La gestione delle spese? Collaborativa!

Delegare meglio per ottenere di più: come la gestione collaborativa delle spese aiuta l’azienda a crescere e innovarsi.

Qonto Gestione collaborativa

Alcuni dei servizi finanziari presenti su Fintastico ci sono stati segnalati dai nostri partner che ci compensano.

La gestione delle spese aziendali coinvolge tutti gli attori di un’azienda - manager, dipendenti e team finanziari - impattando sulle loro attività quotidiane in termini di tempi e di costi.

E se la gestione collaborativa delle spese fosse la soluzione migliore per semplificare e ottimizzare questi processi, aiutando l’azienda a risparmiare, crescere e innovarsi?

Perché il modello collaborativo è più efficiente

Per Norbert Alter, sociologo francese, “l’azienda funziona, produce e innova perché i dipendenti si impegnano a dedicarsi ai suoi progetti”. Quello della cooperazione, dunque, è un fattore strategico all’interno di un’azienda e può diventare il presupposto di migliori performance dal punto di vista della produttività e, a lungo termine, anche in termini di redditività e crescita aziendale.

Il meccanismo di fondo è semplice: attraverso un modello collaborativo, si rendono i membri del team più autonomi e indipendenti, e questo li fa sentire maggiormente coinvolti e motivati verso il raggiungimento degli obiettivi condivisi.

È uno scambio che richiede un impegno sia da parte dei manager sia dei collaboratori, perché implica uno spostamento delle linee guida aziendali e la ridefinizione del coinvolgimento e della responsabilità di ogni individuo.

Alla base di questo cambiamento, infatti, c’è il passaggio da un modello tipicamente verticale a un approccio più orizzontale all’organizzazione del lavoro, attraverso un’applicazione della leadership che diventa anch’essa collaborativa.

Leadership collaborativa: fiducia, responsabilizzazione e innovazione

Secondo il professore della Duke University Edward Marshall, esperto in cultura della leadership e consulente Fortune 500, i presupposti della leadership collaborativa sono la fiducia, la responsabilizzazione e la sicurezza psicologica. Questi, secondo il professore, sono i fattori fondamentali attraverso cui far crescere il senso di appartenenza dei team all’azienda, incoraggiandoli a dare il meglio di sé, ad esprimere il proprio talento e a performare meglio - sia a livello di singoli individui, sia nel raggiungimento degli obiettivi comuni.

D’altra parte, continuando a citare Marshall, “People take care of what they own. They don’t wash rented cars”: più un collaboratore si sentirà responsabilizzato e maggiore sarà lo spazio che gli verrà riconosciuto in termini di autonomia all’interno del team e dell’azienda di cui fa parte, maggiore sarà la sua soddisfazione e, di conseguenza, il suo commitment.

Ciò implica migliori performance a livello aziendale e permette all’organizzazione di crescere e di innovarsi proprio attraverso la collaborazione.

Sinergia vs Silos: la collaborazione sostituisce il modello verticale

La gestione collaborativa dei processi aziendali diventa quindi oggi l’alternativa all’organizzazione in silos, ossia a quelle strutture organizzative basate sulla rigida divisione delle competenze e delle responsabilità per funzione, divisione o team di progetto.

Un modello tradizionale ormai superato, o che dovrebbe esserlo, perché incapace di ottimizzare e snellire i processi di comunicazione e condivisione dei dati e delle informazioni all’interno dell’azienda, diventando ostacolo all’innovazione e alla crescita del business.

Al posto dei silos, invece, la sinergia e la flessibilità tipiche di un ecosistema lavorativo collaborativo, dove ogni dipendente guadagna in termini di autonomia e di partecipazione, con una conseguente ottimizzazione dei processi aziendali in ottica di tempi, costi e organizzazione del lavoro.

La pandemia come acceleratore del cambiamento

L’adozione di un paradigma di lavoro collaborativo ha subito una recente accelerazione a causa della pandemia che - in un contesto di distanza fisica forzata e di necessaria e inaspettata necessità di riorganizzare in chiave smart i processi lavorativi - ha messo ancora più in evidenza il valore della collaborazione per garantire la business continuity.

L’emergenza sanitaria, infatti, ha evidenziato la necessità per le imprese di apportare modifiche tecnologiche e di processo per favorire l'agilità e l'adattabilità della forza lavoro. Ciò ha incluso non solo investimenti in nuovi spazi (virtuali) di lavoro collaborativo, ma anche l’introduzione di strumenti di gestione per ottimizzare l’esperienza e la produttività dei dipendenti, con un occhio di riguardo verso la digitalizzazione e la tecnologia.

La gestione collaborativa delle spese

Il modello collaborativo può essere applicato a tutte le aree del business aziendale, a cominciare dalla gestione finanziaria.

Il presupposto, in questi casi, è la condivisione con il proprio team di un obiettivo comune: risolvere le problematiche quotidiane legate alla gestione delle spese aziendali.

Si tratta infatti di ostacoli che coinvolgono tutti gli attori di un'azienda - manager, dipendenti e team finanziari - e che implicano la perdita di tempo e di denaro, oltre alla frustrazione generata dal dedicarsi ad operazioni ripetitive e a scarso valore strategico come la compilazione o la raccolta delle note spese.

La gestione collaborativa delle spese offre in questo caso molteplici vantaggi a tutti i livelli dell'azienda.

Quali?

  • Innanzitutto, consente ai dipendenti di risparmiare tempo e di dedicarlo ad attività ad alto valore aggiunto per l'impresa;
  • I manager beneficiano di un aumento della produttività e di prestazioni migliori da parte del team, che a lungo termine promuovono la crescita globale dell'attività;
  • Il CFO (o il Dipartimento Finanziario) può finalmente abbandonare la gestione delle note spese per dedicarsi a operazioni più strategiche;
  • I dipendenti non devono più anticipare spese per conto dell'azienda né attendere per ottenere un rimborso.

Un esempio concreto: gestione piramidale vs gestione collaborativa delle spese

Un esempio può essere utile per comprendere l’impatto su tutti i livelli dell’azienda di un determinato modello di gestione delle spese.

Immaginiamo A e B, due aziende che hanno molto in comune. Operano nello stesso settore e i loro dipendenti effettuano in media lo stesso numero di spese aziendali mensili. Tuttavia, la società A dedica molto più tempo alla gestione dei pagamenti. Perché?

A. Gestione piramidale delle spese aziendali

I dipendenti dell'azienda A anticipano le spese con la propria carta personale.

Risultato:

I dipendenti devono conservare tutti i giustificativi cartacei e, in caso di smarrimento, non è garantito il rimborso delle somme anticipate.

I manager hanno poco controllo sulle spese sostenute dal proprio team e possono verificarle solo dopo la compilazione di ogni singola nota spese.

Il CFO deve gestire un ampio flusso di note spese e, se necessario, sollecitare i dipendenti. Inoltre deve inserire le informazioni richieste (IVA, data della spesa, importo della spesa, ecc.) manualmente, con il rischio di commettere errori.

B. Gestione collaborativa delle spese aziendali

L'azienda B ha scelto una gestione delle spese aziendali di tipo collaborativo. Per fare ciò, ipotizziamo che ai dipendenti sia stata consegnata una carta configurabile e che sia stato scelto di digitalizzare l’intero processo.

Risultato:

I dipendenti non devono più anticipare spese e, di conseguenza, non devono più compilare una nota spese per essere rimborsati. Tutto quello che devono fare è fotografare i giustificativi di spesa e conservarli in uno spazio sicuro.

I manager hanno una maggiore visibilità sulle spese effettuate dei team: possono impostare le carte fissando importi massimi di pagamento e monitorare le spese in tempo reale.

Il CFO non perde più tempo a monitorare le note spese. Ha accesso a ricevute e fatture in formato digitale tramite un clic, con una piattaforma sicura.

Il commercialista ha un accesso facilitato a tutte le informazioni utili per svolgere il proprio lavoro.

L'intero team guadagna in produttività e, soprattutto, ogni collaboratore può dedicarsi a compiti più gratificanti.

Conclusioni

Una gestione collaborativa delle spese aziendali, quindi, assicura un duplice risultato: un notevole risparmio di tempo e un guadagno in termini di efficacia dei processi. Senza contare la motivazione e il commitment maggiore da parte dei dipendenti, grazie all’autonomia su cui si trovano a poter contare e alla possibilità di investire il proprio tempo in attività meno ripetitive e più strategiche.

Tutto questo, ovviamente, a patto che per implementare la collaborazione si usino gli strumenti giusti, in grado di snellire i processi e, al contempo, di garantire la regolarità e la sicurezza. In questo modo si può delegare senza perdere il controllo e tutto il team può procedere allo stesso ritmo e nella stessa direzione, quella aziendale.

Qonto  avatar
Qonto

Qonto è una soluzione finanziaria dedicata a PMI, startup e professionisti.