sul proprio benessere finanziario e sulle transazioni effettuate, oltre a fornire in modo proattivo suggerimenti per gestire al meglio i propri soldi. 

Intervistato da Techcrunch, Giovanni Daprà, co-fondatore e CEO di Moneyfarm, ha spiegato tre delle opzioni con le quali intendono integrare la tecnologia di Ernest nel loro robo advisor.

Un chatbot basato su intelligenza artificiale può essere utilizzato per integrare o acquisire nuovi clienti in modo più scalabile di quello attualmente in uso. Attualmente in Moneyfarm un team di professionisti assiste i clienti via chat o telefono. 

Con l'arrivo della nuova direttiva Europea sui pagamenti, la PSD2 che obbligherà le banche ad aprirsi e condividere i dati dei loro clienti con imprese terze autorizzate da parte dei clienti, Moneyfarm prevede di utilizzare la tecnologia di Ernest per utilizzare questi dati transazionali per offrire ai clienti un miglior livello di consulenza e aiutarli a pianificare il proprio futuro finanziario.

"L'intelligenza artificiale e un'interfaccia utente conversazionale ci aiuteranno a migliorare i nostri algoritmi e, in ultima analisi, offrire una soluzione migliore ai nostri clienti" afferma Giovanni Daprà. "Mentre lavoriamo per intregrare la tecnologia Ernest nella nostra offerta di prodotti, saremo in grado di assistere il ciclo di vita completo della ricchezza di un individuo, dal primo stipendio fino alla pensione".

Niall Bellabarba dichiara di essere contento e sereno nonostante il viaggio imprenditoriale non sia stato dei più semplici, è felice di vedere che la tecnologia che hanno sviluppato in Ernest trova una casa e che il duro lavoro della sua squadra può vivere e prosperare.

"L'acquisizione da parte di Moneyfarm della tecnologia Ernest offre una fantastica opportunità per portare la visione di Ernest ad un nuovo livello e creare un consulente di intelligenza artificiale completo a supporto dei consumatori" aggiunge in una dichiarazione. 

Per ulteriori approfondimenti sull'argomento potete visitare il testo originale dell'articolo su Techcrunch.