Dai contanti alle criptovalute: la rivoluzione del denaro

Di Bitcoin e altre criptovalute si continua a parlare molto sui principali media. ING pubblica un rapporto sul contante e la rivoluzione del denaro.
dai contanti alle criptovalute

ING ha pubblicato di recente un rapporto annuale su servizi bancari, criptovalute e i trend futuri, dal titolo From cash to crypto: the money revolution.

Mancanza di educazione

Uno dei sondaggi rivela che il 73% delle persone pensa che le criptovalute fossero controllate da un organo di vigilanza o da una banca centrale o non aveva una chiara idea di chi le controllasse.

L'autore Goodman attribuisce alla mancanza di educazione sulle criptovalute l'assenza di una "killer app". Continua: "Fino a quando le criptovalute non verranno adottate in massa, non ci sarà una app di questo tipo, le criptovalute non saranno importanti o utili per le persone". 

Secondo Marcus Hughes di Coinbase, per la natura propria delle stesse criptovalute e del loro scopo, siamo ancora in una fase dove gli utenti e le imprese si stanno interrogando sulla loro utilità. Per questo motivo è importante chiedersi: in che modo le criptovalute sono utili al giorno d'oggi? "Bisogna dare uno sguardo alle cirptovalute come un'evoluzione, non una rivoluzione che accade dall'oggi al domani", afferma Hughes.

Earn è un servizio di Coinbase che permette agli utenti di guardare video educativi sulle criptovalute e ricevere una criptovaluta nel proprio wallet, è un esempio che Hughes utilizza per dimostrare come la sua impresa sta educando le persone sul denaro elettronico.  

Opinioni contrastanti

Un altro risultato del sondaggio, mostra che il 40% delle persone in Europa non è felice riguardo la possibilità che la propria banca gestisca criptovalute.   

Glen Goodman, cripto evangelist e scrittore smentisce immediatamente la necessità di integrazione tra vecchi e nuovi sistemi, perché "ai giovani non interessa davvero il vecchio mondo finanziario", afferma. "I giovani si fidano molto rapidamente delle challenger banks perché si crea velocemente un ambiente di fiducia intorno a questi nuovi attori".   

Per un sostenitore della prima ora del mondo cripto come Goodman, l'asset digitale non ha bisogno di una relazione diretta con un organismo di controllo perché è costruito per sua natura per essere sicuro.

Brosens, economista di ING pur riconoscendo l'incredibile popolarità raggiunta da diverse criptovalute, pensa che l'introduzione di intermediari finanziari  funzionerebbe, ma il rischio è che poi diventi sempre più difficile differenziare valuta digitale e valuta fisica.   

Regolamentazione

Le notizie (33%) e la ricerca online (33%) sono le due maggiori fonti di conoscenza sul mondo delle criptovalute per gli europei, il che significa che non è ancora un argomento di discussione a casa o al pub con amici. Ciò potrebbe suggerire una mancanza di fiducia su un argomento che deve ancora vedere la nascita di una regolamentazione ad hoc.

crypto

Brosens afferma che "per avere un futuro, abbracciare la regolamentazione è la strada obbligata per le criptovalute". Sottolinea inoltre il rischio che i clienti che usano criptovalute creano per l'operatività delle banche.

Hughes sottolinea gli sforzi del Giappone e della Svizzera, che hanno sviluppato una regolamentazione sulle cripto. Cita anche che Coinbase è in procinto di ottenere una licenza in Giappone.

Una vera alternativa finanziaria per alcuni

Un 63% di persone con una conoscenza minima sulle criptovalute in Turchia ha dichiarato di volere che le loro banche inizino ad offrire conti correnti in criptovaluta e il 62% ha dichiarato di essere positivo sull'uso futuro di una o più criptovalute.

Goodman nota che questo è "perché la Turchia è seriamente preoccupata per la propria valuta". In altre parole, poiché c'è un bisogno, c'è anche un interesse per la criptovaluta.

In Venezuela, Coinbase ha distribuito criptovalute alle comunità, facendo in modo che i negozi accettassero gli asset digitali e aiutassero a rilanciare l'economia.

crypto 1

Altri argomenti 

La correlazione tra conoscenza del mondo cripto e fiducia nelle criptovalute. Sembra che all'aumentare della conoscenza, ci sia un minor livello di fiducia rispetto agli asset digitali. Il rapporto mostra che il 45% delle persone con un livello di conoscenza "medio" si fida delle criptovalute, ma solo il 32% delle persone che ha dichiarato di avere un livello di conoscenza "elevato" si fida.

Cash is king (il contante è il re), sicuramente lo avrai sentito dire molte volte. La ricerca di ING mostra che la dipendenza delle persone dai contanti è diminuita solo di qualche punto percentuale dal 2017, rimanendo relativamente stabile.

Questo post è la traduzione dell'articolo ING reveals crypto report: The utility phase.