L'impatto del coronavirus sul settore assicurativo e l'insurtech

Quale sarà l'impatto del coronavirus sull'insurtech. Lo abbiamo chiesto a Claider, Lokky, viteSicure, YOLO, Tiassisto24, Insoore, Axieme e simplesurance.
impatto coronavirus insurtech

Come Fintastico abbiamo la possibilità di entrare in contatto con molte realtà fintech, questo ci permette di anticipare alcuni trend di mercato e avere una panoramica sull'intero ecosistema. Per questo motivo, abbiamo chiesto ad alcune delle principali insurtech di condividere con noi la loro opinione sugli impatti del coronavirus nel loro settore.

claider

Claider è un'app che permette all'assicurato di denunciare più di 140 scenari di sinistro con un dito e da una piattaforma web, un servizio SaaS Insurtech, che digitalizza e ottimizza il lavoro di tutti gli operatori professionali. Lo scorso anno, durante l'Italy Insurance Forum ha vinto il premio Best Insurtech dell'anno: un riconoscimento per l'innovazione, l'originalità e la scalabilità nel mercato.

"Da un mese siamo in allerta nazionale e in piena pandemia. Malgrado lo scenario apparentemente poco incoraggiante crediamo che per Claider e l'Insurtech in generale, sia un momento di opportunità. Mai come ora è evidente che i modelli di business fondati sul digitale sono fondamentali nella società odierna", ha dichiarato il team di Claider. "Il mondo assicurativo si sta rendendo conto dei vantaggi della digital transformation, si può essere vicini al cliente anche in remoto e organizzare un intero ufficio da qualsiasi sede. Da pochi giorni è nata anche l' Italian Insurtech Association, un'associazione che si pone l'obiettivo di accelerare la digitalizzazione in ambito assicurativo. Noi di Claider abbiamo deciso di partecipare all'impresa, diventandone soci costituenti. L'iniziativa di solidarietà digitale è un incentivo in più che vogliamo offrire, per accompagnare nel processo di digitalizzazione dei sinistri gli intermediari in un periodo non facile. Ma che può permettere di acquisire risorse utili per il futuro"

Lokky

Lokky è una startup innovativa nata a febbraio 2018 con l’intento di creare la prima piattaforma completamente digitale ed interamente dedicata a professionisti e piccole imprese. L’utilizzo della data analysis e dell’intelligenza artificiale permette di comprendere al meglio le esigenze assicurative del cliente ed offrire un prodotto personalizzato e dedicato a ciascun cliente.

Qui di seguito il commento di Paolo Tanfoglio, Founder & CEO di Lokky in merito all'impatto del Covid-19 sul mondo Insurtech: "La pandemia Covid-19 sta influenzando tutti i settori dell’economia portando un accelerazione di processi che erano già in atto. L’obbligo della permanenza presso il proprio domicilio ha inevitabilmente aumentato la sostituzione degli acquisti in modalità fisica con gli acquisti in digitale. Il mercato assicurativo non fa eccezione.

Nonostante i decreti che si sono susseguiti, è stata mantenuta l'operatività e apertura di banche e assicurazioni: inevitabilmente, il contatto cliente - agente/broker si è ridotto ai minimi termini, portando alla luce tutti i limiti dell’attuale struttura distributiva, ancora in gran parte basata su formulari cartacei e firme di persona. Tutto questo ha impresso una notevole accelerazione verso una digitalizzazione di prodotti e processi. Tuttavia è un percorso che richiede tempo e molte assicurazioni si sono trovate impreparate ad una gestione digitale dei propri contratti."

E aggiunge: "Il secondo effetto ricade più nella sfera dei clienti e nella loro percezione dei prodotti assicurativi e del tema della protezione. Esistono coperture assicurative specifiche che coprono le spese mediche oppure che forniscono una diaria in caso di ricovero o inabilità a lavorare o altre ancora che coprono i mancati incassi per i casi di business interruption. Le migliaia di piccoli artigiani o commercianti duramente colpiti da questo periodo avrebbero sicuramente beneficiato di queste coperture assicurative a supporto della loro attività’ e delle loro famiglie.

In un Paese che è storicamente sotto assicurato, caratterizzato da una scarsa percezione del prodotto assicurativo, questo periodo servirà suo malgrado ad avvicinare prodotti e clienti".

viteSicure-logo_2320.jpg

viteSicure è il marchio dedicato alle esigenze di protezione delle famiglie di Bridge Insurance Services, un broker di assicurazione soggetto al controllo dell'Autorità di Vigilanza Italiana IVASS (Banca di Italia) e iscritto al Registro Unico degli Intermediari Assicurativi. Sul suo sito si può leggere che è la prima assicurazione in Italia con cui è possibile garantire un'eredità sicura ai nostri cari.

"L’impatto del Coronavirus sul mondo delle insurtech e, in particolare, su viteSicure è l’accelerazione della crescita. Infatti, con l’emergenza i clienti sono ancor più sensibili verso i veri rischi della vita (morte e malattia) e sempre più alla ricerca di soluzioni di sicurezza finanziaria immediate, che solo la tecnologia può garantire", ha dichiarato Eleonora Del Vento, CEO & Founder di viteSicure.

E conclude:"viteSicure, come prima insurtech del mercato vita in Italia, era già pronta a rispondere ai clienti digitali e sta svolgendo un ruolo sociale importante perché è accessibile e facile per le famiglie, che sanno di non avere paracaduti finanziari. Una seconda riflessione riguarda la capacità di attrarre i capitali per scalare il business e la speranza che gli investitori comprendano l’opportunità delle insurtech in Italia."

yolo insurtech

YOLO permette di accedere e sottoscrivere in tempo reale ai prodotti dei maggiori Gruppi assicurativi operanti a livello nazionale e internazionale. L’offerta è basata sulle reali esigenze del cliente e del suo profilo, studiata per adattarsi alle sue abitudini, alla sua vita personale e professionale, grazie all’utilizzo di tecnologie abilitanti quali Internet of Things, Artificial Intelligence e ChatBot. YOLO è il partner ideale sia per le compagnie assicurative che necessitano di distribuire i prodotti attraverso il canale digitale o di soluzioni in ambito Martech, sia per i grandi Gruppi industriali e finanziari, interessati a sviluppare la propria offerta sul mercato in ambito assicurativo.

Come La crisi del 2000/2001 accelerò l’affermazione di internet e quella del 2008/2009 preparò il terreno al Global Fintech, anche questa crisi sarà un catalizzatore di digitalizzazione come risposta alla minore mobilità e socialità", ha commentato Simone Ranucci Brandimarte, Founder & Presidente di YOLO. "Fra le differenti Industry che accelereranno l’innovazione , l’Insurtech avrà l’impatto maggiore. In questo caso saranno 3 gli effetti concomitanti: Un maggior bisogno di protezione legato all'imprevedibilità degli eventi; un’accelerazione del canale digitale per la consultazione, l’acquisto ed il rinnovo di prodotti assicurativi; ma soprattutto la consapevolezza che l’offerta assicurativa attuale è inadeguata ad affiancare il consumatore con possibili nuove esigenze".

tiassisto24

Tiassisto24 è una piattaforma web e mobile che permette agli automobilisti di risparmiare tempo e denaro nella gestione dei propri veicoli, offrendo sconti sulla manutenzione auto, tagliando e cambio gomme, fornendo consulenze in caso di incidente o di multa e notificando le scadenze dei veicoli via email e app.

"Come Tiassisto24, siamo attivi nei servizi alla mobilità nel mercato italiano, stiamo osservando la presa di coscienza da parte delle compagnie assicurative dei limiti del canale distributivo tradizionale e il contestuale salto strategico dei nuovi modelli digitali. Nel breve periodo 6/9 mesi non sarà facile per il mondo insurtech chiudere accordi con modelli e valori pre-covid19", ha dichiarato Michele Romagnoli, CEO di Tiassisto24.

Concludendo che: "A mio avviso l'offerta di innovazione subirà un forte riposizionamento su business model finanziariamente più equilibrati e sostenibili, ma al contempo che siano in grado di offrire servizi/prodotti basati su nuove tecnologie (Intelligenza Artificiale e Machine Learning in testa) con significative performance in tema di fidelizzazione e di ampliamento della gamma dei servizi in modo orizzontale. In sintesi sarà una nuova traversata nel deserto, che riallinea tutti ad una sorta di posizione di partenza. Vinceranno le aziende più resilienti con un management team più esperto nell'affrontare le fasi di crisi".

insoore logo.png

Insoore è una piattaforma innovativa che aiuta le compagnie assicurative e le aziende di fleet management a ottimizzare il processo di gestione dei sinistri attraverso ispezioni video-fotografiche effettuate da una community di esperti e stime dei danni realizzate da un team di periti, in real time e on demand. Con il modello Insoore si punta a migliorare i processi per ottenere maggiore efficienza, riduzione dei costi e una migliore customer experience.

Enrico Scianaro, CEO di Insoore ha commentato: "Il mondo post Coronavirus non sarà più lo stesso, probabilmente. Nel campo assicurativo credo che le insurtech avranno un ruolo ancora più centrale e decisivo. Metteranno a disposizione il loro know how per agire adeguatamente in termini di immediatezza delle risposte, adattamento a condizioni impreviste, ma anche definizione di nuove soluzioni magari mai immaginate. Ma è intanto a oggi che bisogna guardare. Il momento necessita di rigore, senso di responsabilità e intraprendenza. Come Insoore ci siamo mossi su queste tre direzioni per dare modo ai nostri clienti - tra i quali compagnie assicurative, aziende di fleet management, broker - di usufruire comunque dei nostri servizi. Noi siamo la dimostrazione che la capacità peculiare che hanno le startup e le PMI innovative di riuscire ad adattarsi al nuovo con rapidità, di cercare continuamente soluzioni adeguate e poi effettivamente di trovarle sono caratteristiche che possono essere messe al servizio di interi settori. Già oggi e forse domani in modo ancora più deciso".

simplesurance

Simplesurance è una compagnia assicurativa tecnologica nata nel 2012 specializzata nella copertura di rischi su beni acquistati online: chi compra un oggetto negli shop online convenzionati può contestualmente sottoscrivere una polizza sull'oggetto stesso.

Più di 2.000 partner, tra cui molte famose piattaforme di e-commerce e produttori di telefoni cellulari, sfruttano la potenza innovativa e la flessibilità della piattaforma di cross-selling dell'azienda. Inoltre, Simplesurance offre a tutti i clienti un innovativo servizio di brokeraggio digitale per gestire tutte le assicurazioni su smartphone, facile e completamente paperless.

"Siamo molto cauti sul breve termine, restiamo estremamente ottimisti sul lungo termine, in particolare nel settore tecnologico. Continuiamo a credere che la tecnologia continuerà a trasformare in maniera fondamentale la maggior parte, se non tutti, i settori dell'economia mondiale. Siamo convinti che molte aziende tech siano alla guida di questi cambiamenti e nonostante siano oggi piccole realtà, diventeranno in futuro dei giganti", questa la dichiarazione di Robin von Hein, Founder & CEO di Simplesurance e aggiunge: "In particolare, nel settore assicurativo, l'urgenza di digitalizzazione è ancora una volta accelerata dall'attuale crisi. Stiamo osservando un rapido passaggio al multichannel e al digitale e notiamo anche più interattività digitale con agenti e broker. Ad esclusione del settore travel insurance, simplesurance e il suo modello di piattaforma digitale, resta in una buona posizione e fino ad ora non abbiamo monitorato nessun calo delle attività. Nelle ultime settimane siamo stati addirittura in grado di acquisire e integrare nuovi partner e canali di distribuzione, come ad esempio per il nuovo prodotto di Hype in Italia".

axieme logo

Axieme è la prima Social Insurance italiana nata a fine 2016: assicura i gruppi di persone con la promessa di restituire una parte del premio assicurativo alla scadenza di polizza se non sono avvenuti sinistri.

Miglioriamo la trasparenza, la consapevolezza e l'equità riducendo al contempo le frodi assicurative e il moral hazard. Il beneficio è un maggior risparmio per tutti.

Axieme è anche una piattaforma assicurativa sviluppata su tecnologia API, che consente a compagnie assicurative, MGA, bancassurance e distributori di operare digitalmente e integrarsi con terze parti in modo agile. La piattaforma si offre di supportare il settore assicurativo nel suo percorso di digitalizzazione

"La situazione di questi giorni sta svelando nel mondo assicurativo nuovi bisogni di protezione e la necessità di risposte adatte sia in termini di prodotti che di go to market. Stiamo vedendo come l’attuale emergenza è un ulteriore stimolo ad accelerare i percorsi di trasformazione digitale anche nel mondo assicurativo. La crisi sta rilevando quanto sia vincente avere un modello di business digitale e le startup insurtech ce l’hanno nel loro DNA", dichiara Matteo Gallo, Cofounder di Axieme e aggiunge "dopo il coronavirus tutti gli operatori del settore - ivi compresi i distributori quali broker o agenti - sentiranno l'esigenza di digitalizzare i processi e accelerare i loro percorsi di innovazione; in questo le startup insurtech giocheranno un ruolo fondamentale".

neosurance

Neosurance è un broker e scale-up insurtech creata da Neosperience e Digitaltech International per offrire una piattaforma end-to-end per la vendita di polizze digitali, instant, pay-per-use o a subscription, a community e compagnie assicurative.

"Nel nuovo mondo che stiamo per abitare i bisogni delle persone saranno diversi. La spinta verso la digitalizzazione produrrà una maggiore insofferenza verso la burocrazia e la scarsa trasparenza", dichiara Dario Melpignano, Cofondatore di Neosurance e aggiunge:"Le micropolizze associate agli interessi e ai bisogni reali, attivate in pochi secondi con lo smartphone saranno la chiave di accesso alle menti e ai cuori delle persone"

Sei una insurtech o una compagnia assicurativa e vuoi inviarci anche il tuo punto di vista e/o commento, scrivici una email a business@fintastico.com