Criptovalute, why not? cosa ne pensano gli americani

criptovalute americani

L'8% degli Americani possiede criptovalute, stando a un recente studio del sito di finanza personale Finder.com. Anche se questo dato rappresenta un enorme aumento rispetto all'1% a fine del 2016 e aiuta a spiegare l'esplosione del prezzo del bitcoin e di altre importanti criptovalute nel corso del 2017, ciò non toglie che il 92% degli Americani ancora non possiedano nessuna criptovaluta.

Il sondaggio di Finder.com evidenzia che circa 16,3 milioni di Americani (ovvero circa l'8% della popolazione) possiedono una criptovaluta. Il bitcoin (BTC) è di gran lunga la scelta più popolare, questa criptovaluta è posseduta da oltre il 5% della popolazione degli Stati Uniti. Non sorprende neanche che al secondo posto ci sia ethereum, con una percentuale dell'1,8%. Sebbene vi sia una significativa partecipazione di liquidità in ripple e poche altre, nessun intervistato ne possiede più dell'1%. 

Ecco perché la maggior parte degli americani non compra le criptovalute

Al 92% degli Americani che non possiedono alcuna criptovaluta è stato chiesto perché non ne avessero ancora acquistate, e questo è il risultato: alcuni sono dei validi motivi per restarne ai margini. Diamo uno sguardo più da vicino a ciascuna di queste ragioni e al perché così tanti Americani preferiscono rimanere fuori dalla corsa alle criptovalute. 

1) Non ne hanno bisogno o non sono interessati 

È facile non vedere la ragione per possedere criptovalute quando gli Americani hanno sempre avuto accesso a una valuta solida come il dollaro USA. Lo stesso non si può dire in molte parti del mondo, ma sembra che molti Americani abbiano l'impressione che se i loro soldi funzionano bene, non ci sia un vero bisogno per una seconda opzione. 

2) È troppo rischioso 

Le criptovalute sono volatili. Dal loro picco a metà dicembre, il bitcoin ha perso più della metà del suo valore. Mentre scrivo, quattro delle 10 maggiori criptovalute hanno avuto un'oscillazione di oltre il 10% solo nella giornata di ieri. La volatilità è una delle maggiori sfide che ostacolano l'adozione su larga scala delle criptovalute, e le persone che si avvicinano alle criptovalute non dovrebbero investire più denaro di quanto non siano disposti a perdere. Bene, il 35% degli Americani apparentemente non è disposto a perdere neanche un cent in criptovalute. 

3) È troppo complicato da capire

Un grande ostacolo con molte nuove tecnologie è l'educazione del pubblico. Ad esempio, il mio cellulare ha un sacco di funzioni, ma capisco come usarne solo una parte. Un problema simile si applica alle criptovalute e questa situazione lascia molte persone fuori dal mercato. 

4) È una truffa

Siamo di fronte a uno scenario in cui l'aumento della regolamentazione può essere una buona cosa, in quanto si sono verificate alcune truffe importanti che coinvolgono le criptovalute e le ICO. Facebook e Google hanno recentemente bandito gli annunci pubblicitari di criptovalute per questo motivo e la SEC prevede di aumentare il controllo sugli exchange di criptovalute per proteggere gli investitori. 

5) È una bolla

Questo è uno dei punti più controversi e difficili da confutare, sopratutto per quelle persone che già hanno vissuto sulla propria pelle la bolla delle dot-com. Ci sono attualmente oltre 1600 diverse criptovalute ed è giusto dire che non tutte si trasformeranno in investimenti vincenti nel lungo periodo. Come durante la bolla delle dot-com, è difficile dire, ora come ora, dove si trovi il valore nel lungo termine. 

6) È troppo difficile da usare

Non importa quanto sia rivoluzionaria e utile una tecnologia: se non è facile da usare, la maggior parte delle persone sarà lenta ad adottarla. A essere onesti, le criptovalute sono diventate molto più user-friendly negli ultimi anni e l'integrazione in piattaforme come Square ne rende ancora più semplice l'utilizzo. Tuttavia, è ancora difficile sostenere che comprare e usare bitcoin sia facile come usare una carta di credito.

7) Ci sono troppe commissioni

Questo è un problema più del bitcoin che delle criptovalute in generale. Senza essere troppo tecnici, la rete bitcoin non può gestire grandi volumi di transazioni, quindi quando il network si sovraccarica, le spese di transazione possono aumentare. Al momento della stesura di questo articolo, la transazione media in bitcoin costa $ 1,08 secondo bitinfocharts.com, ma la cifra è aumentata di oltre $ 20 a fine 2017.

Cosa potrebbe convincere il 92% degli Americani a entrare nel mercato delle criptovalute?

Abbiamo detto che bitcoin e le altre criptovalute stanno gradualmente diventando più facili da acquistare e vendere, e che si stanno pensando soluzioni per il problema della scalabilità di bitcoin che potrebbero ridurre drasticamente le commissioni. Col passare del tempo, la percezione che le criptovalute siano una truffa e che ci si trovi in una bolla potrebbe naturalmente scemare e la chiarezza normativa potrebbe aiutare a mantenere sotto controllo la volatilità.

Forse l'ostacolo più difficile da superare è anche il più comune: gli Americani semplicemente non vedono la necessità di comprare criptovalute o non ne hanno interesse. Finché questa percezione non inizia a cambiare, l'adozione su larga scala delle criptovalute potrebbe rivelarsi piuttosto difficile. 

Questo post è la parziale traduzione dell'articolo Here's why Americans aren't buying cryptocurrencies: survey

Maria Comotti avatar
Maria Comotti

Giornalista e mamma, trasformo le mie passioni in scrittura e utilizzo la curiosità come lente di ingrandimento del reale. Cresciuta professionalmente nel quotidiano .Com dove mi occupavo di raccontare il mondo della pubblicità, del marketing e degli eventi, ho poi collaborato con Il Sole 24 Ore, Il Mondo e altre testate economiche. Ora scrivo anche di design, architettura, running e fintech.