BNPL per il tuo ecommerce: una guida per scegliere il provider

Il fenomeno BNPL sta prendendo sempre più piede tra i pagamenti digitali, sempre più consumatori scelgono questa opzione. Vediamo di cosa si tratta.

bnpl

Many of the financial services featured on Fintastico have been referred to us by our compensating partners. This may affect the services we write about and how they appear and are placed on our pages. However, this does not affect our ratings. The opinions expressed on Fintastico are the personal opinions of the author and should not be construed as professional advice. Fintastico is not responsible for any loss or damage resulting from viewing or using this information.

Che cosa si intende con BNPL

Buy Now, Pay Later (Compra Ora, Paga Dopo) è la nuova tendenza dei pagamenti digitali e si tratta di un finanziamento a breve termine senza interessi che permette ai clienti di rateizzare i propri acquisti.

Questa nuova funzione è molto amata dai Millennial e dalla Generazione Z che hanno adesso la possibilità di dilazionare il costo dello shopping nel tempo. Il BNPL, infatti, viene offerto principalmente dai siti e-commerce per permettere ai propri clienti di pagare a rate somme non troppo elevate.

La tendenza del Compra Ora, Paga Dopo non va confusa, però, con il credito al consumo: quest’ultimo, infatti, può essere erogato solo dalle banche o dalle società finanziarie e vi si può accedere solo attraverso delle garanzie come il reddito e il conto corrente.

Il BNPL, invece, non richiede nessuna garanzia, è completamente gratuito (se il cliente rispetta la tempistica dei pagamenti) e basta iscriversi a una delle piattaforme che erogano il servizio per usufruire della rateizzazione.

Dunque, sembra sia evidente che i vantaggi per il consumatore siano molteplici. Ma quali sono, invece, quelli per l’esercente?

BNPL_prima

Il primo lato positivo nell’adottare questa nuova forma di pagamento è sicuramente la possibilità di fidelizzare quanti più clienti e minimizzare l’abbandono del carrello, poiché il consumatore è più propenso a portare a termine l’acquisto se ha la possibilità di rateizzare il conto.

Altro punto a favore è la garanzia del pagamento per il merchant anche nel momento in cui l’acquirente non dovesse saldare le rate poiché, in tal caso, sarà compito della piattaforma BNPL riscuotere il mancato pagamento.

Infine, data la possibilità di rateizzare il carrello, gli utenti sono più propensi a spendere un importo maggiore.

Clearpay, piattaforma specializzata nel BNPL, afferma, infatti, che grazie alla rateizzazione gli utenti triplicano i prodotti che mettono nel carrello e il ticket medio aumenta tra il 30 e il 40%.

Siamo arrivati alla conclusione che il servizio compra ora, paga dopo è vantaggioso sia lato acquirente, sia lato esercente. Vediamo ora quali sono le piattaforme che erogano questo servizio e quali sono quelle presenti in Italia.

Chi sono i top player al momento

top players

In un mercato nuovo e in forte espansione, la maggior parte delle aziende cerca il primato. Il mondo BNPL non è da meno.

Ci sono diverse compagnie che ad oggi offrono questo nuovo servizio e cercano tutte di differenziarsi per poter raggiungere il primo posto nella classica.

Vediamo insieme quali sono le app e le piattaforme più utilizzate nell’universo Compra Ora, Paga Dopo.

AFFIRM

Affirm è una società statunitense nata nel 2012 e specializzata nel fornire servizi finanziari. Il suo utilizzo è molto semplice: basta scaricare l’app e inserire i propri dati (inclusi numero di telefono, email e codice fiscale) o in alternativa si può richiedere una carta virtuale ma richiede un processo più lungo e idoneità più importanti come per esempio la residenza negli Stati Uniti.

Con Affirm puoi fare acquisti sia online, sia al negozio fisico se questo accetta Google Pay e/o Apple Pay e puoi scegliere tre modalità di pagamento:

  • dividere il conto in 4 rate: puoi dividere la spesa in quattro rate da saldare ogni due settimane senza interessi. Hai anche la possibilità di impostare l’autopay, ovvero i tuoi pagamenti rateali vengono automaticamente addebitati sul tuo conto alla data di scadenza;
  • i pagamenti mensili: esiste la possibilità di estinguere le rate attraverso un canone mensile che però prevede un tasso di interesse in base alla quota da pagare. In più, questa tipologia di pagamento è molto più simile a un finanziamento vero e proprio, infatti è soggetto a un controllo di idoneità;
  • la carta di credito: questa è una funzione ancora in via di sviluppo e opera come una normale carta di credito ma permette di pagare nei negozi fisici e rateizzare il conto in quattro rate.

Infine, gli ecommerce che già utilizzano Affirm sono Adidas, Samsung, Amazon e molti altri.

AFTERPAY

Afterpay è una piattaforma di pagamento digitale australiana fondata nel 2015 e acquisita nell’agosto 2021 da Square, anch’essa una piattaforma di pagamento digitale ma statunitense. Opera in Australia, Nuova Zelanda, Regno Unito, Stati Uniti, Spagna e Italia. Come Affirm, anche questa app di servizi rateali è molto semplice da usare. Infatti, basta scaricare l’applicazione sul telefono e creare il proprio account.

Afterpay divide l’acquisto in quattro rate, di cui la prima viene saldata al momento dell’acquisto. Il pagamento è sempre senza interessi, salvo che il cliente non rispetti le date di scadenza. Queste vengono comunque mandate via email così che il consumatore sappia sempre entro quando dover pagare.

Alcuni e-commerce che offrono Afterpay come metodo di pagamento sono Shein, Ralph Lauren, Calvin Klein e molti altri.

PAIDY

Paidy è una piattaforma pioniera nelle soluzioni BNPL fondata in Giappone nel 2008 e acquistata per 2,7 miliardi di dollari dal colosso statunitense PayPal. La particolarità del servizio del gruppo fintech nipponico è la bilateralità del pagamento: attraverso il machine learning, Paidy determina l’affidabilità creditizia di un consumatore in relazione a un determinato acquisto e trascrive tali transazioni così che il commerciante abbia la garanzia del pagamento.

La piattaforma BNPL suddivide il pagamento rateale in 3 mesi, infatti viene denominato 3-pay, e questo può essere estinto o attraverso conto corrente oppure presso un minimarket.

Alcuni partner sono Amazon, Rakuten Rakuma e molti altri.

I servizi BNPL che abbiamo appena visto agiscono per lo più a livello internazionale. Vediamo, quindi, quali sono i top player in Italia.

Klarna e Scalapay conquistano l’Italia

I due BIG in Italia non possono che essere Klarna e Scalapay. Ormai, se navighi in un qualsiasi sito ecommerce italiano vedrai tra i metodi di pagamento, o uno, o l’altro. Vediamoli nel dettaglio.

KLARNA

Il colosso svedese nel settore BNPL nasce nel 2005 a Stoccolma e non approda in Italia fino al 2020, complice la pandemia. Il suo uso è molto semplice: basta scegliere come metodo di pagamento Klarna, inserire il proprio conto corrente e il gioco è fatto!

BNPL_terza

Il conto verrà diviso in tre rate, di cui la prima verrà addebitata al momento dell’acquisto mentre le rimanenti verranno prelevate automaticamente dal tuo conto corrente, sempre con una email di preavviso. Ovviamente è tutto senza interessi.

Inoltre, puoi gestire i tuoi acquisti e le rate da pagare direttamente dall’app Klarna. Questa soluzione non deve essere vista, però, solo come un modo per dilazionare le proprie spese. Infatti, scaricando l'applicazione, avrai la possibilità di rimanere sempre aggiornato riguardo le offerte dei vari partner e potrai impostare degli avvisi sui tuoi articoli preferiti così da essere sempre il primo a sapere quando questi sono in saldo.

È anche possibile attivare le notifiche riguardo i pagamenti cosicché non ti dimentichi di saldare neanche una rata, la particolarità di Klarna, infine, è che si può usufruire del suo servizio rateale anche in siti dove non è presente nessuna collaborazione.

SCALAPAY

Scalapay è l’orgoglio italiano, infatti è stata fondata da Simone Mancini nel 2019 dopo essere rientrato in Italia dall'Australia dove è cresciuto. Ad oggi conta più di 3.000 aziende che lo hanno scelto come metodo di pagamento.

L’utilizzo può avvenire sia online che in-store. Vediamo le differenze:

  • per gli acquisti online basta scegliere Scalapay al check-out e pagare con Visa, Mastercard o Amex. Successivamente, bisogna creare un account e il gioco è fatto, la tua spesa verrà suddivisa in 3 rate mensili senza interessi;
  • per gli acquisti in-store, invece, bisogna scaricare l’applicazione (disponibile sia per iOS che per android), trovare il negozio che accetta come pagamento Scalapay e generare il codice a barre. Una volta arrivato in negozio basta che mostri il tuo codice a barre in cassa e avrai il tuo conto diviso in tre comode rate mensili. Facile no?

Dunque, abbiamo visto i top player nel mondo del BNPL, tanto simili quanto diversi. E tu, quale scegli per il tuo e-commerce?

Intergic  avatar
Intergic

Intergic takes ownership for all the aspects a growing business should look to when developing a new market. We provide the full range of services from strategic consultancy, digital marketing, account management pre-sales and sales. This allows them rapid access to the Italian market with immediately measurable costs and the reassurance of being connected to an already successful sales engine.