Facebook annuncia Libra: la sua "criptovaluta"

La nuova criptovaluta globale è stata annunciata oggi anche se il suo lancio avverrà nella prima metà del prossimo anno. Gestita dalla Libra Association, che raduna 27 imprese partner e ha sede a Ginevra, permetterà di pagare e di trasferire denaro su Messenger, WhatsApp, Facebook oltre a Spotify, Vodafone, eBay e Uber.
facebook libra

Con un post su Facebook (e dove sennò?) Mark Zuckerberg ha annunciato il lancio della sua criptovaluta Libra. Tecnicamente più che di una criptovaluta, sarebbe più giusto parlare di una stablecoin.

Facebook si è riunita con 27 organizzazioni in tutto il mondo per avviare l'Associazione Libra senza scopo di lucro e creare una nuova valuta denominata Libra.

La missione di Libra è creare una semplice infrastruttura finanziaria globale che abiliti miliardi di persone in tutto il mondo. La criptovaluta utilizza la tecnologia blockchain e il suo lancio sul mercato avverrà nel 2020.  

Il fondatore del famoso social network, con un post su Facebook, ha detto che "essere in grado di utilizzare il denaro in modo facile e veloce può avere un importante impatto positivo sulla vita delle persone evitando in questo modo di doversi portare addosso il contante che in alcuni casi può generare insicurezza, evitando allo stesso modo di dover pagare commissioni extra per i trasferimenti di denaro". 

Una questione molto importante per le persone che non hanno accesso ai servizi bancari tradizionali o ai servizi finanziari. Al momento, circa un miliardo di persone nel mondo non ha un conto in banca ma è in possesso di un telefono cellulare. 

Zuckerberg aggiunge che: "Aspiriamo a rendere facile per tutti inviare e ricevere denaro proprio come si usano le nostre app per condividere istantaneamente messaggi e foto. Per consentire ciò, Facebook sta anche lanciando una sussidiaria indipendente chiamata Calibra che costruirà servizi che permetteranno di inviare, spendere e salvare Libra - a partire da un portafoglio digitale che sarà disponibile in WhatsApp e Messenger e come app standalone il prossimo anno".

Calibra sarà regolamentato come altri fornitori di servizi di pagamento. Le informazioni che verranno condivise con Calibra verranno tenute separate dalle informazioni che gli utenti condividono su Facebook, aggiunge il fondatore di Facebook, un punto che ha voluto sottolineare probabilmente alla luce degli scandali del passato riguardo all'utilizzo dei dati personali degli utenti. 

Oltre a Facebook, molte altre aziende si sono unite al progetto Libra: da società di pagamento come Mastercard, PayPal, PayU, Stripe e Visa, a servizi popolari come Booking, eBay, Farfetch, Lyft, Spotify e Uber, organizzazioni no profit e aziende operanti con la tecnologia blockchain come Anchorage, Coinbase, Xapo e Bison Trails. L'obiettivo dichiarato è quello di raggiungere oltre 100 membri fondatori dell'Associazione Libra nel momento in cui la criptovaluta verrà rilasciata sul mercato il prossimo anno.

Un punto ostico da far digerire, sopratutto agli appassionati e fan di bitcoin è quello dove Zuckerberg  parla del fatto che il progetto sia basato su tecnologia blockchain: "È decentralizzato - significa che è gestito da molte organizzazioni diverse invece che da una sola, rendendo il sistema più equo nel complesso. È disponibile per tutti coloro che dispongono di una connessione Internet, con costi e commissioni ridotte. Ed è protetto dalla crittografia che aiuta a mantenere i tuoi soldi al sicuro". 

Molti vedono poco credibile la partecipazione di società di pagamento al progetto, ricordando che blockchain significa in primis transazioni resistenti alla censura e decentralizzazione. Difficilmente un fornitore di servizi di pagamento può offrire questo ai propri utenti. 

Preoccupato dagli scandali del passato, riguardo la privacy e la sicurezza di Facebook, Mark ha ricordato che "Privacy e sicurezza saranno integrate in ogni fase. Ad esempio, Calibra avrà un team dedicato di esperti nella gestione del rischio incentrato sulla prevenzione delle persone dall'utilizzo di Calibra per scopi fraudolenti. Forniremo protezione dalle frodi, quindi se perdi le tue monete Libra, ti offriremo dei rimborsi". 

Niente di nuovo sotto il sole, decidere di lanciare un progetto su scala globale come quello di Libra, fondamentalmente una criptovaluta globale è impensabile senza un team di esperti di compliance e antiriciclaggio. 

Per smorzare ulteriormente le critiche aggiunge: "C'è ancora molto da imparare e fare prima che Libra sia pronta per il lancio ufficiale. Sappiamo che è una grande impresa e responsabilità e ci impegniamo a farlo bene. Abbiamo lavorato con policymaker ed esperti in settori diversi come l'inclusione finanziaria, l'economia, la sicurezza, la privacy e la blockchain, e continueremo ad ascoltare i loro feedback mentre individuiamo il modo migliore per andare avanti."

Chiudendo il suo posto con "Questo è l'inizio di un viaggio emozionante", sarà veramente così?