2020: Un anno di fusioni e acquisizioni nel fintech in rassegna

Attraverso fusioni e acquisizioni (M&A), le imprese accelerano la crescita. In questo articolo le operazioni M&A più importanti nel fintech nel 2020.
fusioni e acquisizioni fintech 2020

Gennaio

Il colosso americano delle carte di credito, Visa ha rivelato la sua intenzione di acquisire la piattaforma di open banking Plaid per 5,3 miliardi di dollari, ne abbiamo parlato in questo articolo. Tuttavia, 11 mesi dopo, il Dipartimento di giustizia degli Stati Uniti ha intentato una causa antitrust per fermare l'operazione.

"I consumatori e gli imprenditori americani acquistano e vendono sempre più beni e servizi online, e Visa - un monopolista nei servizi di addebito online - ha estratto miliardi di dollari di valore da queste transazioni", ha detto l'assistente del procuratore generale Makan Delrahim della Divisione Antitrust del Dipartimento di Giustizia. “Ora Visa sta tentando di acquisire Plaid, una startup concorrente che sviluppa un'opzione dirompente e a basso costo per i pagamenti con addebito online. Se fosse consentito procedere, l'acquisizione priverebbe commercianti e consumatori americani di questa innovativa alternativa a Visa e aumenterebbe le barriere all'ingresso per futuri innovatori".

Visa ha risposto con l'argomento che l'obiezione del Dipartimento di Giustizia era "legalmente viziata e contraddetta dai fatti". Il dibattito continuerà nel 2021 ...

Febbraio

A febbraio, Intuit, una multinazionale che fornisce software di gestione finanziaria per privati, piccole aziende e professionisti ha annunciato di voler acquisire Credit Karma. L'accordo, del valore di 8,1 miliardi di dollari, si è concluso a dicembre. A novembre Credit Karma ha venduto il suo software di preparazione per la dichiarazione dei redditi a Square in modo che l'acquisizione ottenesse il via libera dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

Marzo

Fiserv, uno dei più grandi fornitori di tecnologia per banche e istituti finanziari ha acquistato Bypass Mobile, impresa che fornisce POS (dall'inglese Point of Sale, letteralmente “punto di vendita”) per piccole e medie imprese, stadi e catene di ristorazione.

Sempre a Marzo, abbiamo anche assistito a una fusione tra Aon e Willis Towers Watson, dando vita a una delle più grandi società di consulenza in ambito risorse umane e intermediazione assicurativa.

Nel frattempo, le autorità spagnole hanno approvato l'acquisto da parte di SIX Group di Bolsas y Mercados Españoles per 2,8 miliardi di euro. L'operazione però si è conclusa solo a giugno. A seguito dell'acquisizione, SIX e BME sono diventati il ​​terzo operatore di Borsa in Europa e il decimo a livello mondiale.

Aprile

Ad aprile, la società di finanza personale SoFi ha annunciato la sua intenzione di acquistare il fornitore di servizi di pagamento Galileo Financial Technologies per 1,2 miliardi di dollari. Nello stesso mese, SoFi ha aggiunto un'altra acquisizione al suo conteggio in un accordo con l'app di trading 8 Securities di Hong Kong.

Maggio

GoBear, startup fintech con sede a Singapore, ha comprato la fintech di credito al consumo AsiaKredit a maggio. GoBear ha affermato che utilizzerà la piattaforma per fornire ai suoi 100 partner bancari e assicurativi una infrastruttura per poter erogare prestiti a consumatori nel sud-est asiatico e ad Hong Kong.

Giugno

square

Square Crypto, la divisione dedicata al trading di criptovalute di Square ha acquistato Verse, app spagnola di pagamenti peer-to-peer (P2P). Il team di Verse è entrato a far parte della divisione Cash App all'interno di Square.

Mastercard ha dichiarato di voler acquisire Finicity, fornitore di accesso in tempo reale alle informazioni finanziarie, in un accordo del valore di 825 milioni di dollari.

Nel frattempo, Credit Sesame ha acquisito la challenger bank canadese STACK. L'accordo ha fatto seguito alla loro precedente collaborazione per sviluppare il servizio bancario Sesame Cash. Oltre a combinare la loro tecnologia, tutti i dipendenti di STACK sono stati integrati in Credit Sesame.

Luglio

A luglio, la piattaforma di investimento online eToro ha acquisito Marq Millions, la società specializzata in e-money con sede nel Regno Unito prima del lancio di una nuova carta di debito. Dopo l'acquisizione, Marq Millions ha fatto un rebrand come eToro Money.

Agosto

American Express ha annunciato la conclusione dell'operazione di acquisto di Kabbage. Secondo i termini dell'accordo, American Express acquisirà il team di Kabbage, nonché i suoi prodotti, la piattaforma dati e la proprietà intellettuale creati per le piccole imprese.

Settembre

CaixaBank e Bankia uniscono le forze e con la loro fusione danno vita alla più grande banca di Spagna, superando le attività locali dei colossi Santander e BBVA. Secondo quanto riportato da diversi media locali la capitalizzazione del gruppo raggiungerà i 16,2 miliardi.

Ottobre

Paystack ha stabilito un record per le operazioni di fusione e acquisizione in Nigeria. La società è stata acquistata per 200 milioni di dollari dalla società di pagamenti statunitense Stripe. L'azienda con sede a Lagos ha circa 60.000 clienti commerciali in Nigeria e Ghana. Stripe era già presente nel capitale di Paystack, avendo guidato nel 2018 il round di finanziamento serie A di Paystack. L'accordo per Stripe è di grande importanza strategica, Paystack infatti ha affermato di elaborare più della metà di tutte le transazioni online in Nigeria.

Novembre

pagamento con Nexi Pay

Tra ottobre e novembre, Nexi, la paytech con sede a Milano ha annunciato due importanti acquisizioni. La prima è stata SIA, con la quale ha stipulato un accordo per una fusione del valore di 15 miliardi di euro. L'altra con Nets con sede a Copenaghen, un'operazione dal valore di 9,2 miliardi di dollari, ne abbiamo parlato in questo articolo. Con queste operazioni, Nexi ha dichiarato che diventerà la più grande società di pagamenti in Europa per volume, numero di clienti e guadagni prima delle imposte. Per valore di mercato, Adyen, con sede nei Paesi Bassi, è ancora il più grande processore di pagamenti del continente.

Dicembre

In chiusura dell'anno, Pnc Financial Services Group ha comprato la filiale americana della banca spagnola BBVA per 9,7 miliardi di euro. L'operazione sarà tutta in cash ed è un ulteriore passo verso il consolidamento del settore bancario negli Stati Uniti la cui redditività è messa a dura prova dai tassi ai minimi.