Ethereum e Hyperledger uniscono le forze

Hyperledger Ethereum

All'inizio di questo mese, Hyperledger e Enterprise Ethereum Alliance (EEA) hanno annunciato una partnership comunicando che stanno diventando membri dei rispettivi progetti. Nello specifico, ogni organizzazione sta diventando un membro associato dell'altro consorzio.

I consorzi contano già molte dozzine di aziende e progetti ed entrambi sono impegnati a diffondere l'adozione della tecnologia blockchain e a dotare di soluzioni decentralizzate le organizzazioni associate.

Open source e rischio di isolamento

Sebbene Hyperledger e Ethereum abbiano degli obiettivi simili, partono da due visioni della tecnologia blockchain differenti, lo vedremo nel dettaglio nel prossimo capitolo.  Questo annuncio rappresenta la convergenza di due iniziative correlate ma separate all'interno del mondo blockchain.

La missione del consorzio dietro il progetto Ethereum si basa sul modello open source. L'obiettivo del gruppo, si legge nel sito web del consorzio, è quello di "fornire uno standard e un'architettura con specifiche open source" per accelerare l'adozione di Ethereum.

Nella maggior parte degli ecosistemi tecnologici, è difficile convincere tutti gli stakeholders a concordare uno standard comune in grado di coprire tutti i casi, necessario per garantire che il software o l'hardware che vengono costruiti da un'organizzazione siano compatibili con i prodotti di un'altra.  

Per quanto riguarda il settore blockchain, tuttavia, uno standard universale sembra ancora più difficile da raggiungere, dal momento che la maggior parte delle community di sviluppatori e programmatori software in ambito blockchain sono per loro natura altamente decentralizzate. Lo scopo di un'organizzazione che punta a creare uno standard aperto è quello di risolvere la sfida di mettere tutti gli stakeholders d'accordo creando un insieme universale di pratiche concordate che tutti gli operatori seguiranno nello sviluppo di progetti blockchain. Uno standard aperto è un insieme di norme tecniche messe a disposizione del pubblico con diversi diritti e proprietà ad esso associati. Gli standard aperti aiutano a garantire che, ad esempio, una DApp creata da un progetto sia compatibile con la blockchain costruita da un altro progetto.

Hyperledger è una iniziativa focalizzata sulla creazione di comunità che costruiscono un set di prodotti software. La sua missione è promuovere il codice open source all'interno del settore blockchain, ma gli standard aperti non sono una parte fondamentale della sua missione. 

Unendo le forze, questi due consorzi stanno contribuendo a garantire che gli standard aperti e il codice open source possano svilupparsi fianco a fianco e in armonia nel settore blockchain.  

Questo va a scongiurare il rischio di isolamento, con una parte degli sviluppatori che lavorano su standard aperti che non può collaborare in modo efficace con altri sviluppatori focalizzati sulla promozione di codice open source. Il rischio sarebbe quello di ritrovarci con un ecosistema blockchain aperto in certi aspetti ma chiuso e proprietario in altri. Questa partnership, punta a promuovere l'apertura a tutti i livelli, dal codice del software ai protocolli

Ovviamente la partnership non è vincolante e non significa che tutti gli stakeholders del settore blockchain aderiranno agli standard e al codice sorgente promossi da questi due consorzi. Nessuna legge può obbligare uno sviluppatore a dover rispettare le indicazioni di Hyperledger o EEA, o di un altro consorzio; chiunque può costruire un protocollo o una applicazione basata su blockchain in totale libertà. Partnership di questo tipo, tuttavia, contribuiscono a incoraggiare una maggiore apertura a tutti i livelli. 

Le tipologie di blockchain

Avevamo già parlato delle differenze tra blockchain pubblica e blockchain privata, con questo articolo vogliamo approfondire questo aspetto. 

Esistono tre tipologie principali di blockchain:

  1. Permissionless: È un tipo di blockchain aperta dove chiunque è libero di partecipare e prender parte. La comunità gestisce e amministra la blockchain, uno o più partecipanti possono fornire il consenso, un’espressione di volontà da parte di ciascun membro della comunità che può e deve esprimere (più o meno consapevolmente) attraverso un set di regole. Qualsiasi utente può partecipare a una blockchain permissionless, l'esempio classico è la blockchain di Bitcoin.

  2. Permissioned: È un tipo di blockchain che richiede agli utenti che vogliono parteciparvi, di dover richiedere il permesso per poter aderire, leggere, scrivere e operare sulla blockchain. In questo tipo di blockchain, possono esserci restrizioni su come i partecipanti possono contribuire allo sviluppo e il mantenimento del sistema o esprimere il loro consenso alle transazioni.

  3. Privata: Una blockchain privata è controllata da un'entità centralizzata o un singolo partecipante ha il permesso di scrivere sulla blockchain. Gli architetti della piattaforma devono decidere come assegnare le autorizzazioni ai partecipanti in base a determinati criteri. 

Attualmente, quando le imprese iniziano ad avvicinarsi alla tecnologia blockchain, la maggior parte sceglie di iniziare con blockchain private, dove l'impresa conosce tutti i partecipanti e può gestire al meglio il lancio di nuove applicazioni e casi d'uso basati su questa tecnologia che spesso si trova ancora in una fase sperimentale. La promessa di questo tipo di iniziative è che man mano che passa il tempo, ci sarà una evoluzione del modello di governance, verso una blockchain di tipo permissionless, che permetterà di affrontare le sfide e i rischi di un modello di business totalmente decentralizzato e con partecipanti anonimi

Come collaboreranno insieme

Difficile capire come questi due consorzi riusciranno a collaborare insieme nel prossimo futuro. Sopratutto alla luce di aspetti controversi che hanno portato alla nascita di queste due iniziative. 

Fin dagli inizi, l'obiettivo principale di Hyperledger è stato quello di creare software che aiutasse le aziende a creare delle loro blockchain private. Mentre l'obiettivo principale di Ethereum è stato quello di incoraggiare le imprese ad adottare la blockchain pubblica di Ethereum. Su questo ultimo punto, ci sono pareri discordanti tra gli esperti, per qualcuno la blockchain di Ethereum è una rete ridondante, censurabile e che non garantisce la privacy.

Nonostante questo, sembra chiaro che Hyperledger abbia avviato questo sforzo collaborativo con Ethereum perché valuta positivamente il valore aggiunto che le imprese stanno ottenendo con la blockchain di Ethereum, attraverso la creazione di progetti blockchain dove le imprese potrebbero anche creare del software con uno degli strumenti messi a disposizione da Hyperledger. 

Questo sforzo collaborativo in realtà è già iniziata tempo fa, è il caso del nodo blockchain Hyperledger Burrow, che rispetta le specifiche tecniche della Ethereum Virtual Machine (EVM). La Ethereum Virtual Machine è la macchina virtuale (VM) che permette l’esecuzione degli smart contracts sulla blockchain di Ethereum. Hyperledger sta lavorando da un po' di tempo per colmare le lacune tecniche tra alcuni dei suoi progetti e quelli di Ethereum. 

Con la nuova partnership, l'entusiasmo di Hyperledger per Ethereum sembra chiaro e vedrà Hyperledger sempre più impegnata a integrare standard della community di Ethereum nei suoi progetti Hyperledger