Goldman Sachs si affida a un DJ per la sua trasformazione digitale

Goldman Sachs David Solomon

David Solomon sarà il nuovo volto alla guida di Goldman Sachs. In precedenza è stato  per dieci anni il responsabile della divisione di investment banking. Se vi aspettate una nuova rockstar dello stile di Jamie Dimon, il chiacchierato CEO di JPMorgan Chase potreste rimanere delusi. David ha infatti un altro stile: è infatti conosciuto anche come DJ D-Sol, da poco ha pubblicato il suo primo singolo dal titolo "Don't stop". Per chi volesse approfondire il generale musicale e capire se oltre di investimenti, David se la cava anche come DJ, ti lasciamo qui il link alla canzone.  

Un dottor jekyll e mister hyde moderno, che se di giorno si nasconde dietro la giacca e la cravatta da banchiere, di notte si riscopre DJ. David Solomon è stato nominato dal consiglio di amministrazione come il prossimo amministratore delegato della influente banca d'affari americana Goldman Sachs ed è destinato a cambiare il ritmo e lo stile della banca nei prossimi mesi.

David Solomon, attuale presidente della società, sarà il nuovo amministratore delegato prendendo il posto di Lloyd Blankfein, che durante una riunione a febbraio 2018 lo ha designato come suo successore. La stessa Goldman Sachs ha confermato la notizia martedì attraverso il suo ufficio stampa. È probabile che Lloyd Blankfein, il potente banchiere di Wall Street possa lasciare Goldman Sachs a dicembre, come riportato da importanti testate economiche americane. Blankfein è stato a capo di Goldman Sachs sin dal giugno del 2006, all'orizzonte per Goldman Sachs si prevedono dei cambiamenti. quindi i cambiamenti sono assicurati. Solomon è un attento osservatore del futuro, del cambiamento e dei nuovi modi di fare banca. Si è autoproclamato come un vero "agente del cambiamento" e promette di modernizzazione un'entità fondata nel 1869 e che solo lo scorso anno ha fatturato 32 miliardi di dollari. 

Come già detto, Solomon ha una biografia originale che ha pochi tratti comuni con altri colleghi di Wall Street. Solomon è un produttore di musica elettronica con il nome di DJ D-Sol e si è esibito nei club e nei festival di New York, Bahamas e Miami. Banchiere di giorno e DJ di notte, difficilmente potrà continuare lo stesso stile di vita quando prenderà le redini di Goldman Sachs. La banca d'affari deve affrontare la sfida di diversificare le sue fonti di reddito a causa delle debolezze che ha registrato la sua attività di investment banking tradizionale

Goldman Sachs ultimamente è sotto stress anche da parte della Federal Reserve (Fed) che ha invitato l'istituto a congelare il suo piano di distribuzione dei dividendi agli azionisti dopo che ha superato per il rotto della cuffia uno degli stress test della banca centrale. Gli stress test sono delle simulazioni volte a misurare la capacita di un’impresa di fronteggiare scenari avversi. La decisione della Fed ha obbligato Goldman Sachs a una risposta che non si è fatta attendere: la banca d'affari ritiene che la sua capacità di restituire capitale agli azionisti sia maggiore di quanto suggerito dagli stress test. Durante i suoi dieci anni come responsabile della divisione di investment banking di Goldman Sachs, David Solomon ha costretto molti dei suoi dipendenti a non trattenersi oltre l'orario di lavoro previsto. Sotto la sua responsabilità, Goldman Sachs ha alzato gli stipendi ai programmatori, concesso un codice di abbigliamento meno formale, modernizzato il sistema informatico e rafforzato l'uso delle videocoferenze. 

Lo stile di Solomon è sempre stato un elemento differenziante durante tutta la sua carriera. Alla fine degli anni novanta, lasciò Wall Street senza parole quando lasciò la banca d'investimento Bear Stearns per Goldman Sachs. In quel momento tutti si aspettavano di vederlo a capo di Bear Stearns. Ma Solomon ci ha visto lungo. Bear Stearns ha seguito della crisi finanziaria è stata venduta a JPMorgan ad un prezzo di 2 dollari per azione, 236 milioni di dollari per l'acquisto dell'intera società, pari a circa un terzo della quotazione di ingresso in Borsa del 1985.

Solomon è conosciuto per la sua ossessione per il cliente. "Quando pensiamo alla strategia di Goldman Sachs, pensiamo ai clienti, sono al centro di tutto ciò che facciamo", ha detto il manager in una conferenza poche settimane fa. Potrebbe benissimo lavorare in una fintech con questo mindset. 

La sua fortuna è stimata in circa 600 milioni di dollari e oltre ad essere un amante della musica elettronica, un altra sua grande passione è il vino. Solomon ha una collezione personale di 1.000 bottiglie, del valore di 1,2 milioni di dollari, che gli è stata rubata a gennaio da un ex dipendente che successivamente è stato arrestato. Un manager di grande esperienza che non si tira indietro e offre anche consigli utili agli studenti e ai futuri lavoratori di Goldman Sachs: saper scrivere e parlare in pubblico; conoscere la contabilità; e coltivare sempre le proprie passioni. DJ D-Sol non le ha mai abbandonate.