Dal baratto al bitcoin

baratto

13,7 miliardi di anni fa il Big Bang ha dato vita all'esistenza dell'universo. 3,8 miliardi di anni fa, la vita apparve per la prima volta sul nostro pianeta. 1,9 milioni di anni fa, la Terra fu testimone di una specie ominide, l'Homo erectus, che camminava eretta per la prima volta. E, 7.000 anni fa, fu inventato il denaro.

All'inizio fu il baratto

Ma, prima, la gente ha barattato. Non tutti avevano ogni cosa. Si ha sempre qualcosa in eccedenza, e si ha sempre bisogno di qualcosa che ha qualcun altro. Come avrebbe detto il buon senso, abbiamo iniziato a scambiare le nostre risorse in eccesso per ciò di cui avevamo bisogno. Immagina che io abbia delle mele che mi avanzano e che tu abbia delle arance extra, potremmo semplicemente scambiare i frutti tra loro. Ma se io avessi delle mele e non volessi le tue arance, ma mi piacerebbe avere delle fragole? A questo punto tu andresti a cercare qualcuno che ti possa dare fragole in cambio delle tue arance. Fortunatamente potresti trovare il tuo amico, Marco, disposto a fare un baratto con te. Allora, mi porteresti quelle fragole e io ti darei le mele. Marco, tu e io saremmo tutti felici. Ma se Marco avesse un surplus di banane, ma non volesse le tue arance? Questo sarebbe un problema. L'intelligente tra di noi potrebbe porsi una domanda profonda: "Può esserci qualcosa che tutti vogliono?". La risposta è: la merce-moneta

Il valore delle materie prime

C'erano alcune cose che quasi tutti usavano, come il sale, i semi, le pecore e le mucche. Sono diventati merce-moneta. Chiunque fosse stato in possesso di uno di questi beni, avrebbe potuto usarli per ottenere tutto ciò che volesse, perché queste erano le risorse che tutti usavano, e quindi che tutti apprezzavano. Il sistema funzionava. Anche la merce-moneta comunque aveva i suoi problemi. Portare sacchi pieni di semi in una città diversa era difficile. Inoltre il loro stoccaggio rappresentava un grosso problema. Se conservati per lunghi periodo di tempo, infatti, rischiavano di andare a male. Poi, l'intelligente tra di noi ha iniziato a porsi un'altra domanda profonda: "C'è qualcosa che è più facile da trasporatare, conservare e che è nondimeno prezioso?"

La risposta: i metalli

Certo: i metalli. I metalli erano più facili da trasportare, dividere, immagazzinare ed erano anche scarsi (il che li rendeva quindi preziosi). Paesi e regni hanno iniziato a coniare le loro monete di vari pesi che portavano il loro sigillo. Il sigillo ha assicurato il peso e l'autenticità della moneta. Il valore di ogni moneta era misurato dal materiale con cui era prodotto. In base al metallo utilizzato e al peso, le monete avevano un valore diverso: erano fatte principalmente di oro e argento perché erano metalli rari da estrarre e non si corrodevano, assicurando così un peso stabile. Dato che erano facili da trasportare, ci siamo spinti anche un po' oltre: abbiamo iniziato a usarli sotto forma di gioielli - in modo che restassero sempre in nostro possesso, e altri potessero vedere quanto eravamo ricchi. A questo punto, gli umani si erano evoluti oltre la fase in cui tutto ciò che facevano era per la sopravvivenza. Ma questo avrebbe dato origine a un altro tipo di problema: il furto.

I templi sono venuti in soccorso

Gli dei entrarono in scena molto prima che vi entrassero i soldi. Vivevano nei templi e anche i nostri metalli preziosi trovarono lì la loro casa. Iniziammo infatti a conservarli nei templi, perché nessuno aveva il coraggio di rubare qualcosa da Dio. Quindi là le monete erano considerate al sicuro. Non appena tu avessi depositato il tuo oro nel tempio, il prete ti avrebbe consegnato una ricevuta cartacea che menzionava la quantità di oro depositato. Il sacerdote si impegnava a non negare l'oro al portatore della ricevuta. 

Prima che ce ne rendessimo conto, erano arrivati i banchieri 

Le ricevute cartacee rappresentavano il valore dell'oro che era stato depositato presso il sacerdote, quindi trasferire la ricevuta cartacea significava spostare l'oro stesso. La rappresentazione del denaro è entrata nella nostra società. Abbiamo iniziato a utilizzare cambiali anziché oro perché rappresentavano direttamente l'oro ed erano più facili da trasportare e conservare. Col tempo, governi e banche hanno sostituito i templi. Per tutto il diciannovesimo e ventesimo secolo, quasi tutte le valute esistenti erano basate sulla promessa di avere in cambio oro e argento. La carta moneta aveva il suo valore perché rappresentava una risorsa scarsa, ovvero i metalli preziosi detenuti da quei governi e banche. Fino a quando non lo ha più fatto. 

L'ascesa delle monete legali

Oggi il valore del denaro non dipende più dal valore dell'oro: dipende dalla stabilità del governo nella cui giurisdizione viene emesso e utilizzato. È la reputazione del governo a dare al denaro il suo valore oggi. La carta che scambiamo per beni e servizi è in realtà il denaro stesso. Le autorità centrali come banche e governi controllano il valore di quel pezzo di carta per rendere il sistema più efficiente, hanno sostituito la carta con cifre "preziose" memorizzate su un computer. 

La valuta diventa elettronica

L'ho trovato divertente quando me ne sono reso conto per la prima volta. Prima le banche hanno sostituito l'oro con documenti rappresentativi e poi hanno dato valore a quei documenti senza dare loro sostegno con oro reale. Lo stesso ciclo si è ripetuto ancora e ancora e le banche hanno quindi dichiarato: "Le persone possono ancora rubare le tue banconote. Le tue banconote sono ancora deperibili. Perché non depositi le tue banconote da noi? In cambio inseriremo un dato nel nostro computer che ti dirà quanto ti dobbiamo e ogni volta che verrai a chiedere le tue banconote, te le restituiremo". A noi, la massa, la proposta sembrava ragionevole. Quelle cifre nei computer erano il corrispettivo delle nostre banconote depositate. Fino a quando non è stato più così. Le banche guadagnano ogni volta che concedono un prestito. Se stai prendendo in prestito 10 Euro da una banca, la banca non ti darà 10 Euro di qualcun altro. Semplicemente, addebiteranno 10 Euro sul tuo conto sotto forma di una cambiale. Puoi spendere i "pagherò" del valore di 10 Euro come se spendessi effettivamente 10 Euro, creando quindi un sostituto per i soldi. Ed è esattamente la stessa cosa che è successa quando sostituimmo l'oro con la carta. Questo è il motivo per cui se ognuno di noi, nello stesso momento, andasse nella sua banca e chiedesse denaro contante per il valore effettivo del proprio conto, non ci sarebbe abbastanza denaro. Il denaro che un tempo dipendeva dal valore di un metallo raro ora è diventato solo un numero nel computer di qualcuno. All'alba del ventunesimo secolo, l'intelligente tra di noi ha iniziato a porsi un'altra profonda domanda: "Se il denaro può venire rappresentato da alcune cifre in un computer, può esserci un modo per continuare a garantirlo con una risorsa poco disponibile? E deve essere per forza memorizzato sul computer di un'autorità centralizzata?".

L'alba delle criptovalute

Il mondo è connesso attraverso Internet ora; tutti lo hanno a portata di mano. I computer ci rendono più efficienti in quello che facciamo di quanto siamo mai stati. Quello che prima si faceva in giorni, ora si fa in pochi minuti. Non possiamo ottenere più tempo, quindi cerchiamo di fare di più nel tempo che abbiamo. La potenza di calcolo dei computer è una parte così integrante della nostra vita che è diventata così scarsa e preziosa quanto l'oro era per i nostri antenati. E quando più persone si sono poste la domanda profonda: "Possiamo creare una valuta supportata dalla potenza di calcolo?", la risposta è stata trovata nelle criptovalute e nella blockchain. Gli umani hanno fatto scambi commerciali molto tempo prima che i soldi esistessero. Abbiamo barattato con persone di cui ci fidavamo. Queste erano persone che credevamo nelle stesse storie in cui credevamo noi - tra le altre cose, dei e creature mitologiche. Il denaro è una storia in cui credono tutti. Ci crediamo perché tutti gli altri ci credono. La storia dà ai soldi il loro valore. E quella storia è diventata sempre più astratta man mano che la complessità della nostra tecnologia è aumentata. 

Le criptovalute sono il Santo Graal del denaro?

Lo  sono, per ora, finché qualcosa di meglio arriverà. Le criptovalute sono decentralizzate ma ciò non significa che tutti ne avranno in parti uguali. È uno dei malintesi che si continuano a sentire. Se una valuta prospererà nel lungo termine, dovrà essere sostenuta da una risorsa scarsa. La scarsità ha la proprietà di non essere distribuita uniformemente. Se lo fosse, non sarebbe scarsa. Quindi perché il denaro sia tale, devono esserci ricchi e poveri nella società perché abbia un valore. Ci devono essere persone che ne hanno in surplus, mentre gli altri desiderano averne di più. Con le criptovalute, potere e autorità potrebbero cambiare mano, ma questo non cambierà il modo in cui la società funziona nel suo complesso. 

Questo post è la traduzione dell'articolo WTF is... Money?





Maria Comotti avatar
Maria Comotti

Giornalista e mamma, trasformo le mie passioni in scrittura e utilizzo la curiosità come lente di ingrandimento del reale. Cresciuta professionalmente nel quotidiano .Com dove mi occupavo di raccontare il mondo della pubblicità, del marketing e degli eventi, ho poi collaborato con Il Sole 24 Ore, Il Mondo e altre testate economiche. Ora scrivo anche di design, architettura, running e fintech.