La corsa inarrestabile del bitcoin

jogging

Una crescita di oltre il 1000% da inizio anno, performance che meraviglia (alcuni) e spaventa (molti): questa la storia 2017 del bitcoin. Nel gennaio di quest'anno (come riporta cointelegraph.com), i proprietari di bitcoin sarebbero stati contenti di raggiungere i 1.000 dollari, ma la valuta digitale ha oltrepassato di molto quel valore, superando il 29 novembre i 10.000 dollari, raggiungendo quota 12.400 dollari il 5 dicembre nella notte ha sfondato la barriera dei 14.000 dollari e oggi ha raggiunto i 14.229 dollari. 

Quest'anno si è insomma riempito di buone notizie per il bitcoin: dopo essere stato deriso per anni, sta davvero diventando una forza da non sottovalutare nell'economia globale. Cointelegraph ha avuto l'opportunità di parlare con diversi esperti per capire come ha fatto il bitcoin a superare i 14.000 dollari. Hedge fund, fondi pensione e simili hanno mostrato un interesse straordinario per i bitcoin quest'anno. Tali "istituzioni" controllano enormi quantità di denaro: ad esempio, l'hedge fund britannico Man Group, che ha espresso interesse per il trading di bitcoin, controlla asset per un valore superiore ai 100 miliardi di dollari.

Il CEO di StormX, Simon Yu, ha dichiarato:"Il prezzo del bitcoin è al massimo storico grazie al denaro istituzionale che finalmente ha iniziato a fluire nel mercato delle criptovalute. Recentemente, gli annunci della banca sudcoreana Hyosung a sostegno del bitcoin, del gruppo CME che lancerà un mercato dei futures bitcoin, e dell'appoggio di Square Cashalla criptovaluta, indicano un importante cambiamento. Il grande pubblico sta iniziando a capire che i bitcoin stanno iniziando a essere adottati nei mercati "mainstream" e che continueranno a mostrare una tendenza al rialzo visto il potenziale per più aziende di adottare criptovaluta.

Christopher Gray, COO di Caplinked, è molto meno rialzista in materia:"Gli investitori che non conoscono davvero il settore delle criptovalute stanno già accumulando nuovi soldi da investire in bitcoin, rendendo la situazione altamente instabile perché si aspettano che il prezzo del bitcoin continui a salire. Qualsiasi calo della valuta potrebbe quindi essere interpretato come un andamento esageratamente negativo. In alternativa, il prezzo dei bitcoin potrebbe continuare a salire in modo parabolico, drenando enormi somme da altri investimenti liquidi rischiosi. Ad ogni modo, questa situazione non è stabile e non può continuare per un lungo periodo di tempo: la liquidità nei mercati a rischio non è infinita e in questi settori nulla viene creato, ma solo spostato, dagli speculatori. Questo non era un problema quando il valore della criptovaluta nel suo complesso era piccolo, ma a questi livelli diventa un potenziale responsabile di rischio globale".

Nel 2014, quando i bitcoin hanno avuto le prime esperienze da protagonisti, già ci si chiedeva se fosse troppo tardi per investire in bitcoin. Queste domande persistono oggi e ricorrono ogni volta che il prezzo della criptovaluta aumenta di altri 1.000 dollari. Tuttavia, poiché solo una percentuale stimata della metà della popolazione mondiale utilizza la valuta digitale, c'è ancora molto tempo per essere un "early adopter". A questo proposito, Jon Chou, CEO di Bee Token, afferma:"Le persone spesso si lamentano del fatto che sia troppo tardi per investire in bitcoin, visto che la maggior parte dei primi utenti è entrata nel 2010 e che non c'è quindi più spazio per il rialzo. Offrirò una visione a lungo termine; questo non è un consiglio finanziario. Secondo Blockchain.info, ci sono circa 700.000 indirizzi bitcoin a partire da novembre 2017. Uno dei principali problemi che bitcoin sostiene di risolvere è la questione delle rimesse, fondamentalmente attraverso l'accesso distribuito a livello globale. Bene, ci sono sette miliardi di persone in questo mondo. Supponendo un tasso di penetrazione del 10% e il fatto che tutti possiedano un solo indirizzo, ci sono ancora 700 milioni di indirizzi potenzialmente utilizzabili in futuro. A prescindere dalle fluttuazioni dei prezzi a breve termine, è importante rendersi conto di quanto siamo in anticipo nello spazio blockchain nel suo insieme".

Sol Lederer, Blockchain Director di Loomia fa eco al punto di Chou, affermando che il bitcoin è ancora agli inizi e che i bitcoiner del 2010 e degli anni precedenti stanno iniziando ora ad ottenere delle belle soddisfazioni. "Gli investitori di bitcoin di lunga data si sentono finalmente rassicurati ora che la loro moneta, ridicolizzata per anni, viene finalmente presa sul serio. I pessimisti possono ancora dire che bitcoin è una bolla, ma pochissimi sostengono che sia inutile o una truffa: eppure solo un anno fa questa era un'opinione largamente condivisa. Il futuro di bitcoin è ancora incerto perché affronta le stesse serie sfide tecniche che ha da anni, oltre alla dura concorrenza di blockchain più nuove e sofisticate. Ma anche se dovesse andare in crash, è evidente che bitcoin è qui per rimanere".

Maria Comotti avatar
Maria Comotti

Giornalista e mamma, trasformo le mie passioni in scrittura e utilizzo la curiosità come lente di ingrandimento del reale. Cresciuta professionalmente nel quotidiano .Com dove mi occupavo di raccontare il mondo della pubblicità, del marketing e degli eventi, ho poi collaborato con Il Sole 24 Ore, Il Mondo e altre testate economiche. Ora scrivo anche di design, architettura, running e fintech.