I pagamenti invisibili entrano a far parte del nostro quotidiano

Scopriamo con questo articolo come i pagamenti invisibili stanno velocemente cambiando il nostro modo di fare acquisti (non solo online).
Intergic  avatar
Intergic
Intergic is the Italian Business partner of many International technology vendors.
I pagamenti invisibili entrano a far parte del nostro quotidiano

Mai sentito parlare di Pagamenti Invisibili (Invisible Payments in inglese)? Forse no, ma quasi sicuramente a tutti sarà capitato di utilizzarli, anche in svariate occasioni. Sempre più popolare, questa tipologia di pagamenti che sta caratterizzando il retail in modo significativo, rendendolo smart, risponde perfettamente alle esigenze dei consumatori di oggi, alla ricerca di soluzioni che rispondano al loro bisogno di velocità, qualità e sicurezza.

pagamenti invisibili

Ma che cosa sono quindi gli Invisible Payments? Se dovessimo definirla in parole semplicissime, sono quella tipologia di pagamenti che tolgono completamente dal campo contanti, carte di debito e credito, dispositivi wearable, PIN e lettori di carte, permettendo quindi di fatto pagamenti tramite wallet virtuali. E se dovessimo riassumerli in quattro parole, queste sarebbero smart, istantanei, multichannel e automatici.

In altre parole, gli Invisible Payments appartengono a quella categoria di pagamenti device-free, basati su biometria o che implicano che l’importo da pagare sia addebitato senza che l’utente debba compiere alcuna azione. Invisibili proprio perché l’esperienza di pagamento è automatica e il meccanismo alla sua base non è percettibile. Il pagamento viene effettuato tramite smartphone, ma, contrariamente ai pagamenti cashless o wearable, non è necessario presentarlo in cassa o al terminale, perché il processo avviene in automatico.

Come funzionano i Pagamenti Invisibili?

Il pagamento viene completato tramite app mobile di terze parti o proprietarie, che memorizzano in modo sicuro i dati bancari - in questo modo si possono quindi effettuare pagamenti semplicemente con il tocco di un pulsante. Il funzionamento degli Invisible Payments nei negozi fisici è molto simile a quelli online - un esempio è l’Acquista ora di Amazon, che permette di completare i propri ordini con un solo click (utilizzando il metodo di pagamento registrato dall’utente e da lui indicato come preferito). Questa modalità si replica quindi nel negozio fisico - e i risultati si vedono soprattutto su velocità, espressa come meno tempo speso in coda alla cassa.

Un ulteriore vantaggio di questo sistema è che permette non solo di tenere traccia, ma anche di registrare e analizzare tutti i pagamenti, alleggerendo di conseguenza l’onere burocratico della gestione delle transazioni.

In Europa questa tipologia di pagamenti è ancora in fase di sperimentazione, ma in altri paesi, come Cina, Russia, Regno Unito o Stati Uniti, ci sono realtà e casi d’uso consolidati. Vediamo insieme qualche esempio e i potenziali campi di applicazione (a oggi in via di sperimentazione e sviluppo).

Saltare la coda al supermercato

Indovinato! Stiamo parlando di Amazon Go. Ma non solo!

amazon go

La shopping experience di Just Walk Out negli USA si basa sulla visione artificiale (o computer vision) unita a sensori che rilevano quando un articolo viene rimosso dallo scaffale. All’uscita il pagamento viene addebitato direttamente sull’account Amazon. Per un’esperienza da 1-click a 0-click.

O anche Grab+Go, una rete di ristoranti self-service presente in UK e USA, che propone una procedura simile, pensata per semplificare l’esperienza di acquisto dei clienti che acquistano beni di basso valore. L’app dedicata trasforma lo smartphone in una sorta di cassa, che permette quindi di scansionare la merce mentre si cammina tra gli scaffali, per poi completare l’acquisto e uscire dal negozio tranquillamente. Anche qui zero casse e zero code. E lo scontrino della merce acquistata viene memorizzato nell’app. Dal suo lancio, Grab+Go ha ridotto il tempo di transazione da cinque minuti a 27 secondi.

In Cina Alipay incentiva i pagamenti tramite riconoscimento facciale nei negozi, dotando i commercianti dei dispositivi necessari. Per quanto riguarda le iniziative legate allo sviluppo degli Invisible Payments, in Cina si sta lavorando per creare standard nazionali e internazionali per il riconoscimento facciale, che includono attori come Xiaomi, Tencent e Ant Financial.

In Russia invece Azbuka Vkusa (una catena di supermercati) offre un servizio di pagamento tramite impronta digitale: le impronte vengono registrate al momento del checkout in uno dei negozi abilitati, grazie agli appositi lettori. Queste devono essere associate a un conto bancario. Tutte queste modalità saranno mano a mano implementate anche da negozi appartenenti ad altri settori merceologici. Con tutta probabilità ci sarà un’identificazione all’ingresso tramite QR Code e app del punto vendita. E di nuovo, grazie all’utilizzo di sensori intelligenti, tutta la procedura di acquisto e check-out sarà automatica. E lo sarà anche il pagamento, che avverrà attraverso la carta di pagamento memorizzata sullo smartphone del cliente. Il cliente poi uscirà dal negozio senza che sia necessario pagare fisicamente.

Nuovi modi di pagare il rifornimento di benzina

Un altro potenziale campo di utilizzo per gli Invisible Payments potrebbe riguardare direttamente gli automobilisti. Si potrebbe infatti trattare di un ottimo modo per fare benzina più velocemente e comodamente. Alcuni modelli di auto connesse stanno sviluppando una tecnologia touchscreen integrata, da utilizzare tramite app associata, che permetterebbe al conducente di pagare il carburante comodamente seduto in macchina. Ma non si ferma qui. Alcune case automobilistiche stanno inoltre lavorando a progetti di pagamenti contactless da effettuare direttamente tramite la chiave dell’auto. Come funziona? Il pagamento viene sbloccato premendo semplicemente il tasto 2-in-1 e toccando il terminale. Sarebbe utile anche per tenere traccia delle spese o ricaricare il saldo sull’app dedicata.

Acquisti tramite assistente vocale

Alexa di Amazon è progettata per fare acquisti senza richiedere autorizzazioni per il pagamento. Per farlo è necessario attivare la funzionalità dedicata per Acquisti tramite voce - e funziona esattamente come Acquista ora di Amazon. L’assistente vocale, collegato all’account, va quindi a utilizzare il metodo di pagamento preimpostato.

App di Food Delivery, Car sharing e Bike sharing

Le principali app di Food Delivery funzionano tramite Pagamenti Invisibili - i pagamenti avvengono in modo automatico e sono il più delle volte autorizzati tramite Touch-ID o scanner facciale da smartphone, proprio perché queste app permettono di utilizzare come metodo di pagamento i classici wallet di Apple, Google o PayPal.

Insieme al Food Delivery anche tutte le app di Car sharing e Bike Sharing. Nuovamente ritorna l’idea di velocizzare e migliorare notevolmente l’esperienza di pagamento.

La domanda che sorge spontanea alla fine di questa panoramica è: gli Invisible Payments saranno in grado di sostituire i metodi di pagamento tradizionali?

Qualche dubbio sorge e sono diverse le cause che li muovono. Per esempio, implementare una tecnologia di questo tipo potrebbe essere difficile per quei grandi negozi retail, i quali hanno a catalogo una moltitudine di linee diverse di prodotti. Viceversa però un’azienda che fornisce servizi o che detiene solo una piccola selezione di prodotti potrebbe essere in grado di implementare questa tipologia di soluzioni abbastanza facilmente.

touchscreen

Dal punto di vista del consumatore, potrebbero sorgere preoccupazioni o rifiuti naturali alla sola idea di avere la schermata della home del proprio smartphone piena di app diverse tra loro, insieme al pensiero di dover fare app hopping per pagare in negozi diversi - rendendo il processo di pagamento meno fluido e naturale rispetto a quello con carta o contactless.

Sicuramente però c’è spazio per miglioramenti e, come la storia ci insegna, la tecnologia arriva sempre a dare risposte laddove necessarie. Non ci resta quindi che attendere gli sviluppi e vedere tra qualche anno a che punto saremo.

Intergic  avatar
Intergic

Intergic takes ownership for all the aspects a growing business should look to when developing a new market. We provide the full range of services from strategic consultancy, digital marketing, account management pre-sales and sales. This allows them rapid access to the Italian market with immediately measurable costs and the reassurance of being connected to an already successful sales engine.