Migliorare l'esperienza creditizia: intervista a Olle Ahnve, FAIRTILE

In questa intervista parliamo di come FAIRTILE sta rimodellando il credito e fornendo soluzioni di intelligence e automazione lungo l'intero ciclo di vita del credito.
Fairtile.png

Abbiamo avuto il piacere di scambiare quattro chiacchiere con Olle Ahnve, cofondatore e CMO di FAIRTILE, una fintech che sviluppa tecnologie e soluzioni di intelligence e automazione a supporto del settore del credito .

Cos'è FAIRTILE e come funziona?

FAIRTILE è una startup tecnologica in rapida crescita che fornisce soluzioni di intelligence e automazione durante l'intero ciclo di vita del credito.

Il credito è il motore del mondo, ma l'attuale modello di gestione del credito soffre di inefficienze e per bypassarle è necessario un cambio di paradigma. Nel mondo, ci sono 1,7 miliardi di persone che sono finanziariamente escluse e svantaggiate, di cui 1 su 3 è un nativo digitale con nuovi comportamenti e bisogni.

Allo stesso tempo, il tradizionale modello di business del prestatore sta fallendo, con tassi di crescita dei ricavi inferiori al 60% rispetto ai livelli precedenti alla crisi economica del 2008, inefficienze nei processi che rappresentano il 25% delle spese operative e costi di conformità che continuano a crescere del 60% su base annua.

La soluzione è utilizzare i dati creati dai mutuatari nella loro vita quotidiana, la nostra tecnologia permette di analizzarli utilizzando l'intelligenza artificiale e le scienze umane. In questo modo, permettiamo ai mutuatari di ottenere una valutazione e una successiva approvazione del credito più equa, consentendo allo stesso tempo ai finanziatori di aumentare i ricavi, migliorare l'efficienza e rispettare la compliance.

Le nostre soluzioni, coprono l'intero ciclo di vita del credito, vengono fornite su un'architettura SaaS e possono essere configurate con un istituto di credito entro 24 ore. Ogni soluzione è adattata alle esigenze del cliente in termini di servizi di intelligence e automazione, quali dati di input devono essere collegati e anche come viene progettato l'output.

Ad oggi abbiamo sviluppato la nostra linea di business B2B, ma stiamo pianificando di lanciare un'offerta B2C, con tre progetti attualmente incubati con il supporto di un'università italiana.

Le nostre operazioni si sviluppano principalmente tra il Regno Unito e l'Italia, a breve avvieremo anche l'attività in Asia, FAIRTILE sta già servendo più di 6 clienti e prevediamo un fatturato di 13 milioni di sterline nel 2023, attualmente siamo focus sul nostro primo round di finanziamento.

In che modo FAIRTILE porta più fiducia e trasparenza nel processo di erogazione del credito?

FAIRTILE collega i mutuatari con i finanziatori su richiesta del mutuatario rispettando la GDPR. Ciò garantisce che i mutuatari siano valutati utilizzando i propri dati a proprio vantaggio, consentendogli di avere una piena comprensione di quali dati vengono utilizzati durante la valutazione.

Questo permette ai mutuatari di aggiungere un livello di trasparenza e fiducia tra istituti di credito e mutuatari. I finanziatori, in questo modo, hanno la possibilità di erogare credito anche a nuovi gruppi di mutuatari attraverso modalità che non avrebbero mai preso in considerazione in precedenza - come il credito al consumo, servizi innovativi, soluzioni migliorative e allo stesso tempo godere di una riduzione del numero delle frodi.

Quali sono alcune delle opportunità più importanti che vedi con la PSD2 ?

La PSD2 promuoverà una maggiore trasparenza, sicurezza, innovazione e concorrenza sul mercato nel settore dei servizi finanziari. Questa nuova direttiva consente ai clienti delle banche di utilizzare fornitori di servizi di Terze Parti Autorizzate (Third Party Providers, in inglese) per svolgere varie attività in base ai loro dati finanziari. Ciò obbliga le banche a fornire l'accesso ai dati dell'account del cliente e/o avviare pagamenti attraverso l'autorizzazione concessa a questi soggetti.

Di conseguenza, i consumatori beneficeranno dell'accesso a nuovi prodotti e sperimenteranno livelli di servizio migliori.

Mentre la PSD2 rappresenta una grave minaccia per gli attuali modelli di business, crea anche opportunità per i servizi finanziari di competere come innovatori e fornitori tecnologici, utilizzando potenti strumenti di analisi dei dati per estrarre preziose informazioni dai loro database.

Siamo convinti come società tecnologica che sviluppa soluzioni ad hoc in ambito finanziario, che la PSD2 e l'Open Banking avranno un impatto enorme anche sul settore del credito.

Ad oggi, i finanziatori dipendono dalle agenzie di rating per calcolare l'affidabilità creditizia dei nuovi clienti sulla base di dati storici come la cronologia dei pagamenti e il credito in essere. I modelli comportamentali e predittivi non si sono evoluti molto dagli anni '50, quando furono sviluppati i framework attuali. I metodi attuali utilizzano pochi fattori e spesso producono risultati imprecisi se viene a mancare anche un solo fattore.

Una questione fondamentale è che molti modelli e processi decisionali attuali sia nei mercati ad alto reddito che in quelli in via di sviluppo dipendono fortemente da pochi input di dati storici per quanto riguarda il consumatore. Per molte persone a livello globale, questi "dati tradizionali" sono semplicemente non disponibili o troppo deboli per prendere una decisione coerente, lasciando l'ultima decisione nelle mani del finanziatore che sarà influenzata dalla propensione al rischio.

Per arricchire questo approccio, i finanziatori possono integrare i dati tradizionali in modo da ottenere una visione olistica del cliente, ma si tratta di un processo manuale e inefficace in termini di costi. Un approccio più scalabile consiste nell'utilizzare i dati delle transazioni per analizzare le abitudini di spesa e avere un'idea della salute finanziaria complessiva e, in definitiva, ottenere una probabilità più precisa di inadempienza.

In un'epoca in cui tutti sono alla ricerca di modelli di business basati sui dati, i dati sulle transazioni rappresentano il gold standard dei dati comportamentali.

Abbiamo creato algoritmi che combinano dati transazionali, scienza umana e intelligenza artificiale. Non tiriamo le somme solo sulla base dell'interazione di alcuni dati storici del cliente. Diamo uno sguardo più approfondito alla persona dietro la richiesta di finanziamento, i suoi comportamenti, le sue interazioni e determiniamo un profilo lungo l'intero ciclo di vita del credito.

Quali sono i fattori che influenzano lo sviluppo di soluzioni di credito fintech?

L'ecosistema globale del fintech ha continuato a maturare a un ritmo accelerato nel corso del 2019. Con grandi sviluppi che vanno dall'ascesa dell'open banking, all'aumento della chiarezza normativa e alla maturazione dell'Intelligenza artificiale fino alla tecnologia blockchain, il 2020 promette di essere un altro grande anno per il fintech.

Anche se il credito fintech comprende tutte le attività creditizie agevolate dalle piattaforme elettroniche, in base alle quali i mutuatari sono abbinati direttamente ai finanziatori, quando si fa riferimento al credito fintech il collegamento concettuale più rilevante è il crowdfunding basato sul prestito, il peer-to-peer lending o il marketplace lending.

Non vi sono dubbi sul fatto che queste tre forme di credito siano quelle che dominano la scena finanziaria globale, ma il credito è qualcosa di più. Il fintech sta trasformando profondamente la finanza tradizionale e il settore bancario, l'open banking è un fattore chiave di questa trasformazione. FAIRTILE permette agli incumbents di sfruttare le loro iniziative di open banking e collaborare con gli attori fintech in modo da rimanere competitivi in un settore in rapida evoluzione.

La condivisione di dati tra istituti di credito e mutuatari è riconosciuta come uno degli ingredienti chiave di mercati finanziari in salute.

L'uso potenziale di dati non tradizionali nelle valutazioni del merito creditizio e, quindi, le decisioni di prestito e la condivisione di dati più completa e approfondita sono correlati con mercati del credito più inclusivi, efficienti e stabili.

La chiave per lo sviluppo di un mercato sostenibile sarà l'apertura da parte del mondo del credito, con questo intendiamo la capacità di istituti di credito e mutuatari di abbracciare il concetto di condivisione dei dati per offrire maggiori vantaggi a tutti.

FAIRTILE consente l'inclusione finanziaria sbloccando il potere dei dati e migliora la fiducia di mutuatari e istituti di credito.

In prospettiva, come vede l'evoluzione del credito evolversi nel settore bancario e del fintech?

Quando si tratta di credito, i clienti richiedono maggiore trasparenza, personalizzazione e convenienza, ma sembra che nessuno soddisfi ancora pienamente le loro esigenze. Mentre i servizi finanziari tradizionali si sono evoluti negli ultimi anni, mancano dell'agilità di reinventare la loro esperienza creditizia in modo da essere competitivi con i nuovi players sul mercato.

Il credito dovrà essere altamente personalizzato e allo stesso tempo altamente standardizzato per soddisfare le esigenze dei mutuatari e dei finanziatori.

Nell'era della digitalizzazione, una buona esperienza creditizia non è un qualcosa che "sarebbe bello avere prima o poi" - è semplicemente un'aspettativa dei clienti - non c'è spazio per lunghe attese, processi complessi o costi aggiuntivi.

Il fintech può essere caratterizzato come quel fenomeno che sta portando una innovazione dirompente all'interno dei servizi finanziari attraverso l'applicazione di nuove tecnologie che rispondono alle esigenze dei consumatori attraverso l'utilizzo di soluzioni di intelligenza artificiale e automazione.

La condivisione dei dati e l'utilizzo di dati alternativi consentirà ai mutuatari di informare maggiormente i finanziatori su se stessi, i loro bisogni e renderli in grado di reagire ai cambiamenti nello stile di vita, nella struttura familiare, nella situazione lavorativa, rispetto agli investimenti di lungo termine o ai progetti familiari, etc.

Il settore bancario e quello delle fintech dovranno fondersi insieme, al fine di essere in grado di interpretare rapidamente questi segnali e generare una serie di risposte creditizie adeguate a supportare il mutuatario nel corso del suo percorso di vita. Come faceva il bravo vecchio direttore di banca locale ai tempi dei nostri genitori, dove il direttore sapeva se il signor Rossi e la sua compagna stavano per avere un bambino. Nel mondo di oggi e di domani non abbiamo il tempo di conoscere il nostro direttore di banca, ma abbiamo i mezzi per conoscere la nostra banca e i nostri finanziatori dovranno conoscerci ... in modo diverso da prima.

La differenza è che, la capacità di interpretare e conoscere i dati dovrà essere fatta su grande scala al fine di soddisfare la necessità di una risposta più rapida, una comunità più ampia e il volume di affari dovrà essere in grado di generare un valore aggiunto per la banca e il finanziatore.

I big data e l'intelligenza artificiale stanno guidando quasi ogni aspetto del processo decisionale relativo al business. I manager e gli stakeholders hanno la possibilità di accedere ai dati da fonti diverse. Questo deve consentirgli di analizzare e prendere decisioni in modo più preciso.

Ogni azienda ha obiettivi di breve, medio e lungo periodo. Cosa possiamo aspettarci di vedere in futuro?

Siamo solo all'inizio del nostro viaggio. Abbiamo una chiara strategia focalizzata sui nostri sviluppi B2B come obiettivo chiave a medio termine. Completare la serie di servizi che stiamo offrendo per coprire tutte le esigenze dei finanziatori richiederà uno sforzo e investimenti importanti.

Come anticipato, stiamo lavorando per avviare le nostre operazioni in Asia. Di recente abbiamo partecipato al 3 ° Global Innovation Jam della Shanghai Pudong Development Bank, dove siamo finiti nelle prime 10 startup innovative fintech tra oltre 150 partecipanti provenienti da tutto il modno. Un onore ancora più grande è stato il fatto che fossimo l'unica azienda europea.

FAIRTILE sta inoltre sviluppando una nuova linea di business B2C, con tre progetti che stiamo incubando, che creeranno un ecosistema B2B e B2C per fornire un approccio end-to-end al credito sia per i mutuatari che per i finanziatori:

Expecto: sarà il primo social network per il credito, aiuterà i mutuatari a costruire in modo proattivo il loro merito creditizio per accedere o ottenere tariffe migliori e credito dai finanziatori. La nostra piattaforma sarà inclusiva, dirompente e incentrata sull'uomo.

Dipseity: semplificherà la connessione dei dati delle app e dei servizi che vengono già usati dagli utenti permettendogli di accedere a un sistema transazionale che permetterà di ottenere miglori condizioni, sconti e molto altro.

Debbie: le persone restano indietro con le bollette a volte, ma non pensiamo che ciò dovrebbe influenzare il modo in cui vengono trattate. Debbie sarà il nostro assistente virtuale per fornire ai mutuatari il miglior servizio di consulenza sul debito per ridurre il debito attraverso programmi di gestione del debito.

Grazie per il tuo tempo, Olle, è stato un vero piacere.