Le tre criptovalute che devi conoscere nel 2021

Come identificare le criptovalute e i progetti più interessanti. Punti di forza e di debolezza di Polkadot, Polygon e Filecoin.
Labchain srl  avatar
Labchain srl
Smart solutions per smart business. Crediamo nel potenziale delle applicazioni tramite blockchain
Le tre criptovalute che devi conoscere nel 2021

Negli ultimi anni sono state molte le altcoin a vedere la luce, ma solo per alcune può essere identificato un senso di esistere dal punto di vista tecnologico e di applicabilità reale. Per capire meglio quali, cercheremo di analizzare alcuni aspetti che devono essere tenuti d’occhio quando si fa un’analisi del genere. Abbiamo pensato di individuare 3 criptovalute che quest’anno stanno facendo la differenza e che continueranno a farla - probabilmente - da qui ai prossimi anni: Polkadot, Polygon e Filecoin. Quella che segue è una disamina degli aspetti funzionali e tecnologici di queste criptovalute, escludendo qualunque considerazione di investimento oppure speculativa.

Polkadot, il token killer di ethereum?

Attualmente le blockchain operano separatamente, in ambienti chiusi tra loro. Polkadot, partendo da questo assunto, promette di creare una Internet di blockchain interoperabili per un web decentralizzato. È solo marketing o c’è davvero qualcosa di concreto che bolle in pentola?

Polkadot è una rete progettata per essere interoperabile. Viene comunemente definita rete “multi-catena”, perché può unire chain insieme, a differenza di blockchain come Bitcoin, che opera autonomamente.

Lo scopo finale di Polkadot è quello di fungere da framework per tutte le blockchain, un po' come l'HTML consente a siti, browser e server di interagire tra loro. L'idea è quella di occuparsi dei disordinati e costosi processi di mining di criptovalute (inclusa la convalida delle transazioni e dei protocolli di sicurezza) consentendo agli sviluppatori di concentrarsi sulla creazione di funzionalità come dapp (applicazioni decentralizzate) e smart contract.

Perché può essere importante?

Gli sviluppatori che creano applicazioni decentralizzate (dapp) basate su più blockchain devono attualmente progettarle partendo da zero. Ciò significa che tempo, talento e risorse devono essere dirottati nella costruzione di chain concorrenti, piuttosto che creare uno standard su cui tutti si basano.

L'obiettivo di Polkadot è, dunque, permettere agli sviluppatori di creare valore su tutte le blockchain, piuttosto che su una sola.

Come funziona Polkadot?

Le blockchain possono connettersi con Polkadot e lavorare in parallelo per accedere alla convalida delle transazioni e alla sicurezza del protocollo di consenso Proof of Stake che norma il progetto.

Nella cosiddetta "chain di inoltro" della rete, gli indirizzi delle transazioni vengono controllati e i dati vengono standardizzati in modo che ogni sistema possa comprenderli. È qui che tutte le chain riuniscono la sicurezza.

Quali problemi risolve?

I due problemi principali che i sistemi basati su blockchain devono risolvere sono la scalabilità (il numero di transazioni al secondo che la rete può gestire) e la governance, come la comunità gestisce gli aggiornamenti e le modifiche al protocollo.

Polkadot mira a risolvere entrambi questi problemi, per diventare lo standard su cui si baseranno tutte le blockchain.

La convinzione è che, creando un campo di gioco uniforme, al contrario di quello frammentato che esiste attualmente, le aziende saranno libere di innovare sapendo che le basi sono solide.

Polygon (Matic), il layer 2 per eccellenza?

Negli ultimi mesi ci sono state molte lamentele da parte degli utenti ethereum sulla questione delle gas fee. Infatti capita spesso che l’importo delle fee sia più alto della cifra totale da transare, limitando di gran lunga l’utilizzo dei protocolli DeFi (Finanza Decentralizzata) così come l’acquisto e l’espansione del mondo dei non fungible token.

Proprio per questa ragione sono state sviluppate delle soluzioni alternative, i c.d. layer 2.

Nel mese di febbraio 2021 la soluzione Matic, rebrandizzata poi come polygon, è diventata uno dei progetti più interessanti.

Quali sono gli obiettivi?

Esploreremo ciò che Polygon si è prefissata di raggiungere e in che modo differisce dai progetti di interoperabilità blockchain come Polkadot di cui abbiamo parlato prima. Precedentemente nota come Matic Network, Polygon è un framework per la creazione di reti blockchain interconnesse che intende affrontare alcuni dei principali limiti di Ethereum tra cui il suo throughput, ovvero la scarsa esperienza utente (transazioni ad alta velocità e ritardate) e la mancanza di governance della comunità, utilizzando una nuova soluzione di sidechain.

L’interoperabilità di Polygon

Piuttosto che essere una semplice soluzione di ridimensionamento come il suo predecessore Matic Network, che utilizza una tecnologia nota come Plasma per elaborare le transazioni off-chain prima di finalizzarle sulla catena principale di Ethereum, Polygon è progettata per il lancio di blockchain interoperabili. Attraverso Polygon, gli sviluppatori possono lanciare reti blockchain preimpostate con attributi su misura per le loro esigenze. Questi possono essere ulteriormente personalizzati con una gamma crescente di moduli, che consentono agli sviluppatori di creare blockchain con funzionalità più specifiche.

Com’è costruita Polygon?

L'architettura di Polygon può essere definita al meglio come un sistema a più livelli distinti: livello Ethereum, livello di sicurezza, livello delle reti Polygon e il livello di esecuzione.

  • Il livello Ethereum è essenzialmente un insieme di smart contract implementati su chain Ethereum. Questi smart contract gestiscono diverse impostazioni importanti come la finalità delle transazioni, lo staking e la comunicazione tra Ethereum e le varie blockchain Polygon.
  • Il livello di sicurezza viene eseguito invece fianco a fianco ad Ethereum e fornisce un ruolo di "validatori come servizio" che consente alle blockchain di beneficiare di un ulteriore livello di sicurezza.

Inoltre esistono altri due livelli:

  • Il primo è il livello delle reti Polygon, che consiste nell'ecosistema delle reti blockchain costruite su Polygon. Ognuno di queste ha la propria comunità ed è responsabile della gestione del consenso locale e della produzione di blocchi.
  • Il secondo è il livello di esecuzione, che è l'implementazione di Ethereum Virtual Machine (EVM) di Polygon utilizzata per l'esecuzione degli smart contract. Le chain lanciate su Polygon sono in grado di comunicare sia tra loro che con la mainnet di Ethereum grazie alla tecnologia di Polygon. Ciò consentirà una varietà di nuovi casi d'uso, come applicazioni decentralizzate interoperabili (dapps) e il semplice scambio di valore tra piattaforme diverse.

La vision a lungo termine

Il suo obiettivo a lungo termine è consentire il fiorire un mondo aperto e senza confini in cui gli utenti possano interagire senza problemi con prodotti e servizi decentralizzati senza dover prima navigare attraverso intermediari o giardini recintati. Polygon mira a creare un hub a cui possano essere facilmente collegate diverse blockchain, superando allo stesso tempo alcuni dei loro limiti individuali, come tariffe elevate, scarsa scalabilità e sicurezza limitata.

Cos'ha di così speciale?

Il progetto Polygon è uno dei tentativi più recenti di interoperabilità e scalabilità blockchain ed è progettato per affrontare alcune delle limitazioni percepite dei progetti di interoperabilità come Polkadot e Cosmos. È compatibile con Ethereum Virtual Machine, il che lo rende accessibile a chi è abituato a creare app su Ethereum e a programmare in Solidity.

Filecoin, la soluzione storage definitiva?

Ora affrontiamo la terza tecnologia interessante del 2021, ovvero Filecoin. In breve, Filecoin è un fornitore di storage decentralizzato. Invece di affidare i propri documenti ad un'unica azienda, questi possono essere suddivisi e salvati in tutto il mondo su computer diversi in modo sicuro e protetto.

Filecoin è un protocollo decentralizzato che consente a chiunque di affittare spazio di archiviazione sul proprio computer, consentendo a chiunque nel mondo di unirsi alla rete, creando un'enorme fonte di archiviazione dei dati. Infatti, man mano che i sistemi diventano sempre più informatizzati, sarà necessario per soddisfare l'aumento della domanda.

Ci sono degli svantaggi per Filecoin?

Alcuni potenziali problemi di Filecoin sono:

  • La velocità: invece di accedere ad un server, è necessario accedere a più server per mettere insieme i documenti quando richiesto. Questo dipende dai server online e dalla velocità di Internet;
  • Le Dapp: Elaborando le transazioni con la criptovaluta Filecoin, crea una barriera all'ingresso, poiché qualcuno deve acquistare un'altra moneta e scambiarla per utilizzare il servizio.

Filecoin è sicuro?

Salvare i tuoi documenti sul computer di qualcun altro è rischioso. Tuttavia, Filecoin suddivide i dati in modo che nessuno possa riorganizzarli in modo corretto se non il protocollo stesso quando richiesto dal proprietario dei dati.

Ciò significa che l'host non può semplicemente hackerare il documento sul proprio computer e ottenere l'accesso ai file dell'utente. Se provassero ad hackerarlo, troverebbero solo un flusso di dati privi di significato.

Conclusioni

Ogni giorno nascono nuovi progetti blockchain che emettono un proprio token o la propria criptovaluta. Nella maggior parte dei casi sono iniziative che potrebbero benissimo sopravvivere senza un token, divenendo spesso motivo di frizione all’interno dell’ecosistema, ma che basano le proprie revenue sull’aspetto speculativo di questo strumento.

I progetti che nascono per risolvere delle problematiche reali per i quali l’uso del token abbia senso sono pochi.

In questo articolo abbiamo deciso di presentare una selezione di questi progetti tecnologicamente meritevoli che hanno in comune proprio l’aver anticipato delle necessità reali che apparivano all’orizzonte degli sviluppatori e degli operatori del settore.

Il discorso potrebbe includere molti altri progetti altrettanto meritevoli, da Fetch che unisce blockchain e intelligenza artificiale, ad Internet Computer e Cosmos che creano nuovi ecosistemi aperti. L’elenco è solo parziale, molte altre criptovalute meriterebbero di essere citate. Avremo modo di parlarne in qualche prossimo articolo qui sul blog di Fintastico.

Labchain srl  avatar
Labchain srl

Smart solutions per smart business. Crediamo nel potenziale delle applicazioni tramite blockchain