Domande frequenti su API e open banking

L'open banking è il nuovo status quo nel mondo finanziario. Nonostante questo, le API aperte rimangono una grande incognita, sopratutto per PMI e imprese.
API open banking

La maggior parte delle imprese o società che opera con i dati di pagamento o finanziari dei propri clienti, ha bisogno di poter accedere ai sistemi di altre società per poter convalidare e effettuare pagamenti. Al giorno d'oggi ci sono diverse modalità per poter accedere ai dati delle altre società: dal trasferimento dei pagamenti a un'entità terza,  fino all'utilizzo di un gateway di pagamento che funziona con le carte di credito

Cosa sono le API aperte?

Con le API aperte si semplificano tutti i processi indipendenti dalla banca, dal gateway di pagamento che si usa o da altri fattori, come per esempio la regolamentazione.  Attraverso le Application Programming Interface (API) aperte, si eliminano tutte le procedure straordinarie e costose per permettere a un individuo di ottenere un'informazione puntuale. Grazie alle API e l'open banking, controllare il saldo del conto, visualizzare la cronologia delle spese o la gestione dei pagamenti sarà molto più facile. 

Siamo di fronte a una rivoluzione?  

Per molte aziende e persino per i cittadini comuni, le nuove API aperte cambiano il modo in cui interagiamo con il settore bancario. Vengono creati nuovi strumenti, altri alla fine diventeranno obsoleti, mentre altri si stanno adattando a una nuova realtà normativa in cui sempre più partner e fornitori utilizzano API aperte unificate anziché una miriade di diverse API commerciali o partner. Siamo agli albori di una nuova era alla quale bisogna avvicinarsi con una nuova mentalità.

Le grandi banche commerciali e di investimento sono quelle più esposte alla nuova realtà, ma anche le più avvantaggiate. Consentire l'intercambio di dati finanziari, dietro consentimento da parte degli utenti, con strumenti e protocolli comuni è una questione di tempo. Ad esempio, nel mondo dei prestiti le imprese disporranno di informazioni quasi istantanee per decidere come offrire i propri servizi. Le aziende che si adattano meglio a questa nuova realtà con un processo decisionale rapido o più appropriato otterranno risultati migliori grazie ai loro algoritmi, al processo decisionale e agli strumenti basati sull'open banking.

Grazie a un intercambio di dati tra soggetti e piattaforme differenti, una persona senza una storia creditizia potrà richiedere un prestito in modo agile grazie a questo nuovo sistema bancario aperto. In questo modo, persone che fino ad ora sono state escluse dai meccanismi di finanziamento tradizionali, principalmente per motivi demografici e di giovane età, potranno accedere al credito. L'esclusione finanziaria è destinata a ridursi, mentre l'inclusione finanziaria è destinata a crescere. Per inclusione finanziaria si intendono l'insieme di attività che vengono sviluppate per favorire l’accesso ai servizi finanziari di  soggetti e organizzazioni non ancora del tutto integrati nel sistema finanziario tradizionale.

Le API sono sicure?

A livello di sicurezza non esiste alcun fattore che renda le API chiuse o commerciali superiori a quelle aperte. Le API aperte hanno semplicemente standard condivisi e approvati dai regolatori finanziari e sono condivise con entità finanziarie in tutto il mondo. Le API commerciali sono particolari interconnessioni tra due o più entità che hanno dettagli e caratteristiche decise a livello privato tra le entità che prendono parte allo scambio di dati e informazioni.  

A livello finanziario, il problema della sicurezza deve essere diviso in due parti: da una parte, ciò che si riferisce al trasferimento dei dati e, dall'altra, alla loro conservazione.

L'archiviazione è indipendente dalle API e dipende dalle misure messe in atto da ciascuna entità. Con l'entrata in vigore della PSD2 in Europa, il quadro normativo è ora molto più solido e si concentra sulla protezione della privacy dei dati e sulla definizione di linee guida e raccomandazioni.

La PSD2 ha lo scopo di promuovere l’innovazione e lo sviluppo di un mercato interno dei servizi di pagamento efficiente, sicuro e competitivo, che accresca la protezione e la sicurezza dell’utente dei servizi di pagamento.

Le istituzioni finanziarie vengono costantemente controllate internamente ed esternamente, pertanto di solito esistono standard basati sulle nuove normative esistenti in ciascun Paese.

Il trasferimento di dati tramite API aperte viene effettuato utilizzando protocolli di crittografia, chiavi e algoritmi di ultima generazione. È un modo alternativo di accedere ai dati finanziari basato sulla sicurezza dell'accesso già esistente nella maggior parte degli istituti bancari.

Quali sono i benefici per il consumatore?

La prima cosa che il consumatore sperimenterà è una nuova ondata di applicazioni, piattaforme e servizi per gestire il proprio denaro. I consumatori avranno la possibilità di accedere a nuovi servizi di pagamento offerti da Terze Parti, che gli permetteranno di effettuare pagamenti, ricevere informazioni sui propri conti bancari e utilizzare nuovi strumenti di pagamento in maniera più innovativa. Ciò significa nuovi modi per ottenere prestiti o finanziamenti, nuovi strumenti per gestire i nostri risparmi, nuove piattaforme per investire, ecc.

Questa maggiore trasparenza nella gestione dei dati finanziari renderà il trasferimento di denaro più economico e immediato. In Europa, tutte le banche saranno obbligate a rispettare un nuovo quadro normativo che evita, ad esempio, i tradizionali malfunzionamenti del trasferimento bancario. Spostare denaro da una banca all'altra sarà più conveniente, le decisioni sulla concessione o meno di prestiti saranno più immediate, anche per quei soggetti che non hanno una storia creditizia solida alle spalle.

E per le imprese?

Le imprese probabilmente saranno quelle più avvantaggiate dalle API aperte. Con le API, le aziende possono ridurre i costi per sviluppare o implementare strumenti per la gestione degli incassi, dei pagamenti o la relazione con istituti finanziari, clienti e fornitori.  

Qualsiasi azienda ne trarrà vantaggio, ma ovviamente il settore della finanza tecnologica (meglio noto come fintech), in particolare le startup, avranno la possibilità di operare a una velocità finora consentita solo alle grandi istituzioni bancarie. Essere in grado di interagire con le stesse metodologie e capacità di grandi banche o grandi imprese permetterà di innovare, velocizzare i processi e la nascita di nuove idee. 

Sei interessato alle API finanziarie? Scoprile qui